Venerdì, 09 Marzo 2012 16:45

Nuova Risoluzione europea sul traffico di migranti nel Sinai

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

MILANO - Oggi abbiamo dedicato l'intero pomeriggio alla nuova Risoluzione del Parlamento europeo sui traffici di esseri umani nel Sinai.

Siamo molto lieti della fiducia che i Democratici europei ci accordano su questo fenomeno, del quale abbiamo parlato per primi alcuni anni fa, insieme a don Mussie Zerai, rompendo il muro dell'incredulità generale e soprattutto quello dell'indifferenza nonché delle complicità da parte delle autorità egiziane. Dopo anni di lavoro, a contatto con decine di gruppi di profughi subsahariani caduti nelle mani dei trafficanti, con le famiglie dei giovani rapiti, con le organizzazoni umanitarie egiziane, israeliane, eritree, sudanesi, etiopi, con l'Alto Commissario Onu per i Rifugiati e le altre istituzioni internazionali che si occupano dei profughi nel Sinai, è nata una rete umanitaria finalmente efficace. Una rete che ha smascherato i leader del traffico di esseri umani: predoni senza scrupoli, sadici, capaci di attuare le più atroci torture nei confronti dei prigionieri, finalizzate all'estorsione di ingenti somme di denaro ai parenti degli ostaggi. Omicidi, sevizie, torture, stupri: i trafficanti del Sinai sono colpevoli di ogni genere di perversione e crudeltà. In previsione della discussione di domani, che porterà alla redazione del testo della Risoluzione, abbiamo illustrato agli eurodeputati le dinamiche della tratta di esseri umani, che inizia già in Eritrea e nel Sudan, dove cittadini eritrei od etiopi rinnegati, al soldo dei trafficanti, tendono le loro trappole ai gruppi di giovani che, fuggendo le persecuzioni del regime di Isaias Afewerki, progettano di cercare asilo in Israele, visto che la via dell'Europa è sbarrata dagli accordi stipulati - in violazione delle carte internazionali che proteggono i rifugiati e i richiedenti asilo - da Italia e Malta con le nazioni del Nordafrica. La catena del traffico di migranti prosegue con i "passeur" - in genere beduini della tribù Rashaida - che conducono i contingenti di profughi entro i confini egiziani, per cederli poi alle bande di predoni locali, che imprigionano i giovani subsahariani, costringendoli per giorni, settimane, mesi a chiedere ai parenti, tramite cellulare, somme di denaro, fino a raggiungere cifre iperboliche: 30, 40, 50 mila dollari a persona. Chi si ribella viene sottoposto a supplizi indicibil; chi tenta la fuga viene assassinato o ridotto in condizioni pietose.

 

