Mercoledì, 08 Febbraio 2012 16:43

Greenpeace, Legambiente e WWF: “sconsiderato riattivare l’impianto di Porto Tolle"

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Greenpeace, Legambiente e WWF esprimono apprezzamento per il lavoro della magistratura riguardo al rinvio a giudizio disposto dal GUP di Rovigo per gli amministratori Enel e gli ex direttori della centrale termoelettrica a olio combustibile di Porto Tolle.

Con questa decisione per gli imputati si apre il processo per la responsabilità del mancato adeguamento degli impianti durante il funzionamento della centrale, relativamente al periodo 1998-2004,  per ridurre le sue emissioni inquinanti; tale adeguamento sarebbe stato un obbligo di legge in base alle direttive dall'Unione Europea. Il mancato assolvimento sarebbe all'origine di gravi danni ambientali e sanitari. Come testimoniato da uno studio epidemiologico effettuato dalle Asl di Rovigo e Adria, per il periodo che va dal 1998 al 2006, sarebbero stati soprattutto i bambini, dagli 0 ai 14 anni, residenti nei comuni limitrofi, a mostrare un'insorgenza anomala e fortemente accentuata di patologie respiratorie. 

Le tre associazioni, costituitesi parte civile nel procedimento, dichiarano congiuntamente: "Secondo l’accusa la centrale Enel di Porto Tolle è stata gestita in modo illegale con conseguenze ambientali e sanitarie gravi ed è per questo che ci appare invece sconsiderata la volontà di riattivare questa centrale altamente inquinante per fronteggiare l'emergenza energetica di questi giorni. La gestione miope e conservativa della risorse energetiche di cui il Paese dispone e che importa non può determinare la riattivazione di un impianto estremamente dannoso, sul quale sono in corso procedimenti penali della massima gravità".


Greenpeace, Legambiente e WWF ricordano inoltre come quella centrale sia oggi al centro di un progetto di conversione a carbone, già bocciato dal Consiglio di Stato, per favorire espressamente il quale si sono cambiate leggi nazionali e regionali. La centrale che Enel intende realizzare emetterebbe in un solo anno 10 milioni di tonnellate di CO2 (4 volte le emissioni di Milano), 2800 tonnellate di ossidi di azoto (come 3.5 milioni di nuove auto), 3700 tonnellate di ossidi di zolfo (più di tutti i veicoli circolanti in Italia), richiedendo lo smaltimento di milioni di tonnellate di gessi e altre sostanze residue.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]