Domenica, 16 Novembre 2014 10:31

L’intervista. Amedeo Minghi torna con “Suoni tra ieri e domani”. Video

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Amedeo Minghi è tornato con un nuovo progetto “Suoni tra ieri e domani”, nel quale esegue  brani che ha composto per altri grandi interpreti della canzone italiana quali, solo per citarne alcuni, Mietta, Mia Martini, Franco Califano, Andrea Bocelli.

Quella esplorata da Amedeo Minghi in “Suoni tra ieri e domani” è la fase della vita in cui ha composto per colleghi e per amici, che nel cuore gli hanno lasciato ricordi ed emozioni: con il pubblico ora vuole condividere la carriera e questa dimensione “privata”. E' interessante notare come per lui questo rapporto stretto con i fan e gli estimatori del “racconto” accompagnato  all'esecuzione, acquisti una dimensione esclusiva, nella quale le canzoni, interpretate inizialmente da altri, sono da Minghi rieseguite, allegando personali memorie, che aggiungono qualcosa in più. Il risultato sono  tracce che vivono di una luce diversa, nuova, nella voce e nella persona di chi inizialmente le compose, le affidò ad altri interpreti. Ascoltiamo Amedeo Minghi attraverso l’intervista di Valentina Marchetti.

D. Per “Suoni  tra ieri e domani”  lei ha parlato della collaborazione con Cinzia Gangarella, ci dà qualche dettaglio in più?

A.M. Questi brani, mi furono commissionati. Venivo spesso chiamato a partecipare alla realizzazione dei nuovi lavori dei miei colleghi, o dai loro produttori, arrangiatori... Ne venivano fuori aspetti diversi a volte sorprendenti. questa "collezione", con la mediazione della Gangarella, li riporta alla loro forma originale,  piano e voce, e in questa veste tornano in risalto le loro melodie e in particolare i testi spesso "confusi" da realizzazioni con finalita' diverse da quelle primarie.  

D. C'è un ricordo legato ad un artista che le è rimasto più impresso?

A.M. Veramente, sono legato a tutti questi grandi interpreti da un bellissimo ricordo. E' per questo che ho lasciato nell'album i "monologhi" che raccontano gli aneddoti legati alle dieci canzoni. 

D.  Quanto secondo Lei oggi gli artisti riescono ad essere se stessi? 

AM. Oggi essere se stessi e' molto piu' complicato di un tempo, ci sono troppi vincoli legati alle classifiche di ogni tipo: la radiofonicita' dei nuovi brani affannosamente ricercata per catturare attenzione. Io credo che se una canzone e' bella, questo dovrebbe essere l'unico intento dell'artista, diventa di conseguenza radiofonica, quindi popolare. E la canzone, deve sempre essere popolare, anche la piu' sofisticata: puo' sembrare un controsenso ma su questo, parlo per esperienza personale.

D. Il contatto diretto con il pubblico è una dimensione più esclusiva e autentica?

AM. Sicuramente si. Per me, e' stata l'esperienza piu' importante della mia carriera. E’ il luogo perfetto dove dare alle mie canzoni, la loro autentica dimensione. A tal proposito, il 29 novembre saro' a Bologna "Arena del sole", il 21 dicembre a torino "Teatro Colosseo" e il 22 dicembre, il giorno dopo, a Milano al "Teatro Nuovo".

D. Lei afferma che alcuni della sua generazione sono rinchiusi in una "torre d'avorio".  Di  questa tendenza a fossilizzarsi, cosa ne pensa ?

A.M. Non ne penso bene. Gli artisti dovrebbero collaborare tra loro, trovare sinergie, tentare nuove e diverse soluzioni. Questo darebbe loro maggior vigore quando poi scrivono le loro personali canzoni. Chiudersi e isolarsi non e' per tutti. E’ un privilegio per pochi. Ed esistono.

D. Il "grande palazzo" della Rca: banco di prova, università per la musica... le case discografiche permettono ancora un approccio simile?

A.M. Sarebbe auspicabile ma purtroppo non e' piu' cosi'. Oggi si e' alla ricerca disperata del tutto e subito. O la va o la spacca.... per noi, parlo della mia generazione, era il contrario: anni di studio, prove, lavori cestinati per condurci finalmente sulla strada della personalita' e della propria cifra stilistica.

D. Qual è il suo ricordo legato a Califano, come artista e persona?

A.M. Franco era un grande artista: paroliere, brutta parola, non lo definisce. Poeta, e' piu' vicina alla verita'. Un grande senso dell'amicizia. Apparentemente scorbutico in realta' dotato di simpatia e grande senso dell'ironia, che sapeva maneggiare con maestria. Forse un po' stravagante? Alla larga dai falsi perbenisti, lui era quel che era, lo era sempre e lo sapevi subito.

D. E’ vero che per scrivere bisogna prima vivere? 

A.M. Gli artisti non hanno regole, e non esiste regola nell'arte, ognuno si gestisce secondo il proprio istinto che e' la vera anima di chi fa questo mestiere. 

D. Come definirebbe l'amore?

A.M. Un’ esigenza!

 

Amedeo Minghi –Suoni tra ieri e domani - Video

 

 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La riscossa dell'avvenire

Alle donne Che sono le fondamenta della società

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Rosa del deserto

Il muezzin cantilenando va le sue preghiere.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quando l’intimità si fa politica attraverso la pittura. Intervista a Romina Bass…

Parlare di donne e politica in tempi di ritorno femminista significa addentrarsi in un periglioso terreno, col rischio che tutto venga fagocitato da nuovi slogan e propaganda di movimento.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 72. Annunciati dalla Cinéfondation i premi ai corti

CANNES - La giuria dei cortometraggi e della Cinéfondation prresieduta da Claire Denis e composta da Stacy Martin, Eran Kolirin, Panos H. Koutras e Cătălin Mitulescu, ha assegnato i premi...

Redazione - avatar Redazione

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Greta Thunberg, non è impossibile coniugare economia ed ecologia

Greta Thunberg, qualità personali a parte, è l’esempio massimo della coscientizzazione che può sviluppare una buona istruzione, tale da renderla anche capace di comunicare un suo disagio che, non a...

Fabio Massimo Tombolini - avatar Fabio Massimo Tombolini

Sport

Serie A: il punto della situazione sul campionato 2018-2019

Facciamo una piccola considerazione sul campionato di serie A 2018-2019. All’inizio della stagione le famose griglie di partenza avevano molto fatto discutere, specialmente per via del fatto che il Napoli...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]