Sabato, 20 Agosto 2011 13:05

Donne offese da una società egocentrica. E Marrazzo elogia i trans

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Arriva l’estate e puntualmente le prime pagine dei media si riempiono di fatti di cronaca a discapito delle donne. Violenze sessuali, abusi, omicidi e se non bastasse ci si mette anche un ex governatore, tal Piero Marrazzo, che addirittura esalta la femminilità dei trans definendola “all’ennesima potenza”.

Anche questo modo di fare giornalismo è “mercificazione”, oggettivazione di una componente umana che diventa strumento per “fare notizia”. Ma quali sono poi i veri commenti che ne scaturiscono? Quali le reazioni? Quali i provvedimenti?. Pochi alla fine o, nel peggiore dei casi nessuno. La società maschilista continua a conservare la sua arretratezza ed in fondo mantiene intatta quella mentalità che porta a giudicare una donna dal suo abbigliamento, dal suo modo di porsi o di essere. E’ sempre la donna, alla fine, colpevole di qualcosa: di essere al posto sbagliato nel momento sbagliato, di aver messo una gonna corta o dei tacchi alti, di avere sfoderato un sorriso di troppo o anche di non aver dato affatto confidenza, di essere rimasta sulla sua. Una sfida continua, insomma, vista dalla parte di chi non accetta la condivisione di una società con le donne, quelle degli altri,è ovvio…le proprie sono oggetti di possesso ed in quanto tali già “sottomesse”. E’ inutile dunque gridare ai “diritti”, richiamando magari vecchi stereotipi femministi o moderni “se non ora quando!”.

 

Dove sono le donne contro le esternazioni di Marrazzo? Dov’è la loro indignazione? Dove sono in difesa delle straniere abusate dai branchi di connazionali, come l’ultimo caso di ieri notte a Roma?. Dove sono i genitori, i padri e le madri, “incazzati” contro le amministrazioni locali perché nelle scuole, nelle strade, addirittura negli ospedali, non c’è alcuna sicurezza?. E dove sono gli assistenti sociali quando una donna, o una ragazza (magari a scuola) manifesta segnali di disagio?. La società è diventata egocentrica. Tutto gira intorno alla “singolarità” e gli episodi ripetuti diventano “singoli”, da non unificare in un contesto di studio generale ed in un intervento capace di sopprimere tali fenomeni. In questo quadro squallido, nel quale emerge l’impotenza di chi vorrebbe vivere in una società rispettosa dell’essere umano in quanto tale, dove ci sia spazio ai sentimenti ed anche al piacere (certamente si) ma in un’ottica di consapevolezza e rispetto, ecco che le immagini delle donne offese si sovrappongono alle beneficiate (coloro che offendono la parola “onorevole” con il loro stesso essere) o a coloro che per scelta e non per necessità, mercificano il corpo divenendo cattivo esempio per le giovani generazioni. La famiglia non può essere lasciata sola e la società “istituzionale”, per prima deve intervenire concretamente. I mezzi e gli strumenti ci sono. Manca solo la volontà.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]