Sabato, 01 Marzo 2014 19:26

Intervista a Giuseppe Mistretta, ambasciatore uscente in Angola

Scritto da

ROMA - Ambasciatore italiano uscente in Angola, S.E. Giuseppe Mistretta è senz’altro il testimone piu’ autorevole degli interessanti e lunghi rapporti che legano i due Paesi. Dopo l’ultima missione della Portaerei Cavour a Luanda e in procinto di iniziare un nuovo mandato, stavolta in Etiopia, lo abbiamo incontrato a Roma, nell’ambito della presentazione del suo nuovo saggio “Un ponte lungo quattro secoli” (Gangemi editore) nel quale ripercorre l’antica amicizia e collaborazione tra i due popoli, fino ad arrivare alle recenti sinergie ed interazioni imprenditoriali che, nonostante la lunga distanza geografica, stanno avvalorando la possibilità di un forte recupero economico e culturale su entrambi i fronti.

Ambasciatore, perché Italia ed Angola vantano un’antica amicizia che li accomuna in maniera atipica, nonostante la grande distanza geografica e l’assenza di vincoli di origine coloniale?

La storia della forte amicizia fra Italia ed Angola e fra i rispettivi popoli risale addirittura al XVII secolo, quando i Padri Cappuccini iniziarono, nel 1645, la loro opera missionaria nei Regni di Congo , Matamba e Ndongo che formavano l' odierno Angola. I Cappuccini evangelizzarono quelle terre, e operarono fianco a fianco con le popolazioni locali, fino al 1835, e poi di nuovo dal 1948 ai giorni nostri. E' poi avvenuto intorno al 1820 un fenomeno molto singolare, e piuttosto casuale: circa 300 deportati napoletani del Regno delle Due Sicilie furono mandati dai Borbone proprio in Angola, dove si installorono e crearono con le donne locali famiglie numerose. Ancora oggi nei nomi di alcune famiglie angolane si nascondono origini italiane, come nel caso dei signori Fançony, che discendono da un Domenico del Re Fanzoni, incluso fra quei 300 deportati napoletani. Ci sono poi molti altri casi in cui le vicende dell' Italia e dell' Angola, ora casualmente, ora strategicamente, si incrociano e si toccano, costruendo quel ponte ideale a cui faccio riferimento nel mio libro.

Perché l’Italia è stato il primo Paese europeo occidentale a riconoscere l’indipendenza dell’Angola, nel 1976?

Nella mia ricostruzione di questo momento importante, si possono identificare due spinte politiche importanti, che hanno condotto al citato riconoscimento, pur essendo l' Italia a quel tempo (1976) nel "blocco" dei Paesi non socialisti, mentre l' Angola aveva in origine una forte matrice marxista. Vi fu un personale interesse del Papa Paolo VI per l' indipendenza dei popoli africani, di cui si trova una chiara traccia nell' Enciclica Populorum Progressio del 1967. A ciò si aggiunge il fatto che proprio Papa Montini ricevette privatamente i leader della lotta anti-coloniale contro il Portogallo, Agostinho Neto (angolano), Amilcar Cabral e Marcelino dos Santos, nel 1970, dando ulteriore coraggio e stimolo alla loro battaglia.

Ciò ebbe un importante riflesso sul piano politico, poichè anche la Democrazia Cristiana fu ispirata , risalendo alla Populorum Progressio, ad un crescente impegno per la liberazione dal giogo coloniale in Africa. Importantissimo fu poi il ruolo del Partito Comunista Italiano e del suo leader Enrico Berlinguer, che ebbe una visione molto innovativa del ruolo dell' Italia in Africa. Entrambe queste forze politiche spinsero in modo convergente per un rapido riconoscimento dell' Indipendenza angolana, avvenuto il 18 febbraio 1976.

Come si è sviluppato e si svilupperà la collaborazione nel settore culturale, scientifico e tecnologico tra i due Paesi?

Oggi è proprio sulla cultura e sulla collaborazione tecnologica che si può rinnovare e può trarre nuova linfa il rapporto italo-angolano. L' Angola ha bisogno di formazione e trasferimento di know how, e l' Italia è uno Stato a cui Luanda guarda con interesse per una cooperazione crescente in tali campi. A livello culturale, con delle interessanti operazioni di fund raising, a cui la collettività non solo italiana ha risposto con energia e generosità, si sono allestite negli ultimi anni delle importanti realizzazioni ed eventi, fra cui vari concerti  di artisti celebri come Niccolò Fabi, Eugenio Bennato, e Felicia Bongiovanni per la lirica. Non dimentichiamo poi che l' Angola ha vinto nel 2013 il Leone d'oro come migliore padiglione straniero alla Biennale di Venezia, ed anche in questa iniziativa la nostra Ambasciata ha avuto un suo ruolo rilevante.

In maniera specifica, che passi avanti secondo Lei ha fatto il governo angolese nei rapporti con l’Italia durante il Suo mandato?

C'è oggi una rinnovata attenzione italiana sull' Angola, e ciò deriva dal rilancio delle relazioni che abbiamo operato in tutti settori con il Governo angolano. Basta dire che nell' ultimo quadriennio l' import export è quasi triplicato, i visti concessi dall' Italia anche sono triplicati, mentre si sono altresì firmati 5 Accordi bilaterali nei settori della collaborazione di Polizia, della Difesa, dei Visti, della Cultura. Si sono anche verificate importanti visite politiche, e l' Italia ha manifestato una nuova attenzione verso l' Angola e verso l' Africa in generale.

