Giovedì, 27 Settembre 2012 14:43

Metalli? Pesanti, ma meno che in passato, lo dice il Cnr

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

ROMA - Si chiude oggi la sedicesima edizione dell’Ichmet (Conferenza internazionale sui metalli pesanti nell’ambiente) coorganizzata dall’Istituto sull’inquinamento atmosferico (Iia) del Cnr .

L’impatto sull’ambiente e sulla salute di questi elementi è in netto calo, grazie al controllo scientifico e normativo. Resta però l’allarme nei siti a rischio . Quest’anno è stata l’Italia a ospitare l’Ichmet. La Conferenza internazionale sui metalli pesanti nell’ambiente, giunta alla sedicesima edizione e in corso sino a oggi presso il centro Angelicum di Roma, è stata coorganizzata dall’Istituto sull’inquinamento atmosferico del Consiglio nazionale delle ricerche (Iia- Cnr) in collaborazione con università ed enti di ricerca internazionali.

“Le emissioni di metalli pesanti sono significativamente diminuite nel corso degli ultimi vent’anni, grazie alla messa al bando del piombo dalle benzine e a miglioramenti tecnologici nel controllo delle emissioni in atmosfera e rilascio nelle acque reflue industriali”, spiega Nicola Pirrone, direttore dell’Iia-Cnr. “In Europa le emissioni in atmosfera di cadmio ammontano oggi a circa 75 tonnellate annue (dato del 2010), con una riduzione di circa il 60% dal 1990, e giungono prevalentemente da impianti di produzione siderurgici ed energetici. Nello stesso arco temporale si sono registrate riduzioni di circa la metà delle concentrazioni in atmosfera, mentre le emissioni di piombo sono scese da 25.000 a 6.000 tonnellate circa, una riduzione dell’87% cui ha fatto riscontro quella di circa il 60% delle concentrazioni in aria”.

Dati confortanti anche dall’Osservatorio mondiale sull’inquinamento da mercurio (Gmos), per quanto riguarda un metallo pesante fra i più pericolosi per l’uomo: “Le emissioni in Europa ammontano oggi a circa 70 tonnellate annue, con una riduzione di circa il 60% dal 1990”, prosegue Pirrone, che però avverte: “Il rischio per la popolazione aumenta in funzione della prossimità ai siti contaminati. In Italia contiamo una cinquantina di questi Sin (Siti di interesse nazionale), per i quali sono stati riscontrati fattori di inquinamento ambientale particolarmente significativi, anche con riferimento alla contaminazione da metalli pesanti”.

Nonostante i dati incoraggianti, è insomma opportuno non abbassare la guardia. “Alcuni di questi metalli sono soggetti a bioaccumulo, cioè permangono nell’organismo per tempi lunghi, e biomagnificazione, per cui la quantità di inquinante aumenta all’aumentare della massa corporea”, ricorda il direttore dell’Iia-Cnr. “Gli alimenti rappresentano la principale fonte di esposizione ad alcuni metalli pesanti come cadmio, mercurio ed arsenico. Per questo l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha ridotto la dose settimanale ammissibile (Twi) per il cadmio a 2,5 microgrammi per kg di peso, basandosi sull’analisi di nuovi dati epidemiologici e tossicologici”.

Ezio Alessio Gensini

Giornalista, poeta, regista, sceneggiatore. Narratore di vicende sportive e divulgatore scientifico. Apolide. Vive a Křivoklát (Boemia).

www.dazebaonews.it

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]