Giovedì, 10 Novembre 2016 09:01

Afghanistan, presidente Ghani accoglie la donna dagli occhi verdi Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

KABUL - Il presidente afgano ha accolto oggi Sharbat Gula, la donna dagli occhi verdi immortalata da bambina dal National Geographic, espulsa dal Pakistan dove viveva da anni dopo essere fuggita dal suo Paese in guerra. Gula, 45 anni, sicuramente la più famosa profuga afgana, era stata arrestata il mese scorso per possesso di documenti falsi, situazione comune a migliaia di rifugiati afgani in Pakistan.

"Felice di aver riabbracciato Sharbat Gula e la sua famiglia - ha scritto il presidente Ashraf Ghani su Twitter - la sua vita sia fonte di ispirazione per tutti noi. Lei rappresenta tutte le donne coraggiose di questo Paese". Il presidente e la first lady Rula Ghani hanno tenuto una cerimonia al palazzo presidenziale in onore di Gula e dei suoi figli. Ghani ha promesso di offrire alla donna un alloggio, in modo che possa "vivere in modo dignitoso e in sicurezza".

La scorsa settimana, Gula aveva detto di essere "distrutta" all'idea di dover tornare in Afghanistan, dove è nata, e di dover lasciare il Pakistan: "L'Afghanistan è solo il posto in cui sono nata, ma il Pakistan era la mia patria e l'ho sempre considerato come il mio Paese", aveva confidato all'Afp dal suo letto d'ospedale a Peshawar dove è stata curata per una epatite C. "Avevo deciso di vivere e di morire in Pakistan ma mi hanno fatto la cosa peggiore. Non è colpa mia se sono nata laggiù (in Afghanistan). Sono depressa. Non ho altra scelta che partire". Gula aveva quindi raccontato di essere giunta in Pakistan da orfana, circa quattro o cinque anni dopo l'invasione sovietica del 1979. La celebre fotografia del National Geographic era stata scattata negli anni '80 in un campo profughi del Pakistan.  

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]