Venerdì, 22 Aprile 2016 10:15

Earth Day. Accordo Onu dopo trimestre più caldo nella storia

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - La firma all'Onu dello storico accordo per fermare il riscaldamento del pianeta avviene dopo che il primo trimestre 2016 si è classificato come il piu’ caldo di sempre a livello mondiale con la temperatura media registrata sulla superficie della terra e degli oceani, addirittura superiore di 1,15 gradi celsius rispetto alla media del ventesimo secolo.

E’ quanto afferma la Coldiretti in occasione della giornata della Terra (Earth day) con appuntamento centrale all’Onu per la ratifica da parte di Ban Ki Moon e di 165 leader mondiali dello storico Accordo sul Clima siglato lo scorso dicembre a Parigi, sulla base della banca dati del Noaa, il National Climatic Data Centre che rileva le temperature sul pianeta dal 1880. “Il mondo si è fermato sull’orlo del precipizio con la conferma della tendenza al surriscaldamento testimoniata dal fatto che non si tratta di un dato isolato poiché tra i 10 anni più caldi degli ultimi 137 anni, ben nove sono successivi al 2000”, ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo. Il 2015 è in testa alla classifica degli anni piu’ bollenti davanti al 2014 e al, 2010 che - sottolinea la Coldiretti - è seguito dal 2013, dal 2005 e poi a pari merito dal 1998 e dal 2009 e a seguire il 2012 e poi il 2003, il 2006 e il 2007 a pari merito. Il cambiamento climatico è evidente anche in Italia dove il 2015 si è classificato come l’anno più caldo della storia, da quando esistono i rilevamenti climatici secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Isac Cnr. Nell’anno appena trascorso - sottolinea la Coldiretti - si è registrata una temperatura superiore di 1,42 gradi rispetto alla media. Bisogna affrontare - sostiene la Coldiretti - i drammatici effetti dei cambiamenti climatici che si manifestano con una tendenza al surriscaldamento che si è accentuata negli ultima anni, ma anche con il moltiplicarsi di eventi estremi, sfasamenti stagionali e precipitazioni brevi ed intense che si abbattono su un terreno reso piu’ fragile dal consumo di suolo. Il risultato - sostiene la Coldiretti - è che sono saliti a 7.145 i comuni italiani, ovvero l'88,3% del totale, che sono a rischio frane e/o alluvioni secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Ispra. Al fenomeno non è certamente estraneo il fatto che l’Italia - denuncia la Coldiretti - ha perso il 28 per cento della terra coltivata per colpa della cementificazione e dell’abbandono provocati da un modello di sviluppo sbagliato che ha ridotto la superficie agricola utilizzabile ad appena 12,8 milioni di ettari.

LA CLASSIFICA DEGLI ANNI PIU’ CALDI DEL PIANETA DAL 1880

ANOMALIA RISPETTO ALLA MEDIA IN GRADI CELSIUS

1          2015                                                  +0,90

2.         2014                                                  +0,74
3.         2010                                                  +0,70
4.         2013                                                  +0,66

5.         2005                                                  +0,65
6.         1998                                                  +0,63
6.         2009                                                  +0,63
8.         2012                                                  +0,62
9.         2003                                                  +0,61
9.         2006                                                  +0,61
9.         2007                                                  +0,61

Fonte: Elaborazioni Coldiretti su dati Noaas

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

A Lamezia Terme nasce la Fondazione Dulbecco per lo studio e la produzione di anticorpi monoclonali di pronectine 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Scuola. La supremazia del banco

Scuola. La supremazia del banco

Bando europeo pubblicato, gara avviata, in attesa di aggiudicazione. In palio migliaia di banchi monoposto per una serena ripartenza delle scuole a settembre. Il dibattito pubblico intorno alla scuola ai tempi...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]