Mercoledì, 14 Maggio 2014 11:29

Il vino rivoluziona gli Usa. Americani maggiori consumatori al mondo

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Coldiretti,  l’Italia è il primo fornitore d’oltreoceano

ROMA - Per la prima volta nella storia gli Stati Uniti si sono classificati come i maggior consumatori di vino al mondo mettendo a segno nel 2013 uno storico sorpasso nei confronti della  Francia che si posiziona davanti all’Italia. E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare i dati dell’Organizzazione mondiale del Vino e della Vite (OIV) che ha evidenziato peraltro un calo generalizzato dell'uno per cento dei consumi mondiali in quantità  che sono scesi a 238,7 milioni di ettolitri.

Il settore enologico su vasta scala si è sviluppato negli Usa appena dal 1970 e nonostante si sia verificata una vera esplosione della coltivazione in pochi decenni, a causa di una produzione di 22 milioni di ettolitri di vino, gli Stati Uniti nel 2013 hanno importato 10,9 milioni di ettolitri di vino dei quali ben 2,9 milioni di ettolitri dall’Italia che - sottolinea la Coldiretti - è stata il primo fornitore mondiale davanti alla Francia che ne ha esportato però meno della metà (11,6 milioni di ettolitri).

 

Il profondo cambiamento è stato determinato – sostiene la Coldiretti - da un lato dall’aumento dello 0,5 per cento dei consumi negli Usa che hanno raggiunto 29,1 milioni di ettolitri e dall’altro dal calo del 7 per cento dei consumi in Francia (28,2 milioni di ettolitri) e del 4 in Italia (21,8 milioni di ettolitri). Sorprendente nel contesto europeo è anche - continua la Coldiretti - l’aumento del 2 per cento della Germania che si colloca al quarto posto con 20,3 milioni di ettolitri mentre si ridimensiona per la prima volta con un calo del 4 per cento il consumo in Cina che si posiziona comunque al quinto posto con 16,8 milioni di ettolitri.

Si è dunque verificata – sottolinea la Coldiretti - una vera rivoluzione del mondo del vino a partire dall’Italia dove nel 2013 i consumi sono scesi al minimo dall’Unità d’Italia per effetto del cambiamento dello stile di vita ma anche ella crisi. Gli italiani hanno detto addio - precisa la Coldiretti - a quasi un bicchiere di vino su quattro negli ultimi dieci anni e se la media di consumo è di 37 litri a persona, solo il 21 per cento degli italiani beve vino tutti i giorni e addirittura quasi la metà non lo beve mai. Si beve meno, ma si beve meglio con la produzione nazionale che puo’ contare su una offerta di 73 etichette Docg, 332 Doc e 118 Igt.

Il risultato è che la quantità di vino Made in Italy consumato in Italia è risultata addirittura inferiore di quella bevuta fuori dei confini nazionali con l’Italia - sottolinea la Coldiretti – che si classifica come primo esportatore mondiale. Secondo l’Organizzazione mondiale del Vino e della Vite (OIV) infatti l’Italia nel 2013 è anche il primo produttore mondiale di vino con 44,9 milioni di ettolitri davanti alla Spagna che con 44,7 milioni di ettolitri sorpassa la Francia ferma a 42 milioni di ettolitri, con la produzione mondiale che è salita del 9,4 per cento a 278,6 milioni di ettolitri.

“Nonostante il settore del vino abbia affrontato una grave crisi dei consumi interni ha saputo creare reddito e occupazione in Italia perché ha saputo puntare sulla qualità, sulla distintività e sul legame con il territorio creando le condizioni per una valorizzazione sul mercato nazionale ed estero dove è diventato simbolo del Made in Italy”, ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

“Ti ho visto negli occhi”. Il rapimento di Anna Bulgari e Giorgio Calissoni …

“Ti ho visto negli occhi”. Il rapimento di Anna Bulgari e Giorgio Calissoni in un docu-crime di denuncia

Un racconto dettagliato di eccezionale impatto emotivo  rivissuto  dai suoi protagonisti  

Elisabetta Castiglioni - avatar Elisabetta Castiglioni

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

ROMA – I recenti dibattiti apparsi sui media e social-media per la soppressione di alcuni cinghiali avvenuta quasi nel cuore di Roma, hanno riacceso l’attenzione sulla coesistenza tra uomo e...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]