Venerdì, 12 Settembre 2014 11:51

Carole King, la regina del folk-pop

Scritto da
Rate this item
(3 votes)

Nel 1971 esce “Tapestry” l’album di maggior successo della cantautrice newyorchese

"Dicono tutti che le mie canzoni hanno contribuito 

all'emancipazione femminile ma all'epoca non ero davvero consapevole 

Nella mia carriera non ho mai sentito che l'essere donna fosse un ostacolo o un vantaggio

Ho sempre pensato di essere ben accetta o respinta solo per quello che facevo"

(Carole King)

Un monumento della poetica americana

Tra le figure femminili più influenti della musica contemporanea c’è sicuramente la mitica presenza di Carole King, fulgida rappresentante del folk-pop raffinato americano degli anni ’70. Il suo album “Tapestry” è diventato una sorta di manifesto del cantautorato in rosa, tra ballate intimiste, confessioni dolenti e protesta femminista. I suoi classici - da “You've Got A Friend” in poi - sono stati reinterpretati da stuoli di rockstar. Carole King è stata soprattutto un'icona della generazione dei Settanta, con i suoi sogni e le sue illusioni molte delle quali infrante. La sua voce dolce e suadente ha raccontato struggenti storie di vita della società americana così piena di slanci e contraddizioni. Carole King, insieme a Joni Mitchell e James Taylor, rappresenta il punto più alto della musica popolare americana, quel patrimonio culturale che ha attinto nel vasto e variegato universo del folk.

Carol King (New York, 1942), iniziò a suonare il pianoforte quando frequentò il liceo dove formò il suo primo gruppo, i “Co-Sines”. Il suo talento di songwriter di razza la portò rapidamente a scalare il successo negli Stati Uniti. Per tutti gli anni Sessanta s’impegnò nella scrittura di canzoni in coppia con il marito Gerry Goffin. Il suo debutto avvenne nel 1970 ma il grande successo internazionale lo raggiunse con il seguente storico album “Tapestry”, un vero e proprio manifesto musicale ed esistenziale della sua arte e delle sue emozioni.

“Tapestry”, manifesto musicale di amore e amicizia

Con questo album, Carole King raggiunse la completa maturità artistica e compositiva. Le dodici canzoni che compongono “Tapestry”, rappresentano l’apice creativo di un’artista raffinata e sensibile. Le registrazioni si svolsero nel gennaio del 1971 sotto l’attenta e ispirata produzione di Lou Adler. La cantautrice volle un nutrito gruppo di musicisti per la composizione dell’album, tra cui James Taylor e Joni Mitchell. La cura degli arrangiamenti e la raffinatezza delle composizioni fanno di “Tapestry” una delle migliori testimonianze della musica statunitense degli ultimi 45 anni. I brani di Carole King spaziano dal folk intimista al pop più delicato sino al blues. Inoltre la cantante si cimenta in una splendida versione di “You make me feel like, a natural woman”, con una voce da brivido.

Il modello di ballata creato da Carole King resterà un riferimento costante anche per la nuova leva delle cantautrici intimiste di fine secolo: Suzanne Vega, Tori Amos, Natalie Merchant, Fiona Apple, Sheryl Crow. Con Carole King, come con Janis Joplin, si celebra la rivoluzione sessuale, le utopie dei 70, gli ideali della Woodstock Generation. Nel caso della King tutto è più sfumato, tenero, aggraziato. Attraverso il disagio che traspare dalle sue canzoni, la cantautrice newyorkese mostra tutti segni di un carattere acerbo e introverso, che non reggerà molto a lungo nel duro ambiente dell’industria discografica statunitense.

“Tapestry”, venne pubblicato il 10 febbraio del 1971ed ebbe un enorme successo in tutto il mondo. L’album raggiunse la prima posizione negli Stati Uniti, Canada e Spagna, il terzo posto in Australia, il quarto in Gran Bretagna. Si aggiudicò ben dieci dischi di platino negli Usa, due in Gran Bretagna e uno di oro in Giappone. Le vendite complessive hanno superato 25 milioni di copie in tutto il mondo.

Di seguito il testo tradotto di “You’ve gotta a friend”, portata al successo anche da James Taylor

Quando sei giù, pieno di problemi 

e hai bisogno di un aiuto 

e niente, niente va nel modo giusto 

chiudi gli occhi e pensami 

e subito io sarò là 

per illuminare anche le tue notti più buie 

 

semplicemente urla il mio nome 

e sai che ovunque sarò 

verrò di corsa per rivederti ancora 

inverno, primavera, estate o autunno 

tutto ciò che devi fare é chiamare 

ed io arriverò, si 

tu hai un amico 

 

se il cielo sopra di te 

dovesse diventare scuro 

e pieno di nuvole 

e se quel vecchio vento del nord 

iniziasse a soffiare 

mantieni salda la tua testa 

ed urla forte il mio nome 

e subito busserò alla tua porta 

 

semplicemente urla il mio nome 

e sai che ovunque sarò 

verrò di corsa per rivederti ancora 

inverno, primavera, estate o autunno 

tutto ciò che devi fare é chiamare 

ed io arriverò 

 

non é bello per te sapere che hai un amico? 

la gente a volte è così fredda 

ti feriranno e ti inaridiranno, 

beh, prenderanno la tua anima, 

se glielo permetterai 

oh si, tu non lasciarglielo fare 

 

semplicemente urla il mio nome 

e sai che ovunque sarò 

verrò di corsa per rivederti ancora 

inverno, primavera, estate o autunno 

tutto ciò che devi fare é chiamare 

ed io arriverò, si 

tu hai un amico, tu hai un amico 

non é bello per te sapere che hai un amico? 

non é bello per te sapere che hai un amico? 

si, si, tu hai un amico.

 

 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

Poesia

Buonanotte Mondo

Allontanare i pensieri 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

Romanzi e racconti

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Gioconda guarda il mare. Dietro di sé la porta verde di casa, a sinistra il sentiero che porta al faro e agli orti, a destra la via che va al...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. La giovane selezione della Cinéfondation

Cannes 73. La giovane selezione della Cinéfondation

CANNES - Lo sfortunato Festival del cinema di Cannes, una delle manifestazioni internazionali più importanti che ha pagato duramente le interferenze del coronavirus,  presenta la selezione Cinéfondation del 2020, ovvero...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Da Cardito nella Terra dei Fuochi un'artista unica che utilizza intense dinamiche cromatiche per intraprendere un profondo scavo psicologico

Alessandro Spadoni - avatar Alessandro Spadoni

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Intervista a Serlio Selli, direttore del laboratorio di Cromatos, l'azienda che colora il nostro vivere quotidiano 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Sport

Serie A: si riparte tra tamponi, contagi e la massima imprevedibilità

Serie A: si riparte tra tamponi, contagi e la massima imprevedibilità

Quarantotto giorni: è questo l’arco temporale che è passato dalla fine della scorsa stagione e l’inizio della prossima, ormai praticamente alle porte.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]