Quali sono le principali argomentazioni e campi di interesse per cui gli Italiani dovrebbero approdare imprenditorialmente in Angola?

Le società italiane già approdano in Angola, anche per le necessità di diversificare i mercati. Gli ultimi anni hanno fatto riscontrare un grande numero di missioni imprenditoriali nell' arredamento, nell' agricoltura, nel settore delle pietre e dei marmi, in quello ambientale, etc.

Investire in Africa richiede impegno e coraggio, ma i ritorni possono essere ragguardevoli. Il problema che si riscontra in Angola è quello dei costi operativi molto alti, specie a Luanda, e dell' eccesso di burocrazia. Tuttavia ciò non ha ostacolato più di tanto l'attenzione delle società italiane all' Angola, che secondo me sarà ancora in crescita nei prossimi anni.

Perché e con quali mezzi secondo Lei il governo o le aziende angolane hanno deciso di investire nel Sistema Italia? Mi faccia qualche esempio recente di investimento.

Più che investimenti di grandi proporzioni da parte del Governo angolano in Italia, si assiste ad un fenomeno crescente di importanti uomini d'affari angolani che comprano macchinari e know how dall' Italia, per poi impiantare partnership operative in Angola. Ci sono almeno una decina di grandi imprenditori angolani che operano ormai intensamente con l' Italia, e per citare un caso emblematico, quello di un grande concessionario a Luanda che da qualche tempo, anche grazie all' intervento facilitatore dell' Ambasciata, importa le vetture e gli automezzi FIAT ed Alfa Romeo.

Come si puo’ secondo Lei migliorare il turismo culturale nello scambio dei due Paesi?

La guerra civile angolana, durata quasi trenta anni, e terminata solo nel 2002, ha fatto sì che nell' immaginario collettivo si pensi ancora oggi all' Angola come un paese rischioso. Invece, è uno dei stabili e tranquilli in Africa. Siamo noi italiani che dobbiamo scoprire le bellezze angolane, che esistono e sono numerose. Gli angolani conoscono ed ammirano l'Italia, e vi fanno frequentissime visite e vacanze.

Quali sono stati gli ultimi accordi bilaterali tra Italia e Angola in occasione della missione della Portaerei Cavour?

L'ultimo degli Accordi governativi firmati risale al novembre 2013, e tratta della cooperazione nel settore della Difesa. Durante la visita della Portaerei Cavour è stata firmata una intesa tecnica che dà in pratica esecuzione a quell' accordo.  Erano poi presenti a Luanda in quei giorni (15-19 febbraio) molte imprese italiane dei più svariati settori, che mi auguro abbiano concluso intese o almeno avviato importanti contatti operativi.

Durante la sua tappa in Luanda,  a bordo della portaerei erano presenti Ministri internazionali ma anche imprenditori ed artisti italiani come Felicia Bongiovanni, trasmettitori del Made in Italy. Ci racconti quest’esperienza e qual è stato l’impatto con gli ospiti angolani…

Quale grande segnale di attenzione e di amicizia dell' Angola verso il nostro paese, quasi tutto il Governo angolano ha fatto visita alla Nave Cavour durante la sua permanenza nel porto di Luanda, ammirandone la tecnologia d' avanguardia. Da parte nostra, come Italia e come Ambasciata, abbiamo accoppiato a questo momento industriale un momento culturale, con un bel concerto della nota Soprano Felicia Bongiovanni, svoltosi sul Ponte della Nave, in uno scenario molto spettacolare. Al concerto hanno partecipato circa 500 persone semplicemente entusiaste, ed anche molti angolani.

Come possono conciliarsi Imprenditorialità, Politica e Cultura in un Paese come il nostro che, avendo gigantesche risorse culturali, sembra non saperle più metterle a frutto?

Il cosidetto Sistema Italia sta puntando proprio sul mettere insieme questi aspetti vincenti del nostro patrimonio, per offrire all' estero un'immagine sempre più attraente e stimolante del nostro paese e delle sue produzioni. Credo che la cultura aiuti l' operazione nel suo complesso, anche perché la svincola dagli aspetti puramente economici, dando un quadro più complessivo e più articolato dell' Italia e del genio italiano.

La sua prossima tappa è Addis Abeba, Etiopia. Ha già un “piano di azione” dal punto di vista culturale?

L' intensità degli impegni in Angola, fino all' ultimo giorno del mio mandato, non mi ha reso possibile finora focalizzare le idee sull' Etiopia. Certamente cercherò di replicare, per quanto possibile, alcune proposte di successo realizzate in Angola, ma anche di tener conto delle specificità locali. 

 

 

Elisabetta Castiglioni

Giornalista e Promoter Culturale

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

Romanzi e racconti

"Note fuori margine". Secondo episodio: "Nina e Giulio"

"Note fuori margine". Secondo episodio: "Nina e Giulio"

Le scuole sono chiuse, ma le storie non hanno confini. Le storie viaggiano anche a distanza e a volte contagiano chi le ascolta con un’emozione, una riflessione, un insegnamento.

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. Per ora il festival è rimandato

Cannes 73. Per ora il festival è rimandato

L’organizzazione del  Festival di Cannes 2020 ha diffuso un comunicato per rendere noto che la rassegna cinematografica non si terrà nelle date previste 12-23 maggio. 

Redazione - avatar Redazione

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Sport

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Primi verdetti in Champions League, ancora presto per capire chi arriverà fino in fondo, ma certamente si può cominciare a dare un giudizio parziale sulle principali candidare a salire sul...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]