Giovedì, 10 Agosto 2017 14:59

E’ anche italiana l’ultima specie di scimmia scoperta in Africa

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA  – Chi crede che la zoologia sia una scienza della quale si conosca tutto o quasi è in errore. In realtà anche continenti molto studiati come l’Africa riservano spesso sorprese agli appassionati di natura e agli specialisti.  

Nell’ultimo volume della rivista Primate Conservation, lo zoologo italiano Spartaco Gippoliti della Società Italiana per la Storia della Fauna “Giuseppe Altobello” riporta che nellaValle del Nilo Azzurro in Sudan e nei vicini territori dell’Etiopia esiste una nuova e distinta specie di Eritrocebo. Una scimmia conosciuta anche come Cercopiteco rosso. Nel suo studio Gippoliti ha scoperto che la specie, già descritta con precisione nel 1862 da Reichenbach sulla base delle scoperte dell’esploratore tedesco Theodor von Heuglin, era caduta nel dimenticatoio all’inizio del ‘900 assieme al suo primo descrittore.

L’Erythrocebus poliophaeus si caratterizza per l’assenza della macchia bianca sul naso e per un colore più scuro dagli altri eritrocebi dell’Africa orientale. Il tipo descritto è tutt’ora conservato presso il Museo di Storia Naturale di Vienna. Purtroppo, secondo Gippoliti, la letteratura storico-scientifica è troppo spesso ignorata dalla ricerca biologica moderna: “gli eritrocebi sono un esempio; non vengono studiati da un punto di vista sistematico da quasi un secolo dando per scontato che ne esistesse un’unica specie, Erythrocebus patas, con 3-4 sottospecie distribuite dal Senegal all’Etiopia e alla Tanzania”. Gli eritrocebi sono scimmie dai lunghi arti adattate alla vita sul terreno delle savane dove possono raggiungere velocità di 65 km/ora.

Con questa riscoperta, ha dichiarato lo studioso, si gettano le basi per una seria valutazione della diversità specifica di questo gruppo di scimmie africane e per una più attenta opera di conservazione. In Kenya e Tanzania gli eritrocebi sono in notevole regresso e anche per questa nuova specie, l’Eritrocebo di Heuglin, sarebbero necessarie indagini di campo in Sudan ed in Etiopia.

Link utili:

http://www.primate-sg.org/storage/pdf/PC31_Gippoliti_Patas_Ethiopia.pdf

https://www.youtube.com/watch?v=ugnEOBs5zOY

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]