Venerdì, 29 Luglio 2011 10:47

Bronchiolite Costrittiva: impennata di casi tra i militari americani in ritorno da Iraq e Afghanistan


Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

Uno studio sui casi è stato appena pubblicato dal New England Journal Of  Medicine*


ROMA - Dopo l’allarme per i possibili rischi per i militari in Afghanistan dovuti alla contaminazione con uranio impoverito ne arriva uno nuovo: chi torna da Iraq e Afghanistan potrebbe correre il rischio di sviluppare una malattia respiratoria rara nota come Brochiolite Costrittiva. A darne notizia oggi è il portale www.osservatoriomalattierare.it.  

 

“Uno studio condotto su 80 soldati americani rientrati dal Medio Oriente – si legge nell’articolo - ha evidenziato che più della metà dei militari presentava una dispnea da sforzo al rientro. La biopsia polmonare ha mostrato che quasi tutti i soldati rientrati dalle missioni con problemi respiratori sono affetti da bronchiolite costrittiva, probabilmente dipendente dall’inalazione di sostanze tossiche o dannose.     

Lo studio suggerisce quindi che esiste una stretta correlazione tra la bronchiolite costrittiva e la diminuzione delle prestazioni fisiche dei soldati che hanno prestato servizio in  Medio Oriente” Lo studio in questione è stato condotto dal Medical Center della Vanderbilt Univeristy su un gruppo di 80 soldati provenienti da Fort Campell, in Kentuky,  tra il febbraio 2004 e il dicembre 2006.     

Questi soldati, rientrati dall’Iraq o dall’Afghanistan, presentavano un’inspiegabile dispnea da sforzo (non erano in grado di portare a termine il normale esercizio fisico previsto dagli esercizi militari, due miglia di corsa). Molti di questi soldati sono stati esposti alle sostanze tossiche presenti nell’aria in seguito all’incendio della miniera sulfurea di Mosul (Iraq) durante l’estate 2003, ma non tutti. Di questi soldati 49 sono stati sottoposti a una biopsia polmonare toracoscopica, oltre ai controlli cardiopolmonari (spirometria e tutti gli altri controlli previsti dalle linee guida dell’American Thoracic Society). Per ben 38 dei soldati sottoposti a biopsia la diagnosi è stata di bronchiolite costrittiva. In seguito gli stessi sono stati sottoposti a tomografia computerizzata elicale (CT) per ulteriori accertamenti. Quasi tutti i campioni delle biopsie hanno mostrato materiale polarizzabile corrispondente a inalazione di polveri sottili, nonostante la maggior parte dei soldati non sia mai stato fumatore. Le biopsie hanno anche mostrato ispessimenti delle pareti arteriolari o occlusioni di arterie adiacenti, solitamente causate  da inalazioni di sostanze tossiche. L’età media del soldati che hanno preso parte a questo studio è di 33 anni, tutte persone in buono stato di salute, non affetti da patologie o sintomatologie respiratorie. Sarebbe stato semplice imputare la patologia all’esposizione inalatoria dell’incendio della miniera, ma solo 28 dei soldati esaminati ne sono stati interessati. Quasi tutti hanno riferito di aver respirato durante le tempeste di polvere (tipiche della zona) e di essere stati esposti all’incenerimento di rifiuti solidi in pozzi bruciati”.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei de…

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei del Mediterraneo. Foto

In molte persone, la parola Eolie evoca istintivamente immagini di mare azzurro e spiagge incontaminate. Pochi, tra le migliaia di turisti che arrivano ogni anno, conoscono il museo di Lipari...

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

Studi scientifici dimostrano l’importanza delle arti per il benessere psico-fisico  

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]