Sabato, 28 Giugno 2014 12:55

Sting, l’era solista con le ‘tartarughe blu’

Scritto da
Rate this item
(2 votes)

Nel 1985 usciva il primo album solo dell’ex cantante dei Police

 

Prologo: la fine dei Police

Nel momento del loro massimo successo internazionale Sting, cantante e leader dei Police, decise di sciogliere il gruppo. Per i fans di tutto il mondo fu una notizia incomprensibile e inspiegabile. L’ultimo album, “Synchronicity”, aveva venduto oltre 15 milioni di copie, ed era considerato l’apice creativo e compositivo del gruppo inglese. Per quale motivo, dopo aver pubblicato il loro capolavoro, Sting decise di porre fine ad una band così amata dal pubblico? Le ragioni sono molte. Innanzitutto i rapporti con Stewart Copeland e Andy Summers si erano molto deteriorati sin dai tempi di “Ghost in the machine”. Il batterista e il chitarrista non vedevano bene la straripante leadership compositiva di Sting. Anche in fase di registrazione i Police non erano più un gruppo unito e coeso. Sting componeva le canzoni da solo e poi le portava in sala di registrazione per eseguirle con Stewart ed Andy. Inoltre il cantante voleva esplorare nuove sonorità che non si coniugavano con la direzione musicale del gruppo. La fine dei Police fu un brutto colpo per la scena musicale degli anni ’80 in cui si erano imposti come i più originali e innovativi.

La carriera solista nel segno del jazz

La prima apparizione di Sting in veste solista avvenne per il grande concerto di “Live Aid” del 13 luglio del 1985 organizzato da Bob Geldof per aiutare i paesi poveri dell’Africa. Sting con la chitarra insieme al sassofonista Branford Marsalis eseguì una bellissima versione di “Roxanne”. Anche se è un brano rock, il cantante cambiò gli arrangiamenti con un lungo solo di sax tenore di Marsalis. Era l’inizio della nuova carriera di Sting, anche se non fu subito chiaro ai più. Il cantante invece aveva le idee molto chiare per il suo disco di debutto. Costituitì un gruppo di musicisti jazz di altissimo livello: il sassofonista Branford Marsalis, il bassista Darryl Jones (scoperto da Miles Davis), il tastierista Kenny Kirkland (lanciato da Miroslav Vitous) e il batterista Omar Hakim proveniente dai Weather Report.

Con questi straordinari musicisti fu abbastanza facile per Sting mettere in pratica il suo progetto sonoro per “The Dream of the blue turtles” che fu pubblicato nel giugno del 1985. Durante le registrazioni l’affiatamento tra i musicisti e Sting fu immediato anche per l’eclettismo delle composizioni e degli stili musicali dei brani composti dal cantante. Si passa dal rhythm blues di “If you love somebody set them free”, al piacevole reggae di “Love in the seventh wave”, alle atmosfere classiche di “Russians” al pop sofisticato di “Children’s Crusade”, ai momenti jazz di “Consider me gone”, “Moon over Bourbon street e soprattutto il brano che titola l’album. La fusione di diversi generi è la chiave del grande successo internazionale del primo disco solista di Sting. L’album arrivò al 2° posto negli Usa, al terzo in Inghilterra, al primo in Germania, Italia e Australia e al 4° posto in Canada. Nel complesso le vendite arrivarono a circa otto milioni di copie in tutto il mondo. Un debutto estremamente positivo che fu confermato dalla lunga tournée che il bassista entraprese tra il 1985 e il 1986 e che fu testimoniata dal bellissimo doppio live “Bring on the night”.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Dio è donna

Divinità era donna! Un tuffo nel mito della Grande Madre tra l’immaginario e il reale. L’universo femminile un viaggio alla scoperta dell’altra metà di Dio. C’è stato un mondo diverso dove si venerava la Dea. Ritroviamo la scintilla della divinità...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]