Venerdì, 27 Aprile 2012 20:26

Musica per Roma. Pierpaolo poeta delle ceneri

Scritto da
Rate this item
(2 votes)
Pier paolo Pasolini Pier paolo Pasolini

ROMA - In un venticinque aprile sin troppo tiepido, come ormai se ne susseguono da anni senza che si riesca a restituire appieno il senso profondo e fondante di questa giornata, l’associazione “Musica per Roma” e l’Auditorium Parco della Musica dedicano un affettuoso omaggio alla memoria di Pierpaolo Pasolini, a novant’anni dalla nascita.


A partire da un’idea di Gianni Borgna, una sorta di melologo in cui le parole del grande poeta – e non solo – friulano, tratte da poesie, saggi, articoli, si accompagnano alla musica suddivise in dieci “quadri”. Sul palco Cosimo Cinieri, suffragato da un ensemble di musici, offre una lettura appassionata del lascito pasoliniano.


Sullo sfondo, le immagini dell’idroscalo di Ostia, dove Pasolini fu barbaramente assassinato – tempo verbale che, nella fattispecie, secondo molti fa rima con “Stato” – danno inizio alle scene. L’attore Gianni De Feo, tra esercizi di vestizione e nudi integrali che certo non scandalizzano ma di cui si fatica a comprenderne il senso, condivide la scena con Cinieri interpretando alcune canzoni scritte dallo stesso Pasolini – tra queste la bellissima “Che cosa sono le nuvole”, composta a quattro mani con Modugno – per i suoi film. Durante la narrazione, come avvertivano diverse locandine poste nel foyer, vengono utilizzate luci stroboscopiche, ma non è purtroppo l’unica cosa che disturba.


Cosimo Cinieri ci mette presenza e maestria, corroborate da un uso della voce che appare a tratti sovradimensionato, tuttavia sapiente e mai eccessivo, eppure non basta. Lo stesso De Feo, tra un nudo accompagnato ad enormi ali nere ed un vestito di borgata, interpreta le canzoni in modo intelligente e fa il suo, e non basta uguale. I musici reinterpretano un corpus di musiche che svaria da Bach alle canzoni d’autore. La poesia “Saluto e augurio”, dedicata ai giovani fascisti, viene recitata sul celebre Adagio in sol minore di Tomaso Albinoni dopo esser stata introdotta da un altrettanto celebre motivo di Battisti. Verrebbe da chiedere perché proprio Battisti ad aprire proprio quella poesia, ma la domanda potrebbe sembrare banale e oziosa ed è certo meglio evitare.
Anche i musici, tuttavia ed in sintesi, fanno il loro ma continua a non bastare.


I versi di Pasolini, tratti da alcune delle sue raccolte più felici – “Poesie in forma di rosa”, “Una disperata vitalità”, “Le ceneri di Gramsi”, “Poesie a Casarsa” – hanno forza che carezza e che scava al contempo. Contengono le vestigia di un mondo di appena mezzo secolo addietro, che tuttavia appare arcaico, perduto e dimenticato irrimediabilmente. Hanno il pregio di una completezza che racchiude decine di anni della nostra storia, senza nulla tralasciare o sottostimare. Ed hanno forza di preveggenza; trent’anni or sono, con lucidità che a dir poco stupisce, aveva capito quel che siamo, quel che saremmo diventati. In teoria dovrebbe bastare e avanzare, invece sembra accadere il contrario. L’intera rappresentazione, pur se arricchita da qualche impennata – le parole infuocate de “Il romanzo delle stragi”, tratte da un famoso articolo del Corriere della Sera, ed alcuni passi de “La ricotta”, sul motivetto divertito e riarrangiato della Traviata – appare debole, claudicante, affanata. Il risultato è una sorta di freno, una smisurata coltre di bambagia, a coprire il tutto, che piuttosto che esaltare l’essenza vibrante, titanica delle parole, ne fa da silenziatore.
Al cospetto di un materiale testuale così ricco, della forza devastante dello stesso, si poteva e doveva fare di meglio. Peccato davvero.


Pierpaolo poeta delle ceneri

Cosimo Cinieri – Voce narrante
da un’idea di Gianni Borgna

Irma Immacolata Palazzo e Gianni Borgna – drammaturgia e scrittura scenica

Irma Immacolata Palazzo –  regia

con la partecipazione di
Gianni De Feo e con Marcello Maietta

Domenico Virgili – direzione, pianoforte, orchestrazione
Marco Ariano – batteria e percussioni
Roberto Bellatalla – contrabbasso
Piero Bronzi – flauto e sax
Carlo Cossu – violino
Marcello Fiorini – fisarmonica
Antonio Iasevoli – chitarra classica ed elettrica



Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

Poesia

L'autunno del cuore

Veloce muta il tempo  giornate di pioggia foriere di freddo si avvicinano. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

Romanzi e racconti

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Gioconda guarda il mare. Dietro di sé la porta verde di casa, a sinistra il sentiero che porta al faro e agli orti, a destra la via che va al...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. La giovane selezione della Cinéfondation

Cannes 73. La giovane selezione della Cinéfondation

CANNES - Lo sfortunato Festival del cinema di Cannes, una delle manifestazioni internazionali più importanti che ha pagato duramente le interferenze del coronavirus,  presenta la selezione Cinéfondation del 2020, ovvero...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

DPCM. Lettera aperta di Viviana Toniolo, attrice e direttrice dello storico teat…

DPCM. Lettera aperta di Viviana Toniolo, attrice e direttrice dello storico teatro Vittoria di Roma

Il patatrac è fatto! Il dissenso per la decisione di chiudere cinema e teatri è stato espresso, in questi giorni, da tante voci della cultura di grande risonanza e da...

Viviana Toniolo, Direttrice Artistica del Teatro Vittoria - avatar Viviana Toniolo, Direttrice Artistica del Teatro Vittoria

Ricerca. Individuati nuovi meccanismi molecolari implicati nel danno renale

Ricerca. Individuati nuovi meccanismi molecolari implicati nel danno renale

Grazie alle competenze dei ricercatori, e soprattutto alla multidisciplinarietà del gruppo di ricerca diretto dal Nefrologo, Dr Renzo Bonofiglio, in questi anni presso il Centro di Ricerca, collocato all’interno della...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Sport

L'Inter di Conte può ritornare a vincere: i motivi per crederci

L'Inter di Conte può ritornare a vincere: i motivi per crederci

È stata una delle grandi protagoniste della scorsa stagione, arrivando ad un solo punto dalla Juventus e sfiorando la vittoria dell’Europa League, persa in finale contro il Siviglia.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]