Lunedì, 31 Gennaio 2011 09:47

Caso Ruby. Su facebook migliaia di donne contro lo sfruttamento del corpo femminile

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - "Questa sarà una settimana importante (dal 24 al 31 gennaio 2011) , in tutta Italia donne organizzaranno sit-in, dibattiti, cortei o assemblee pubbliche, flash mob per palesare con forza il nostro NO a questo sistema di compravendita delle donne, allo sfruttamento del corpo femminile.. richiedendo che siano riaffermati i nostri diritti come donne: diritto al lavoro ed all'auto-determinazione.

"E' quanto si legge nella pagina aperta da "Società Usa e getta", un gruppo che conta migliaia di iscritti. Le adesioni per riaffermare questo sacrosanto diritto continuano a salire.

Abbiamo scelto questa frase emblematica per racchiude il senso di questa importante iniziativa.
"IO SONO..... una delle tante donne che ogni giorno dicono NO a compromessi e che accettano la loro dura quotidianeità. Sono una di quelle tante persone che hanno sofferto e perso la vita e che nessuno ne ha mai parlato. Una di quelle persone anonime che hanno vissuto con tenacia e dignità e continuano con esemplare forza a dire... NO ...all'illegalità, ai compromessi ai soprusi..... vivendo nell'anominato!"


La pagina di facebook

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]