Domenica, 03 Aprile 2011 20:37

La terapia antiretrovirale contro l’Hiv: tra il presente ed il futuro

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

ROMA - La scienza ha fatto passi da gigante nell’ambito della ricerca contro l’Hiv (cioè la condizione in cui viene rilevata la presenza di anticorpi anti-HIV ma non si hanno ancora manifestazioni come infezioni opportunistiche, che invece distinguono la sindrome da immunodeficienza acquisita – AIDS -, malattia che si differenzia dall’HIV per il fatto che le difese immunitarie sono talmente deboli da non riuscire a difendere l’organismo da microrganismi anche innocui).


Con l’uso della terapia HAART (Highly Active Anti-Retroviral Therapy) e grazie agli studi scientifici ad essa correlati dal 1996, la patologia dell’HIV è diventata gestibile. Infatti il trattamento è composto da più farmaci antiretrovirali, che permettono di ridurre la carica virale e migliorare la situazione immunitaria, e si basa sui cosiddetti "valori" dei linfociti T CD4+ (cellule del sistema immunitario) e della carica virale (numero di copie per millilitro di sangue): la conseguenza della cura è il blocco della replicazione virale e l’allungamento della sopravvivenza delle persone sieropositive.


Nonostante i progressi la comunità scientifica si interroga su altri problemi da affrontare, stante l’innegabile miglioramento della qualità della vita dei pazienti affetti da HIV, vale a dire il dilemma della tossicità a lungo termine di questi farmaci. In un convegno recente, a Roma, incentrato sul tema “Less Drugs for more Safety, Convenience and Sustainability” si è stabilito di valutare le nuove strategie terapeutiche che guardano proprio alla semplificazione della cura e alla limitazione del carico di farmaci nelle persone “stabilizzate “ con la terapia HAART. Si è pensato, pertanto, di sviluppare la ricerca non solo sotto l’aspetto della efficacia dei medicinali, ma affrontando pure tematiche inerenti alla tollerabilità e alla sicurezza. Non sarebbe da trascurare, però, anche il tema della farmacoeconomia della terapia, cioè l’ottimizzazione delle risorse e l’appropriatezza delle cure. Questa sorta di “premesse” e di “promesse” sono state valutate e discusse soprattutto in vista della partecipazione italiana alla grande Conferenza Mondiale sull’AIDS che si svolgerà a Roma, verosimilmente tra il 17 ed il 21 luglio 2011 nel trentesimo anniversario della scoperta del virus Hiv. I temi da trattare saranno diversi e delicati: sollevati e dalla stessa comunità scientifica che dalle associazioni dei pazienti. Ulteriore argomento, tra i tanti, il tema dell'accesso alle cure nel sud del mondo.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

“Scusa la domanda principe della peste: dove te ne vai adesso?”Con questa domanda nel 1958 Mao Zedong concludeva una delle sue poesie, intitolata “Addio al dio della peste”.  Attraverso versi...

Carlotta Pompei - avatar Carlotta Pompei

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Takis, azienda italiana di Castel Romano, è l'unica in Italia e la prima in Europa pronta a testare il suo vaccino Covid-19 su modelli  

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]