Venerdì, 05 Agosto 2016 11:50

Per combattere l'import del riso straniero arriva basmati "made in Italy" Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Mai così tanto riso straniero in Italia, con le importazioni che nel 2015 hanno fatto segnare il record storico, ben 219,4 milioni di chili, e nel primo trimestre del 2016 sono addirittura cresciute ulteriormente del 74 per cento.

Ad affermarlo è un’analisi della Coldiretti relativa ai dati Istat sul commercio estero che evidenziano un vero e proprio boom degli arrivi, causando un forte squilibrio produttivo e commerciale nell’ambito della filiera risicola italiana determinato soprattutto dalle importazioni sconsiderate di riso lavorato provenienti da Paesi che operano in regime Eba a dazio zero, in particolare la Cambogia e Myanmar. L’Italia - sottolinea la Coldiretti - è leader nella produzione di riso in Europa con 227.329 ettari seminati che rappresentano il 55% del totale comunitario. Occorre peraltro considerare che la coltivazione del riso assume grande importanza per il territorio dal punto di vista ambientale perché la risaia - spiega la Coldiretti - rappresenta un ecosistema acquatico temporale e contribuisce anche alla prevenzione di fenomeni alluvionali. La coltivazione si sviluppa principalmente in 5 Regioni italiane: Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Sardegna, oltre ad altre superfici interessanti presenti in Calabria e Toscana. Le aziende produttrici di riso sono circa 4.100 con una filiera che assicura il reddito di oltre 10.000 famiglie tra occupati ed imprenditori. Il valore al consumo del riso italiano supera il miliardo di euro con una produzione agricola nazionale che si aggira intorno ai 550 milioni di euro in termini di PLV.

Proprio per sostenere un mercato molto importante per la nostra economia arriva ora il Giglio il primo riso aromatico tutto italiano per garantire gusto e sicurezza in tavola che i consumatori potranno trovare in vendita con il nome di “Riso Gallo Aroma”. L’idea di creare una nuova varietà che possa andare incontro al consumatore finale ma che allo stesso tempo incontri l’esigenza esotica dettata da un’economia senza confini nasce dalla collaborazione di Riso Gallo, azienda storica leader di mercato da sempre attenta all’innovazione, con le istituzioni collegate a questo mercato come SIS (Società Italiana Sementi) e FIR (Filiera Italiana Riso), assieme a Coldiretti.

La nuova varietà, aromatica a profilo lungo B, dal punto di vista agronomico risponde al nome di Giglio e rappresenta una vera rivoluzione per il nostro mercato poiché Riso Gallo Aroma si avvicina come aspetto ai classici risi dell’Est asiatico, ma si arricchisce di una tradizione di sapore e consistenza tutta mediterranea. Presenta, infatti, un’aromaticità floreale, che ricorda quella del Basmati, varietà di riso tipica dell’India e del Pakistan, ma è prodotto interamente in Italia rispettando gli standard Europei di sicurezza e controllo oltre che evitare le emissioni generate dal trasporto di ingenti quantità di riso da Paesi così lontani.

Riso Gallo Aroma è dunque un riso molto profumato e gustoso, e si colloca sul mercato proprio come un nuovo prodotto non solo rivoluzionario ma anche autoctono, ottimo da gustare da solo o come contorno di piatti unici. Un nuovo prodotto con caratteristiche vicine alle nostre abitudini alimentari, controllato grazie agli standard di sicurezza che caratterizzano i prodotti realizzati nella Comunità Europea, ma allo stesso tempo versatile e utile a scatenare la propria fantasia in cucina. Un prodotto moderno, adatto anche ai palati più esigenti.

“A pesare sulle potenzialità del riso italiano è la mancanza di trasparenza sulla reale origine con il rischio che venga spacciato come italiano quello proveniente dall’estero – afferma il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo –. Da qui l’importanza di iniziative di valorizzazione del vero prodotto Made in Italy, nella consapevolezza che il riso non è solo il cereale piu’ consumato al mondo ma è anche rappresentativo dell’equilibrio che esiste nell’attività agricola chiamata a svolgere un ruolo multifunzionale che garantisce sicurezza alimentare e sostenibilità ambientale”.

“Un progetto importante nato da una ricerca tutta italiana che ha consentito di portare sul mercato un tipo di riso che, seppur non rientri tra le varietà tradizionali, abbina l’alta qualità del made in Italy alla salubrità garantita dai severi controlli della nostra legislazione – sottolinea Mauro Tonello, presidente della Filliera Italiana Riso e della Società Italiana Sementi, e vicepresidente di Coldiretti –. Il risultato è un prodotto fortemente aromatico che profumerà non solo le tavole dei consumatori ma anche le nostre campagne”.

“L’affacciarsi sul mercato italiano di varietà tipiche dell’Est Asiatico rappresenta per noi aziende italiane una sfida. Riso Gallo, da sempre ispirato dal concetto di fantasia e versatilità in cucina, non poteva che accogliere questa sfida e investire nell’innovazione, settore a noi molto caro – spiega Mario Preve, Presidente di Riso Gallo -. Grazie al supporto di SIS, FIR, Coldiretti e grazie all’impegno dei nostri laboratori di ricerca, siamo arrivati a identificare questa varietà, Riso Gallo Aroma, che risponde alle esigenze di avere un chicco aromatizzato, lungo e adatto a preparazioni “moderne”, ideando un seme che cresce e si sviluppa in un ambiente particolare come quello della nostra Pianura Padana”.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Ne…

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Nervi in Vaticano

Il Covis19 si sta impossessando di tutto, in tutto il mondo. Disneyland, tempio del divertimento, chiuso da tempo per evitare assembramenti, è diventato un “centro covid”, dove al posto dei...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Le cellule cancerose sarebbero in grado di proteggersi in una sorta di letergo, quando sono minacciati dal trattamento chemioterapico. E' quanto emerso in una ricerca apparsa sulla rivista scientifica Cell. 

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]