Sabato, 24 Maggio 2014 20:46

Vita. L’album d’esordio di Luciano Marcuccilli

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Le promesse, è forse pleonastico dirlo, vanno mantenute. O forse no, perché le cose importanti vanno comunque ricordate e ripetute, senza il timore di apparire banali. Luciano Marcuccilli, in maniera assai naturale ma tutt’altro che banale, mantiene le promesse, pur se in apparenza incolmabili, in questo suo album d’esordio.

A partire dal sottotitolo, “Rilassamento ritmico”; trentuno minuti e trentaquattro secondi di suoni percussivi che carezzano timpani, trombe d’eustachio e padiglioni auricolari con la naturalezza dell’acqua che scorre e che offrono, nel loro divenire ritmico, un approdo di benessere non soltanto uditivo. Un momento d’estasi percussiva, acquatica, portatrice di un’armonia degli elementi che ha la forza di coinvolgere e trasportare, al momento dell’ascolto, tanto da accompagnare, in maniera prorompente seppure garbata, in una dimensione altra. E tutto questo sarebbe già sufficiente. Ma le promesse si mantengono non a metà, ed ecco che il proposito giunge a totale compimento nel titolo, “Vita”, che è molto più d’una dichiarazione d’intenti. 

C’è infatti, in questo lavoro, tutta la vita di questo artista trentenne, nativo di Roccasecca – luogo che non può non riportare alla mente, restando in ambito musicale, la figura del flauto del ‘900, Severino Gazzelloni – la cui formazione musicale ha avuto come tappe lo studio delle percussioni al conservatorio “Licinio Refice” di Frosinone, e la laurea in Etnomusicologia al Dams di Tor Vergata (all’interno, una pregevole tesi sulle bande musicali ed approfondimenti, a latere, nel campo della musicoterapia). Coadiuvato dal pregevole Tommaso Capuano – musicista con alle spalle collaborazioni con Ennio Moricone, John Cage e Nicola Piovani – Luciano Marcuccilli ricrea il suo personale microcosmo in un’alternanza di ritmi e tempi composti, usando un florilegio di strumenti percussivi, a partire dal bastone della pioggia, presente all’inizio ed alla fine di ogni brano alla stregua di un flusso acquatico ininterrotto – vitale, appunto – quasi a fare da cordone ombelicale fra i brani. Si apre con “Giocare”, un 4/4 assimilabile ad una marcia militare, in cui Luciano Marcuccilli, attraverso bonghi, cajon e congas ripercorre il suo itinerario ludico ed i suoi ricordi di bambino che esplora il mondo giocando. Poi è la volta di “Mamma”, titolo che non necessita di alcun commento esplicativo, in cui un suggestivo steel drum giocato su un tessuto pentatonico alterna tempi composti in un continuo dialogo col bastone della pioggia. Nel brano successivo “Gennarino Marcuccilli” un pensiero anche per suo padre, un nuovo intreccio di congas e cajon giocato su un 2/4 che diviene poliritmico dipanandosi su terzine e quintine. Qualcosa di simile accade né “Il vicolo”, evocazione di uno spazio familiare, di un cortile dell’anima espresso in un 4/4 che risolve in terzine e settimine. In un divenire di onde prodotte dal bastone della pioggia si arriva al quinto brano che dà il titolo all’opera, dialogo di timpani e ocean dream giocato su vari cambiamenti sul tempo di battuta; si alternano 2/4, ¾ e 4/4 in una vigorosa escursione dinamica alternata tra il piano e il forte. È poi la volta di Roccasecca, e qui l’intero microcosmo di Luciano Marcuccilli adulto/bambino viene evocato su un ¾ sviluppato in terzine e quartine. Gli ultimi due brani sono per altrettante dediche: “A mia madre”, un atto d’amore affidato ad un tessuto di timpani in 6/8 marcato da una vigorosa escursione alternata tra il piano e il forte, forte quanto solo può essere l’amore per una madre, e “Silvia”, titolo di leopardiana ascendenza dedicato alla cugina, in cui torna lo steel drum in un tempo di battuta variabile dal 2/4 al 4/4. Il tutto in un portamento acquatico, di onde che pettinano la battigia grazie ad un incessante movimento del bastone della pioggia, in un mare in cui non è dolce naufragare ma vivere. Un atto d’amore rivolto alla propria terra, agli affetti più cari, alla vita che prosegue, che va avanti. Vita che presto ci porterà, e lo stiamo già aspettando, un nuovo album di questo artista di Roccasecca. 

“Vita” Rilassamento Ritmico

Strumentisti – Luciano Marcuccilli, Tommaso Capuano

Registrazione e missaggio presso l’Alfastudio di Marco Alfano

Produzione “Associazione Brivido Rtmico” – www.brividoritmico.it 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

Poesia

L'autunno del cuore

Veloce muta il tempo  giornate di pioggia foriere di freddo si avvicinano. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

Romanzi e racconti

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Gioconda guarda il mare. Dietro di sé la porta verde di casa, a sinistra il sentiero che porta al faro e agli orti, a destra la via che va al...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. La giovane selezione della Cinéfondation

Cannes 73. La giovane selezione della Cinéfondation

CANNES - Lo sfortunato Festival del cinema di Cannes, una delle manifestazioni internazionali più importanti che ha pagato duramente le interferenze del coronavirus,  presenta la selezione Cinéfondation del 2020, ovvero...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Arpa Puglia potenzia la sede di Taranto. Inaugurati i nuovi laboratori

Arpa Puglia potenzia la sede di Taranto. Inaugurati i nuovi laboratori

L’edificio sarà anche sede del Polo di Specializzazione Microinquinanti di Arpa Puglia, eccellenza nella determinazione dei composti organici persistenti (POP), e in particolar modo di PCB, diossine e IPA, in...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Da Cardito nella Terra dei Fuochi un'artista unica che utilizza intense dinamiche cromatiche per intraprendere un profondo scavo psicologico

Alessandro Spadoni - avatar Alessandro Spadoni

Sport

L'Inter di Conte può ritornare a vincere: i motivi per crederci

L'Inter di Conte può ritornare a vincere: i motivi per crederci

È stata una delle grandi protagoniste della scorsa stagione, arrivando ad un solo punto dalla Juventus e sfiorando la vittoria dell’Europa League, persa in finale contro il Siviglia.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]