Lunedì, 14 Agosto 2017 09:54

Migranti: Tajani, giuste regole ma serve piano mondiale Africa

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA . - Le regole italiane sono giuste perche' "non si puo' dare adito al sospetto che ci siano organizzazioni che favoriscono l'arrivo dei Migranti", ma "l'Europa e tutta la comunita' internazionale, Onu in prima fila, deve pensare all'Africa non come un'emergenza temporanea dei prossimi anni ma come al grande tema dei prossimi anni e prevedere un complessivo piano di sviluppo, un piano Marshall per un continente che rischia di esplodere".

Lo dice, in un'intervista al 'Corriere della Sera', il presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani che a proposito delle Ong insiste: "giusto prevedere la presenza di forze dell'ordine sulle navi. Nessun accordo coi libici e' a danno degli immigrati e non si puo' agire in quelle acque senza avere un protocollo". E sempre a proposito della Libia, secondo Tajani, "esiste un problema politico a monte: serve l'unita' di quel paese. E' giusto trattare con Tripoli, ma c'e' anche Bengasi. Una soluzione di compromesso possibile sarebbe una Libia guidata politicamente da al Serraj e militarmente da Haftar ma per avere un interlocutore unico l'Europa parli con voce unica".

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077