Mercoledì, 19 Settembre 2018 13:30

A New York 100 anni fa nasceva il semaforo

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

E’ trascorso un secolo da quando a New York, era il 1918, comparvero i semafori a tre colori, rosso, giallo e verde. In questi decenni trascorsi da allora il semaforo è diventato un oggetto della nostra ordinaria quotidiana.

Il primo semaforo compare a Londra, all’angolo tra Bridge Street e new Palace Yard, a Parliament Square, nel 1868, ovvero 150 anni fa. Il semaforo contemporaneo, per come lo conosciamo oggi, a tre colori, nacque appunto a New York. Il semaforo londinese del 1868 era composta da una lanterna a gas girevole montata su un palo di ferro alto circa sette metri ed aveva soltanto due colori: una luce rossa e una verde,la prima segnalava “stop”, la seconda “attenzione” e serviva a garantire tranquillità ai parlamentari che entravano alle Houses of Parliament.

Per avere il “giallo” si dovrà arrivare al 1918, quando il semaforo a tre colori verrà adottato nelle strade di New York. Due anni dopo il debutto dei tre colori, ad esempio, nel 1920 a Detroit, Michigan (sempre Stati Uniti), all’incrocio tra le Avenue Woodward e Michigan debutterà il semaforo a quattro facce, ideato da un poliziotto che si era ispirato alla segnaletica impiegata per i treni nelle ferrovie.

Anche se oggi in molte parti d’Italia i semafori stanno lasciando il posto ad una quantità infinita di rotonde, il semaforo, resta intatto nella sua mitologia da civiltà delle macchine.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]