Mercoledì, 06 Gennaio 2016 12:34

Istat. Italia in decadenza, la cultura non interessa

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA  - La fotografia di un'Italia "decadente", un tempo culla della cultura,  emerge dai dati contenuti nell'ultimo annuario statistico dell'Istat.

Infatti, in Italia circa una persona su 5, ossia il 18,5% della popolazione, non svolge alcuna attivita' culturale, anche se semplice e occasionale, e cioe' nell'ultimo anno non ha letto un libro o un giornale, non ha visitato un museo, una mostra, un sito archeologico, non e' andato a teatro, al cinema, a un concerto ne' a uno spettacolo sportivo e nemmeno a ballare. Una percentuale che sale al 28,2% al Sud, e cala al 12,1% nel nord Est.  Sembrerebbe inoltre che in pochi hanno voglia di tenersi informati: oltre il 50% (51,9%) degli italiani nel 2015 non ha mai sfogliato un quotidiano nell'arco di una settimana mentre quasi 6 italiani su 10 non ha letto nemmeno un libro per non parlare della visita ad una mostra o a un museo, disertati dal 68,3%. L'88,3% degli italiani l'anno scorso non e' andato ad un concerto di musica classica (il 78,8% ha disertato anche i concerti di musica moderna o contemporanea), e quasi l'80% non e' stato a teatro. Il cinema e' sicuramente piu' 'frequentato' ma anche in questo caso, la percentuale e' bassa: il 48,9% non ha mai visto un film sul grande schermo nell'ultimo anno, e tra gli over 75 anni la percentuale sale finanche al 90%.

Sotto il profilo demografico, spiega l'Istat, a partire dai 60 anni i totalmente esclusi da qualsiasi attivita' culturale superano il 20% e aumentano irreversibilmente al crescere dell'eta'. Sono le donne a non partecipare alle attivita' culturali (21%) rispetto agli uomini (15,8%), e tale percentuale raggiunge il suo massimo tra le 75 enni (50,8% contro il 35,5% degli uomini). Entrando nel dettaglio, msuei e mostre sono disertati dal 68,3% degli italiani (e dal 78,5% dei residenti nelle regioni del Sud). La disaffezione, spiega l'Istat, si diffonde a partire dai 20 anni e raggiunge il suo picco tra gli ultra 75enni (88,3%). Siti archeologici e musei sono del tutto ignorati dal 74,7% degli italiani, e ancora di piu' se abitanti nelle regioni del Sud (81,4%). Ma il Sud si differenzia per un maggiore 'interesse' al cinema: l'afflusso al cinema e' infatti del 50,1% contro il 48,9% della media nazionale. Tra i cittadini con piu' di 20 anni, il numero di chi 'snobba' le sale cinematografiche aumenta con il crescere dell'eta'. La non partecipazione a eventi sportivi invece e' fortemente marcata da differenze di genere: il 62,5% dei maschi, contro l'81,9% delle femmine.

Quanto alla lettura, chi trascura questo interesse sono maggiormente gli abitanti del Sud (62,7%), i bambini gli adolescenti e i giovani fino a 19 anni (con valori che passano dal 92 all'84,9% per coloro che hanno meno di 15 anni e che vanno dal 74,5% al 66% per la classe di eta' 15-17 e 18-19). Le donne che non hanno mai aperto un quotidiano sono piu' degli uomini (56,8% contro 46,7%). I libri sono 'snobbati' invece dalla meta' delle donne, e da ben il 63,4% degli uomini. Tra i residenti nelle regioni del Nord est la percentuale di non lettori di libri e' la piu' bassa (50%) mentre al Sud oltrepassa il 69%. Tra chi si dedica alla lettura, poi, il 45,5% legge al massimo 3 libri l'anno - e sono in particolare i giovani - mentre solo il 13,7% legge piu' di un libro al mese. Ci stiamo pero' sempre piu' abituando alle nuove tecnologie: nel 2015, il 56,5% della popolazione dichiara di utilizszsare il pc e il 60,2% afferma di fare uso di Internet. Il 40,3% 'naviga' ogni giorno, e anzi si registra un incremento del 2,8% dei naviganti nel 2015 rispetto al 2014. Si tratta di un aumento di oltre 33 punti percentuali dal 2011.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Ne…

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Nervi in Vaticano

Il Covis19 si sta impossessando di tutto, in tutto il mondo. Disneyland, tempio del divertimento, chiuso da tempo per evitare assembramenti, è diventato un “centro covid”, dove al posto dei...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Le cellule cancerose sarebbero in grado di proteggersi in una sorta di letergo, quando sono minacciati dal trattamento chemioterapico. E' quanto emerso in una ricerca apparsa sulla rivista scientifica Cell. 

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]