Domenica, 04 Marzo 2012 12:08

NO TAV: si rispetti il loro diritto ad opporsi a un progetto dannoso e inutile

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA -  Il 18 agosto 2011 cinquanta attivisti del movimento NO TAV  sono stati denunciati per interruzione di servizio pubblico, in seguito alla protesta presso la Stazione di Avigliana, nel corso della quale 300 manifestanti hanno bloccato il treno in arrivo. 

Il 26 gennaio 2012 la magistratura di Torino ha trasmesso 26 ordinanze di custodia cautelare in carcere, 15 obblighi di dimora e una condanna agli arresti domiciliari nei confronti di 42 attivisti accusati di resistenza, violenza, lesioni, danneggiamento aggravati in concorso durante la manifestazione del 3 luglio 2011. Il ministero dell'Interno annuncia ora misure che rischiano di trasformare definitivamente gli attivisti contro gli effetti nefasti dell'alta velocità in terroristi o quantomeno criminali comuni. E' una strategia politica che purtroppo caratterizza da anni l'atteggiamento delle istituzioni italiane nei confronti dell'attivismo e della società civile. Nel dossier sui NO TAV, le autorità italiane arrivano a ipotizzare un'interpretazione ad hoc del 416, l'associazione a delinquere finalizzata al terrorismo. Quindi, l'arresto, anche successivo alle manifestazioni, per chi commette reati in piazza, nonché una riconsiderazione del reato di blocco stradale e ferroviario. Nessuno sembra considerare le ragioni del movimento che si oppone alla creazione dell'infrastruttura Torino-Lione in Val di Susa, mentre i rappresentanti del governo italiano ripetono all'infinito, senza ascoltare le ragioni della società civile che "l'opera va fatta".

 

In realtà, vi sono ragioni sanitarie, ambientali, economiche e logistiche che suggerirebbero di annullare i lavori per un bene superiore. La linea, infatti, porterà danni irreparabili all'ambiente, distruggendo il paesaggio e devastando le falde acquifere. Gli scavi provocheranno inquinamento e dispersione di polveri nocive (anche amianto e uranio), che causeranno un grave aumento delle patologie cardiache e respiratorie. I NO TAV, inoltre, denunciano l'inutilità dell'intero progetto (visto che già ora i treni verso Lione viaggiano semivuoti), le  infiltrazioni mafiose nella gestione dei fondi pubblici nell'àmbito dell'alta velocità (come del resto in tutte le grandi opere), i danni incalcolabili che l'industria del turismo e di conseguenza  l'occupazione locale riceveranno a causa della nuova linea. Motivi sufficienti per chiedere che il Parlamento e il Consiglio dell'Unione europea intervengano con autorità per valutare i rischi di salute, ambientali, economici e di ingerenze criminali connessi all'alta velocità in Val di Susa nonché le violazioni istituzionali del diritto a manifestare da parte degli attivisti impegnati nella campagna NO TAV.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]