Mercoledì, 26 Aprile 2017 12:17

Morti sul lavoro. Nei primi due mesi del 2017 sono 127

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Nei primi 2 mesi di quest’anno i dati relativi agli incidenti mortali nei luoghi di lavoro sono in aumento (*).  Se quest’anno ne contiamo 127, nello stesso periodo dello scorso anno erano stati 95 (pari al +33,7 per cento).  

Va tuttavia segnalato che quasi la metà dei 32 decessi in più registrati quest’anno sono ascrivibili ai 2 casi eccezionali avvenuti nello scorso mese di gennaio: il crollo dell’albergo di Rigopiano (Pe) e lo schianto dell’elicottero del 118 avvenuto nei pressi di Campo Felice (Aq).

Oltre ai morti sul lavoro, sono purtroppo in crescita anche gli infortuni: sempre nei primi 2 mesi di quest’anno sono stati denunciati 98.275 eventi: 1.834 in più (+1,9 per cento) rispetto allo stesso periodo del 2016 

“L’ennesima tragedia avvenuta lungo la tratta ferroviaria Bolzano-Brennero – dichiara il coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA Paolo Zabeo – ci impone di ribadire con forza che non possiamo più accettare oltre 1.000 morti e quasi 700 mila infortuni l’anno. Questi drammi vanno combattuti con maggiore determinazione, puntando sulla prevenzione e il contrasto a chi costringe moltissime attività, penso al caso dei subappalti, a operare in condizioni di poca sicurezza”.

(*) I dati fanno riferimento all’ultimo  report mensile redatto dall’Inail il 21 marzo 2017 che ha fornito i dati provvisori relativi ai primi 2 mesi del 2017 con il confronto rispetto ai primi 2 mesi del 2016. Si fa presente che l’incremento dei morti sul lavoro nei primi due mesi del 2017 (+32) è stato determinato per quasi la metà dalla tragedia avvenuta in Abruzzo, dove gli eventi fatali sono passati da 4 (periodo gen-feb 2016) a 19 (periodo gen-feb 2017). Nel complesso, per le ripartizioni geografiche, si registra un incremento di 9 unità al Nord Ovest, di 6 unità al Nord Est, di 22 unità nel Mezzogiorno mentre nel Centro si verifica una riduzione di 5 unità. 

Se i primi dati congiunturali tornano ad essere molto preoccupanti, su base annua il quadro statistico si presenta meno drammatico. Tra il 2016 e il 2015, l’aumento degli infortuni in termini assoluti è stato dello 0,7 per cento.

“Sebbene ci siano diverse istituzioni pubbliche che a vario titolo esercitano l’attività di vigilanza e di controllo in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro – dichiara il segretario della CGIA Renato Mason – con le poche risorse umane ed economiche a disposizione, questi enti  hanno comunque conseguito dei risultati molto importanti. Il calo degli infortuni e dei morti sui luoghi di lavoro avvenuto in questi ultimi decenni è merito anche dell’insostituibile lavoro svolto dal personale di queste strutture. Ovviamente tutto ciò non basta, ma la strada intrapresa è quella giusta”.

Per capire quali siano i settori maggiormente esposti al rischio infortuni è necessario tentare di pesare il numero di infortuni per le ore lavorate nei rispettivi comparti. I dati sugli infortuni per settore, tuttavia, sono fortemente interessati da alcune criticità che riguardano la presenza di un numero significativo di casi per i quali il comparto non è determinato (circa 100 mila l’anno) e dalla presenza di più gestioni. 

In ogni caso, dai primi risultati calcolati sull’anno 2015, si evince come il comparto più critico sia rappresentato dal settore acque/reti fognarie/rifiuti seguito da trasporti, agricoltura, estrattivo, costruzioni e  manifatturiero. Tra i meno esposti risultano invece i settori delle attività professionali/scientifiche/tecniche, di quelle finanziarie/assicurative, dell’informazione/comunicazione e del commercio.    

A livello regionale, nei primi 2 mesi di quest’anno gli infortuni denunciati in termini percentuali sono aumentati soprattutto in Basilicata (+20,5 per cento), in Lombardia (+10,4 per cento), nella provincia autonoma di Bolzano (+9,3 per cento) e in quella di Trento (+9 per cento).

Per quanto riguarda i decessi, infine, è preoccupante la situazione registrata in Sicilia. Nei primi 2 mesi di quest’anno hanno perso la vita ben 14 lavoratori (+12 rispetto allo stesso periodo del 2016). Pesante anche la situazione avvenuta in Abruzzo (19 vittime contro le 4 dell’anno scorso), anche se vanno tenute in considerazione le avvertenze segnalate più sopra. Molto delicata anche la situazione verificatasi in Friuli Venezia Giulia (4 morti nel 2017, 1 nel 2016) e in Lombardia (19 decessi nei primi 2 mesi del 2017 contro i 9 del 2016).

