Sabato, 30 Aprile 2011 13:43

Lamberto Sposini reagisce agli stimoli. Polemiche per i tagli alla sanità

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Lamberto Sposini risponde agli stimoli del dolore durante le visite specialistiche. È quanto apprende l'Adnkronos da fonti qualificate, che definiscono questo un fatto positivo anche se evidenziano che l'emorragia cerebrale che ha colpito il giornalista era molto estesa. L'entità del danno sarà possibile conoscerla solo nelle prossime 24-48 ore, quando presumibilmente Lamberto Sposini verrà svegliato dal coma farmacologico. Sembra che la zona colpita dall'emorragia sia quella dell'emisfero sinistro, che corrisponde agli stimoli del linguaggio e del movimento. Le sue condizioni, precisano i sanitari, sono attualmente buone.

"Lo staff medico del Policlinico universitario Agostino Gemelli, coordinato dai professori Giulio Maira e Rodolfo Proietti, ha deciso di mantenere il giornalista Lamberto Sposini in coma farmacologico almeno per le prossime 48 ore. Le condizioni generali del paziente, ricoverato in Terapia Intensiva, sono buone. Sposini risponde agli stimoli dolorosi. Rimane in prognosi riservata", questo il ternore del comunicato emesso dal Policlinico Gemelli.

Polemiche per i tagli alla sanità

Il reparto di neurochirurgia dell'ospedale Santo Spirito di Roma, dove è stato inizialmente portato ieri il giornalista Lamberto Sposini dopo il grave malore che l'aveva colpito, «è chiuso da gennaio di quest'anno, come previsto dal Piano di rientro dal deficit della sanità laziale». Lo sottolinea Domenico Iscaro, presidente dell'Anaao Assomed e medico al Santo Spirito, aggiungendo però che «la sala operatoria chiusa è ancora attrezzata, le apparecchiature sono al loro posto ma inutilizzate e il personale prende lo stipendio senza essere operativo». «Non voglio speculare - premette il medico - Sposini è apparso sin dall'inizio un caso molto grave: certo è che se fosse arrivato a dicembre 2010, quando ancora il reparto era funzionante, sarebbe stato sottoposto al drenaggio nell'arco di mezz'ora, un'ora al massimo», senza dover essere trasferito in un altro ospedale. Il punto è, secondo Iscaro, «che si è accentrata l'attenzione sui ritardi nei soccorsi e sui malfunzionamenti del 118, quando in un grosso e importante ospedale come il santo Spirito - rimasto l'unico punto di riferimento per il centro della capitale dopo la chiusura del San Giacomo - si decide di chiudere un reparto, lasciando apparecchiature e personale inutilizzato, che gira per l'ospedale senza poter operare. Dov'è il risparmio che si voleva ottenere? Di questo dovrebbe occuparsi la presidente Polverini, perchè a pagare sono ancora una volta i cittadini».

Last modified on Sabato, 30 Aprile 2011 13:49

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Aurisicchio Ad Takis: “Un’opportunità sinergica e nuovi stimoli”. Lucio Rovati, Presidente e Direttore Scientifico di Rottapharm Biotech; “non solo i capitali per la prima fase di sperimentazione, ma soprattutto il...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]