Venerdì, 25 Agosto 2017 14:08

Iraq: trovate fosse comuni con i resti di 500 prigionieri dell'Is nel carcere di Badush

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

BAGHDAD- Le Forze di sicurezza irachene hanno annunciato il ritrovamento di due fosse comuni contenenti i resti di 500 persone nei pressi del complesso della prigione di Badush, a nord-ovest di Mosul. Secondo quanto confermato ad "Agenzia Nova" dall'ufficio stampa delle Forze armate irachene, le due fosse comuni contenevano i resti rispettivamente di 30 e 470 persone, presumibilmente uccise dallo Stato islamico (Is).

L'esercito iracheno e le Unita' di mobilitazione popolare (Pmu, milizie a maggioranza sciita) hanno preso il controllo totale della prigione di Badush, a nord-ovest di Baghdad, lo scorso 8 marzo. Il carcere di Badush e' considerato uno dei principali centri di detenzione utilizzati dall'Is nella provincia di Ninive. Nel 2014 gli uomini dello Stato islamico massacrarono centinaia di detenuti sciiti nella prigione. Le Pmu avevano annunciato lo scorso 11 marzo 2017 il ritrovamento di altri 500 cadaveri nel complesso della prigione. 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Opinioni

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La plastica: arte per i Beni Culturali

La plastica, uno dei flagelli del nostro tempo, merita di essere vista anche dall’altra parte della medaglia. Gli oggetti di plastica finalizzati al benessere dell’umanità sono innumerevoli, come pure i...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077