Venerdì, 20 Maggio 2011 16:42

Una burla al salone del libro. Il piccolo giallo di Manuele Madalon. IL VIDEO

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

TORINO - Lo ammettiamo, presa da una distanza di sicurezza, la scena è di quelle ironiche, allegre, seppure al limite del ridicolo e potrebbe, tranquillamente, essere stata tratta dall’ultima serie di “Specchio Segreto”. Pardon, “Candid Camera”. Purtroppo, invece, come spesso accade in quest’italietta di inizio secolo, la finzione, il falso, la menzogna, l’apparenza prendono il sopravvento e, pur se sotto la forma del “paradosso”, tornano a rappresentare la realtà.



Il fatto si svolge a Torino, durante il recente Salone internazionale del Libro. Un giovane scrittore, Manuele Madalon, si aggira per gli stand salutando i numerosi ospiti famosi presenti: scrittori di fama e stimate “firme” del giornalismo; autori prestati allo spettacolo e guitti di varietà consacrati, ormai, come autori da biblioteca alessandrina. Li avvicina e li ringrazia, molto amabilmente, di aver letto il suo libro “d’esordio”, “Implosione” e di avergli risposto - per e-mail - incoraggiandolo a proseguire.

Accade, ora, che lor signori - forse presi alla sprovvista - si dilunghino in apprezzamenti positivi sull’opera prima in questione e si attardino a dispensar consigli al neofita su come continuare una brillante e luminosa carriera. E giù elogi, citazioni e riferimenti ad “atmosfere misteriose e sottili” o, ancora, “sul mondo di riferimento raccontato in modo estremamente autentico” anche se, ovviamente, “c’è qualche asperità tipica dell’opera prima; sull’ansia di metterci dentro tutto”.

Pazienti, positivi, comprensivi addirittura, accuditivi. Che bello vedere svilupparsi una tale disponibilità e simpatia, da parte di chi “ce l’ha fatta” ed è all’apice del successo, nei confronti di un giovane che ha le carte in regola per far carriera.

C’è, però, soltanto un piccolo neo e, cioè, che “Implosione” non sia mai stato scritto e che Madalon (dubitiamo persino sulla veridicità del nome), abbia messo in scena - insieme ai ragazzi del Politecnico di Torino - tutta questa burla solo per smascherare “da dentro” (IL VIDEO) i meccanismi con cui si costruisce o non si costruisce una fortuna letteraria.

Un piccolo capolavoro nel suo genere da cui, ad ogni incontro con il “famoso”, traspare la sua arroganza, la sua consapevolezza di appartenere ad una “casta” a cui gli altri - i “non famosi” - ambiscono di far parte. La falsa attenzione prestata al neofita, infatti, non è bontà ma soltanto concessione alla legittima ammirazione e, come al solito, rappresenta il modo con cui i potenti (oggi i Vip, ieri politici e governanti) s’interessano dei problemi dei loro simili.

“Si mi ricordo di te, caro!”, dicevano i plenipotenziari democristiani ai questuanti dei primi anni dopo la guerra. La stessa frase che i nuovi affiliati alla consorteria dei “famosi” riservano ai giovani aspiranti di oggi.

Il vero dramma, però, non sta nel fatto che tutti conoscono le modalità con cui - nel mondo editoriale - si costruiscono le fortune dei nuovi scrittori; tutti sanno che le “fascette” sono costruite dai recensori di fama che hanno letto, al massimo, due pagine inviategli dopo pressioni, per fax. Così come, tutti sanno che, ormai, conta più la pubblicità del libro che non il libro stesso.

Il vero dramma, dicevamo, sta nel fatto che in quest’Italia dove ormai più nessuno ha voglia d’imparare, tutti - a partire da chi conta - devono far finta di sapere, qualunque cosa, ma sapere. Per comodità, per interesse, foss’anche soltanto per paura di fare figure di merda.

Perché non si vuole dire la verità: “scusa ma non ti conosco, non ho mai letto nulla di tuo” che sarebbe sincero e onesto ma, soprattutto, perché non si ha alcun interesse reale a conoscere, a sapere realmente.

Alessandro Bongarzone

?ubblicista, esperto di comunicazione e multimedialità si occupa di formazione e comunicazione

www.dazebaonews.it

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Aurisicchio Ad Takis: “Un’opportunità sinergica e nuovi stimoli”. Lucio Rovati, Presidente e Direttore Scientifico di Rottapharm Biotech; “non solo i capitali per la prima fase di sperimentazione, ma soprattutto il...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]