Venerdì, 05 Luglio 2013 02:45

Festival delle letterature. Roberto Saviano: “La notizia deve essere racconto”

Scritto da

ROMA (dal nostro inviato) Ultima serata, quella che ieri ha coinvolto il pubblico della Basilica di Massenzio,  giunto a vedere Saviano, il grande scrittore partenopeo. Il Festival di Massenzio, si è proposto quest’anno di  raccontare e di farlo attraverso il cambiamento.

La letteratura lo fa, mutando le sue storie attraverso nuove forme di vita. Roma si racconta e lo fa con altre storie, con un personaggio d’eccezione,  Roberto Saviano. Con la musica tematica degli Almamegretta, Maria Ida Gaeta (direttrice artistica del festival  delle Letterature) lo  accoglie sul palco.  Emozionato dalla magia del posto, Saviano dice “che sembra difendere sempre più le tue parole [..] concedendo sfumature particolari” .
Saviano racconta, da abile menestrello e da narratore del decameron contemporaneo, di cronaca nera, di crimine, di mafia.  Di quello che riguarda tutti noi. “Spesso le redazioni” dice, “collocano come marginali date notizie. La notizia diventa fisiologica, quotidiana, non genera stupore, share, copie vendute. Passa. E può accadere, come sta accadendo in questo paese che l’economia mafiosa, la più grande economia di questo paese, venga ritenuta marginale. La notizia non deve solo investirsi di una battaglia morale, ma raccontarla. E’ raccontare di questo significa stare vicino, guardare da vicino la realtà, le sue strutture. [..] Pensate al narcotraffico. E’ una banca, la cui liquidità cresce a dismisura. E’ Capitale vivo, è bancomat. Bisogna andare però oltre il dato di cronaca, dare al lettore lo strumento che determina la sua vita nel quotidiano. Perché si, in fondo, riflettiamoci, continua Roberto Saviano“chi racconta, racconta una storia. Quella storia e' la vita, quella vita diventa notizia. E fa paura. Togliamo le ombre e torniamo a raccontare”, ci dice Roberto.
Saviano legge un estratto di ZeroZeroZero, il suo ultimo romanzo edito Feltrinelli.“E’ la storia da cui non riesco a liberarmi” -  dice - “quella di Bladimir Antuna Garcia. Bladimir sapeva raccontare, sapeva fare inchiesta. Aveva strisciato lungo i peggiori canali, che raccontano storie reflue, di fogna e di potere. Capita però che queste storie cominciano a roderti dentro. [..]  Whisky e coca sembravano le soluzioni. Ma non per Bladmir, che grazie alle sue storie ha scoperto quanto siano labili i confini della dignità. C’era a Durango un giornale, El tiempo dell’editore Victor Garza Ayala. Assunse Bladmir, nella sezione crimine, ma posizionò i suoi articoli in ultima pagina così da non intaccare la distinta pagina politica a cui teneva tanto. Le notizie relative  agli Zetas e i cartelli diffusero la fama di Bladmir. Divenne la voce di Durango. Ma la verità ha suoni, che la morte spegne. Bladmir si consegnerà alla morte. Ucciso, per il desiderio di verità. Oggi per me   il giornalismo d’inchiesta è Bladmir Antuna Garcia. Perché come scrisse Vincent Van Gogh al fratello Theo, nelle sue lettere – conclude Saviano -   se perdo i soldi ho perso tanto, se perdo l’onore ho perso abbastanza, se perdo il coraggio ho perso tutto”.

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

Scoprire emozioni

Vivo nel pensiero un viaggio immaginario mi porta a scoprire il mondo. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

Romanzi e racconti

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Gioconda guarda il mare. Dietro di sé la porta verde di casa, a sinistra il sentiero che porta al faro e agli orti, a destra la via che va al...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 74. Il festival nel 2021 verrà posticipato

Cannes 74. Il festival nel 2021 verrà posticipato

Secondo Variety, annullato l'anno scorso, il Festival di Cannes sarebbe pronto a ripartire, ma ci s’interroga sulle date del ritorno che potrebbe avvenire non a maggio come al solito, ma...

Redazione - avatar Redazione

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

C’è sempre un Simenon in libreria

C’è sempre un Simenon in libreria

Vai dal tuo libraio e ti senti chiedere: “Hai visto il nuovo Simenon?”  e ti mette in mano La fattoria del coupe de vague, un Simenon d’annata che Adelphi pubblica...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

“Reimagine”, breve film sull’importanza vitale della ricerca scientifica

“Reimagine”, breve film sull’importanza vitale della ricerca scientifica

L’emergenza Covid ha reso ancor più evidente di quanto non fosse sempre stato l’importanza della ricerca farmaceutica. Novartis, impegnata a scoprire nuovi farmaci è tra le prime aziende al mondo...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Sport

Lazio e Roma protagoniste in Europa: che stagione può essere?

Lazio e Roma protagoniste in Europa: che stagione può essere?

Lazio e Roma stanno dimostrando di poter essere grandi protagoniste sia in Italia che in Europa.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]