Chi non riesce a mettere insieme la somma richiesta dai mercanti di carne umana, viene venduto sul mercato nero degli organi. Decine di cadaveri di giovani profughi sono stati trovati nel deserto, privi dei reni, delle retine e di altri organi. Il Parlamento europeo discuterà, nell'àmbito della mozione per la Risoluzione, il caso di S., giovane eritreo che è riuscito a fuggire dal covo di un feroce trafficante e ha denunciato alle autorità egiziane la tratta di organi umani. Il giovane ha beneficiato della protezione di una tribù beduina che da qualche tempo combatte la tratta di migranti, quindi è stato trasferito in luogo sicuro al Cairo, in attesa di uscire dall'Egitto per chiedere asilo politico. I predoni l'hanno cercato in lungo e in largo attraverso il Sinai, invano, con il proposito di ucciderlo. Alcuni testimoni sostengono che il ragazzo abbia collaborato con i trafficanti, fungendo da interprete - grazie alla sua conoscenza dell'arabo - con gli altri prigionieri. Secondo gli stessi testimoni avrebbe compiuto atti di violenza contro gli ostaggi, obbedendo agli ordini degli aguzzini. Nel nostro rapporto al Parlamento europeo abbiamo cercato di far luce sul caso, sia presentando altre testimonianze, che scagionano il giovane dalle accuse più infamanti, sia sottolineando che la sua collaborazione con i predoni è stata dettata dal terrore delle loro ritorsioni, visto che il ragazzo era già stato sottoposto a terribili torture e trattamenti inumani. Abbiamo spiegato ai nostri interlocutori che il giovane profugo renderà testimonianza alle autorità di tutti i tragici eventi cui ha assistito nei covi dei trafficanti, mentre le sue responsabilità dovranno essere valutate tenendo conto della condizione di schiavo in cui si trovava. Grazie alla rete di organizzazioni per i diritti umani, che annovera fra i suoi attori più importanti, oltre al Gruppo EveryOne, la New Generation Foundation for Human Rights di Arish (Sinai), la ong Gandhi, l'ICER e alcune associazioni di profughi subsahariani, i traffici sono stati portati all'attenzione delle istituzioni e dei media internazionali. L'eco mediatica e le denunce circostanziate nei confronti dei criminali hanno indotto molti di loro ad abbandonare la tratta di esseri umani e organi e contemporaneamente hanno convinto alcune tribù ad impegnarsi per porre fine a tali attività che si pongono in antitesi con le leggi religiose e morali, gettando un'ombra di infamia sui popoli beduini. Attualmente rimangono attive nel Sinai sei bande di trafficanti; le più potenti e spietate sono quelle guidate da Abu Musa e Abu Abdullah.

 

I trafficanti impiegano parte del denaro proveniente dai loro delitti per finanziare movimenti islamici di lotta armata (come risulta da testimonianze e interviste rilasciate da loro stessi alla stampa araba) e sfruttano la corruzione dilagante fra le autorità per evitare di essere perseguiti. Grazie alla collaborazione fra la rete umanitaria e le tribù beduine che lottano contro la tratta di migranti e organi, centinaia di profughi sono stati liberati, senza che le famiglie avessero pagato il riscatto, negli ultimi mesi. In queste azioni di liberazione ha avuto un ruolo sempre determinate il difensore dei diritti umani Hamdy Al-Azazy, direttore della New Generation Foundation for Human Rights. Attualmente, secondo le stime di EveryOne, vi sono circa 150 profughi, in prevalenza eritrei, ancora nelle mani dei trafficanti. L'anno scorso il loro numero, mediamente, raggiungeva e superava i 1000 individui, mentre nel 2010 i progionieri erano molti di più. Questa riduzione della tratta è dovuta al lavoro umanitario in corso, mentre la fine del fenomeno criminale potrà essere decretata solo dall'impegno delle autorità locali finalizzato a perseguire i predoni. Attualmente, però, le forze dell'ordine osservano i delitti contro i migranti nel Sinai con indifferenza o complicità. Nella nostra relazione al Parlamento europeo, inoltre, abbiamo posto l'accento su un evento che ha reso ancora più drammatica la realtà dei profughi dall'Eritrea e dalle altre nazioni subsahariane in crisi umanitaria. Si tratta della legge recentemente approvata dal parlamento israeliano, che prevede una condanna a tre anni di carcere per tutti i migranti che varchino le frontiere dello stato ebraico, anche se vittime di tratta, torture, sevizie e stupri. Dopo tale periodo di detenzione, in carceri assolutamente disumane, i migranti vengono deportati. Di fatto, Israele non riconosce più il diritto alla protezione internazionale o all'asilo politico ai rifugiati e ai perseguitati.


Il Gruppo EveryOne e la rete che sostiene i profughi subsahariani attendono di conoscere il testo della Risoluzione, nella speranza che l'Unione europea metta in atto urgentemente misure adeguate a combattere il traffico di esseri umani nel Sinai, a scoraggiare Israele dal proseguire con le attuali politiche inique contro il flusso di rifugiati  e ad evitare che le frontiere del vecchio continente e dei paesi nordafricani si trasformino in muraglie invalicabili per chi fugge da tragiche persecuzioni.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]