Lunedì, 22 Febbraio 2016 19:04

IX Giornata Nazionale del Braille: Cagliari intitola una piazza a Louis Braille Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

CAGLIARI - In occasione della Giornata Nazionale del Braille, che si tiene ogni anno il 21 febbraio, il Comune di Cagliari ha intitolato una piazza a Louis Braille, inventore dell’omonimo sistema di lettura e scrittura. La piazza è ubicata fra Via Stoccolma e Via Berlino nel quartiere Genneruxi.

“Con la Giornata Nazionale del Braille, e in particolare attraverso l’intitolazione di un luogo pubblico in ogni Comune d’Italia, così come richiesto anche dal Presidente ANCI Piero Fassino a tutti i Sindaci, vogliamo celebrare Louis Braille - ha dichiarato il Presidente Nazionale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Mario Barbuto – “autore di un’autentica rivoluzione sociale, che ha avuto benefici e incalcolabili effetti su milioni di persone non vedenti in tutto il mondo. Vorrei dire grazie al Consiglio Regionale sardo dell’Unione, per l’ospitalità e l’organizzazione di questa Giornata Nazionale”.

“L’inaugurazione della piazza dedicata a Braille è un’azione simbolica - dichiara l’Assessore Mauro Coni - ma rientra a pieno titolo nel lavoro che il Sindaco, insieme al Consiglio comunale di Cagliari, sta portando avanti in questi anni per costruire una città sempre più accogliente, sicura e accessibile, sia per chi ha una disabilità sia, di conseguenza, per tutti i suoi cittadini”.

 “Grazie al Comune di Cagliari per la sensibilità dimostrata nell’accogliere le istanze dell’Unione – dichiara il Presidente del Consiglio Regionale sardo dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Raimondo Piras. Stiamo lavorando insieme alle istituzioni regionali per rinforzare i servizi in favore delle persone con disabilità visiva e quanto si sta realizzando a Cagliari ne è una dimostrazione evidente. Continueremo su questa strada per rendere questa città e la nostra regione sempre più attente ai bisogni dei cittadini, in particolare di quelli più deboli”.

“L’Unione Ciechi e Ipovedenti – dichiara Eugenio Saltarel, componente dell’Ufficio di Presidenza  - ribadisce il suo impegno per far conoscere la figura di Louis Braille e l’importanza del sistema di lettura e scrittura da lui ideato quasi 200 anni fa, al quale ancora oggi non esistono alternative. E’ grazie al Braille, infatti, che i ciechi apprendono a leggere e scrivere e possono accedere alla cultura in modo diretto senza intermediazione di strumenti tecnologici o di altre persone”.

“Il Braille è fondamentale per l’istruzione delle persone con disabilità plurime, che oltre alla mancanza della vista, non possono nemmeno usufruire delle informazioni che arrivano attraverso il canale uditivo – dice Angelina Pimpinella, componente della Direzione Nazionale. Chi non comunica non può vivere, quindi per noi il Braille è vita”.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]