Primi dati di genn-febb 2017: eventi mortali in salita, 

incidono le tragedie avvenute in Abruzzo  

   Eventi denunciati

2016
(*)

2017
(*)

Var. ass.
2017-2016

Var. % 2017/
2016

Infortuni sul lavoro

96.441

98.275

+1.834

+1,9

di cui con esito mortale 

95

127

+32

+33,7

Elaborazione Ufficio Studi CGIA su dati Inail

(*) I dati fanno riferimento al report mensile del 21 marzo 2017 che fornisce i dati provvisori relativi ai primi 2 mesi del 2017 con il confronto rispetto ai primi 2 mesi del 2016.

INFORTUNI SUL LAVORO: primi 2 mesi del 2017 (*)

INFORTUNI
SUL LAVORO

2016
(*)

2017
(*)

Var. ass.
2017-2016

Var. %
2017/2016

Basilicata

594

716

+122

+20,5

Lombardia

17.653

19.497

+1.844

+10,4

prov. Bolzano

2.110

2.306

+196

+9,3

prov. Trento

1.190

1.297

+107

+9,0

Emilia Romagna

12.481

13.135

+654

+5,2

Piemonte

7.517

7.833

+316

+4,2

Veneto

10.944

11.373

+429

+3,9

Sicilia

4.381

4.471

+90

+2,1

Valle D'Aosta

264

267

+3

+1,1

Friuli Venezia Giulia

2.493

2.456

-37

-1,5

Lazio

6.795

6.678

-117

-1,7

Sardegna

1.905

1.856

-49

-2,6

Marche

2.875

2.759

-116

-4,0

Liguria

3.178

3.047

-131

-4,1

Calabria

1.483

1.409

-74

-5,0

Puglia

4.888

4.619

-269

-5,5

Toscana

7.685

7.262

-423

-5,5

Campania

3.381

3.188

-193

-5,7

Abruzzo

2.310

2.158

-152

-6,6

Umbria

1.780

1.619

-161

-9,0

Molise

416

329

-87

-20,9

Non Determinato

118

0

-118

 

TOTALE

96.441

98.275

+1.834

+1,9

         

Nord Ovest

28.612

30.644

+2.032

+7,1

Nord Est

29.218

30.567

+1.349

+4,6

Mezzogiorno

19.358

18.746

-612

-3,2

Centro

19.135

18.318

-817

-4,3

Elaborazione Ufficio Studi CGIA su dati Inail

(*) I dati fanno riferimento al report mensile del 21 marzo 2017 che fornisce i dati provvisori relativi ai primi 2 mesi del 2017 con il confronto rispetto ai primi 2 mesi del 2016.

MORTI SUL LAVORO: incide per quasi la metà degli aumenti la tragedia in Abruzzo (*) 

  MORTI
SUL LAVORO

2016
(*)

2017
(*)

Var. ass.
2017-2016

Var. %
2017/2016

Sicilia

2

14

+12

+600,0

Abruzzo

4

19

+15

+375,0

Friuli Venezia Giulia

1

4

+3

+300,0

Lombardia

9

19

+10

+111,1

Molise

1

2

+1

+100,0

Campania

4

8

+4

+100,0

Veneto

8

13

+5

+62,5

Liguria

5

7

+2

+40,0

Toscana

6

7

+1

+16,7

Emilia Romagna

11

12

+1

+9,1

Lazio

7

5

-2

-28,6

Piemonte

10

7

-3

-30,0

Umbria

3

2

-1

-33,3

Puglia

9

5

-4

-44,4

Marche

4

1

-3

-75,0

Sardegna

6

1

-5

-83,3

prov. Bolzano

3

0

-3

 

Calabria

2

0

-2

 

Basilicata

0

1

+1

 

Valle D'Aosta

0

0

0

 

prov. Trento

0

0

0

 

Non Determinato

0

0

0

 

TOTALE

95

127

+32

+33,7

         

Mezzogiorno

28

50

+22

+78,6

Nord Ovest

24

33

+9

+37,5

Nord Est

23

29

+6

+26,1

Centro

20

15

-5

-25,0

Elaborazione Ufficio Studi CGIA su dati Inail

(*) I dati fanno riferimento al report mensile del 21 marzo 2017 che fornisce i dati provvisori relativi ai primi 2 mesi del 2017 con il confronto rispetto ai primi 2 mesi del 2016.

 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]