Roberto Bertoni

Roberto Bertoni

Giovedì, 04 Luglio 2013 12:00

Egitto. Piazza Tahrir due anni dopo

ROMA - Ci auguriamo di non essere gli unici a non aver esultato affatto di fronte alle immagini provenienti da piazza Tahrir al Cairo. E se non abbiamo esultato è perché due anni dopo, svanite le utopie e le illusioni, siamo diventati tristemente, e a tratti un po’ cinicamente, realisti.

 

 

ROMA - Prima di addentrarci nel complesso pacchetto di riforme varato in settimana dal governo con il decreto Lavoro e dei buoni risultati conseguiti da Letta al vertice europeo di Bruxelles, è d’obbligo una premessa.

Per chi, come noi, ricorda bene le violenze e le repressioni messe in atto nel 2009 dal regime di Ahmadinejad, col plauso della suprema guida religiosa che domina in Iran dai tempi di Khomeini, è bellissimo poter commentare le immagini dei giovani riversatisi nelle strade di Teheran per festeggiare la vittoria elettorale del moderato Hassan Rohani.

Mercoledì, 12 Giugno 2013 12:38

Grecia, la miseria e il declino

Ciò che sta accadendo in Grecia dovrebbe indignarci quanto, e forse ancora di più, di ciò che sta accadendo in Turchia. Guai a chi dovesse cedere alla tentazione di iniziare a stilare classifiche dell’indignazione o della barbarie, ma una cosa è certa: attualmente, per instaurare un regime, esistono metodi assai più raffinati di quelli che furono utilizzati ottant’anni fa da Mussolini, Hitler e Franco. Come scrisse Montanelli, infatti, “oggi, per instaurare un regime, non c’è più bisogno di una marcia su Roma né di un incendio del Reichstag, né di un golpe sul palazzo d’Inverno.

Mercoledì, 05 Giugno 2013 14:55

La speranza dei ragazzi di Istanbul

ROMA - Una generazione che scende in piazza a presidio degli alberi del Gezi Park a Istanbul: alberi che il governo Erdogan vorrebbe abbattere per sostituirli, a quanto pare, con un centro commerciale, una caserma e una moschea.

ROMA - Guai a chi dovesse pensare che, dopo la chiusura della procedura d’infrazione per deficit eccessivo, decisa mercoledì scorso dall’Unione Europea, la crisi morale, civile, culturale ma, soprattutto, politica, strutturale ed economica del nostro Paese sia alle spalle.

ROMA - Non ci voleva Shinzo Abe per comprendere che l’Europa stesse sbagliando tutto e che, andando avanti così, il pericolo di un’implosione dell’intero progetto comunitario si sarebbe trasformato in una certezza. Il guaio, purtroppo, è che questa presa di coscienza rischia di essere tardiva.

Giovedì, 23 Maggio 2013 12:57

Don Gallo, la luce della speranza

ROMA - Don Gallo, purtroppo scomparso nel pomeriggio di ieri, era molto più di un semplice sacerdote. Era un messaggero di pace e di speranza, un raggio di luce in questo tempo buio, un uomo animato da una fede autentica, sincera, appassionata e, proprio per questo, spesso contrastata e irrisa da chi, al contrario, si serve dell’abito talare per fini che non hanno nulla a che vedere con l’annunciazione del Vangelo.

ROMA - Di fronte alla crisi che sta squassando il Vecchio Continente, è inutile, anzi direi che è profondamente ipocrita, sorprendersi se i cittadini, esausti per i tagli ai servizi e per le continue vessazioni che sono costretti a subire, appena si presenta loro l’occasione, si gettano fra le braccia di formazioni politiche populiste e dichiaratamente anti-europeiste.

ROMA - “Dobbiamo essere noi uomini i primi ad alzare la voce e a metterci la faccia” ci  dice un determinato Ivan Scalfarotto (attualmente deputato del PD e da sempre in prima linea nella battaglia per i diritti civili) nel corso della conferenza stampa per la presentazione del Ddl contro il femminicidio, organizzata dall’associazione LibeRe e svoltasi oggi al Senato.

Cerca nel sito

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077