Martedì, 02 Agosto 2016 13:12

Strage Bologna: dopo 36 anni continuano i depistaggi

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

BOLOGNA - "Continua il diffuso e generalizzato depistaggio rivolto alla sostanziale rimozione della verita' su un pezzo importante di storia della nostra democrazia e sulla commistione tra eversione, terrorismo e sviluppo del fenomeno mafioso".

Lo  ha detto il presidente dell'Associazione familiari vittime della strage del 2 agosto 1980, Paolo Bolognesi, intervenuto dal palco allestito in stazione per la giornata di commemorazione del 36esimo anniversario. "E' ormai documentalmente acclarato - ha sottolineato il rappresentante dei familiari - che la strage del 2 agosto 1980 fu il frutto di perversi legami tra organizzazioni terroristiche e criminali e settori importanti del potere e degli apparati istituzionali. Se dopo 36 anni ancora manca la volonta' di arrivare ad accertare la responsabilita' dei mandanti di quel terribile massacro e' perche' lo Stato e le istituzioni politiche, nel loro complesso, non hanno invece dimostrato con i fatti di volere definitivamente puntare a recidere quei legami.

Sembra infatti - ha continuato - che l'obiettivo d'ulteriore approfondimento che ci impongono le sentenze dei giudici sia condiviso e vissuto oggi da pochi soggetti, da pochi magistrati e investigatori nel disinteresse delle istituzioni". In precedenza Bolognesi aveva ricordato il testo impresso sul manifesto creato dall'Associazione dei familiari per il 36esimo anniversario: "Il Paese deve sapere chi, tramite Licio Gelli, fu tanto determinato contro la democrazia da finanziare una strage di 85 morti e 200 feriti". Infine, ricordando il materiale presentato in Procura a Bologna, il presidente dell'Associazione familiari ha parlato di "accurati dossier con nomi, dati, fatti ricostruiti sulla base di un'attenta e incrociata lettura dei documenti relativi alle stragi di Bologna, Brescia, Milano e al crack del Banco Ambrosiano. Un materiale consistente - ha concluso Bolognesi - che se approfondito e sviluppato giudiziariamente potra' permettere ai magistrati di identificare i mandanti. Un'azione investigativa che i familiari delle vittime attendono ancora che sia compiuta".

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]