Martedì, 29 Maggio 2012 16:03

IL 16% dei bambini vive in povertà: lo rivela il nuovo rapporto dell'Unicef

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Nell’Unione Europea a circa 13 milioni di bambini e adolescenti mancano gli elementi di base necessari al loro sviluppo, e 30 milioni di minorenni  vivono in povertà. 

Il rapporto, realizzato dal Centro di Ricerca Innocenti dell’Unicef, esamina la povertà e la deprivazione materiale infantile in tutto il mondo industrializzato.  Nei 29 paesi dell’Unione Europea (27 più Norvegia e Islanda) a circa 13 milioni di bambini e adolescenti mancano gli elementi di base necessari al loro sviluppo. I tassi più alti di deprivazione materiale vengono riscontrati in paesi come Romania, Bulgaria e Portogallo (rispettivamente con più del 70%, 50% e 27% dei bambini e adolescenti esclusi). Ma anche paesi come la Francia e l’Italia hanno tassi di deprivazione superiori al 10%.
“Nonostante l'Italia sia tra i 15 Paesi europei più ricchi, il 15,9% dei bambini e degli adolescenti tra 0 e 17 anni vive in una condizione di povertà relativa. In questa classifica, l’Italia è agli ultimi posti: 29° su 35.

I dati del Rapporto mostrano che “il 13,3% dei minori vive in una condizione di deprivazione materiale”, ha ricordato il Presidente dell’UNICEF Italia Giacomo Guerrera,  durante la presentazione del Rapporto a Roma.
La Innocenti Report Card 10, redatta da Peter Adamson,  esamina la povertà e la deprivazione materiale infantile in due modi completamente diversi. 
La prima misura è un Indice, derivato da un’indagine condotta da European Union’s Statistics  on Income and Living Conditions (EU-SILC)  e prende in considerazione la percentuale di bambini e adolescenti che non ha accesso ad alcuni beni, servizi o attività  ritenuti “normali” nelle società economicamente avanzate, come fare almeno tre pasti al giorno, possedere libri e giochi adatti all'età del bambino, un posto tranquillo con spazio e luce a sufficienza per fare i compiti, connessione Internet.  Il 9,3% dei bambini italiani non ha a disposizione un posto tranquillo con spazio e luce a sufficienza per fare i compiti - media 5,4%. Sono servizi non accessibili ai bambini perché gli adulti non possono permetterselo.
La seconda misura riguarda la povertà relativa e prende in esame la percentuale di bambini e adolescenti che vivono al di sotto della “soglia di povertà” nazionale. I paesi nordici e i Paesi Bassi hanno i tassi più bassi di povertà infantile relativa, intorno al 7%. Australia, Canada, Nuova Zelanda e Regno Unito hanno tassi compresi tra il 10 e il 15 %, mentre oltre il 20% dei bambini in Romania e Stati Uniti vivono in povertà relativa.
Inutile ribadire quanto la politica dei governi possa avere un impatto significativo sulla vita dei bambini e degli adolescenti.  “Il rischio è  infatti che con la crisi attuale, le conseguenze di decisioni sbagliate possano  essere visibili solo tra molto tempo” ha concluso Gordon Alexander, Direttore del Centro di Ricerca dell’Unicef.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

A Lamezia Terme nasce la Fondazione Dulbecco per lo studio e la produzione di anticorpi monoclonali di pronectine 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Scuola. La supremazia del banco

Scuola. La supremazia del banco

Bando europeo pubblicato, gara avviata, in attesa di aggiudicazione. In palio migliaia di banchi monoposto per una serena ripartenza delle scuole a settembre. Il dibattito pubblico intorno alla scuola ai tempi...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]