Sabato, 10 Marzo 2012 20:00

Decine di giovani "emo" assassinati dalle brigate sciite in Iraq

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

MILANO -  Iraq. Decine di ragazzini che seguivano la moda "emo" sono stati torturati, picchiati e lapidati in Iraq per questa loro scelta che non è solo estetica e musicale (la musica "emo" è un sottogenere del punk), ma anche uno stile di vita, ispirato a un sentimento di malinconia esistenziale.

Additati dai Mullah quali "nemici di Dio" i giovanissimi iracheni sono stati giustiziati nelle strade dalle stesse bande di miliziani sciiti, le "Brigate della rabbia", che perseguitano gay, lesbiche e liberi pensatori. Il Gruppo EveryOne ha inviato una denuncia all'Alto Commissario Onu per i Diritti Umani, al Commissario Ue per i Diritti Umani e alle autorità irachene affinché gli assassini siano arrestati e processati e nel frattempo i giovani "emo" vengano tutelati dalle autorità contro la barbarica caccia all'uomo che i religiosi hanno scatenato contro di loro.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]