Mercoledì, 03 Dicembre 2014 01:00

Roma Jazz Festival. PIJI, irresistibilmente manouche

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Swing & New Deal: mai titolo fu più azzeccato per la tematica connessa al Roma Jazz Festival dal concerto dell’autore, compositore, interprete, improvvisatore e carismatico affabulatore  Piji.

E’ con lui che l’altra sera alla Sala Petrassi dell’Auditorium Parco della Musica centinaia di persone non hanno resistito a fermare il ritmo delle proprie articolazioni giunturali poiché a colpi di electro-swing e per oltre un’ora e mezzo di ammiccante intrattenimento, sul palco e in sala (grazie al coinvolgimento di alcuni ballerini dello Swing Circus, acchittati a dovere per l’occasione) una sala da concerto si è trasformata in una autentica ballroom. Anomalia del caso tutta da scoprire e comunicare, dal momento che Piji – oltre alle ben note imperterrite incursioni di giornalismo radiofonico e saggismo musicale, nasce come cantautore (il più premiato d’Italia nel genere, con decine di riconoscimenti che vanno dal Premio Lunezia al Bindi), si contamina di pop e manouche e approda alla perfetta fusione tra canzone e jazz proprio in quest’occasione.

 E’ il momento della maturità acquisita, o forse ritrovata dato che la fiducia iniettata in Piji da Mario Ciampà (direttore artistico del festival), è stata premiata grazie alla determinazione di un autore che scrive testi perennemente conditi di attualità, ma ce li fa canticchiare con quelle riletture gipsy-jazz che accantonano il nazional-popolare della melodia scontata e corale in nome di una rilettura filtrata da riflessione, eppure pericolosamente contagiosa. Qui infatti un brano tira l’altro, vuoi per la raffinatezza dell’esposizione interpretativa – coesa ed affiatata è la band formata da Augusto Creni (chitarra manouche), Gian Piero Lo Piccolo (clarinetto); Ominostanco(electronics); Saverio Capo (basso); Edoardo Petretti (keyboards) e Amedeo Ariano (batteria) – vuoi per la perfetta fusione dei testi originali, poetici ed ironici, a melodie energiche, allegre e di facile ascolto, vuoi per il fascinoso bilanciamento tra acustico ed elettrico generato dalla rivisitazione di cover (i due opposti Vasco Rossi con “C’è chi dice no” e Ligabue nello spezzettamento del refrain “Balliamo sul mondo”, tra i preferiti, ma anche il sofisticato remake di “Minor Swing” di Django Reinhardt!). Pierluigi Siciliani, in arte Piji, continua a combattere contro le logiche del playlist radio system – e ora per fortuna lo fa da un grande palco – e, più che mai creativamente vivo e rigorosamente dal vivo, ci propone nuovi arrangiamenti, nuove chiavi di lettura dei suoi (storici per gli intenditori)  successi quali “L’ottovolante”, “Un vestito di canapa”, “Madama Pioggia” o “I Cigni di Nymphemburg”, ma anche novità, la prima delle quali il singolo “Cervello in fuga” (prodotto da Carlo Avarello) e “L’amore ai tempi dello swing”, uno splendido duetto non ancora testato disco graficamente ma perfettamente riuscito “a getto” sul palco con l’ospite a sorpresa Simona Molinari (insieme con Piji in questo ambito anche nel successo sanremese “La felicità”). 

Quando il nostro cantautore provoca, lo fa con gusto, divertendosi ma dimostrando concretamente che c’è un modo per uscire dalle negazioni/negatività a cui ci sottopone quotidianamente la società: basta evidenziarla a suon di swing. Eccentrico calcolatore di battute e respiri ritmici su una chitarra trasformatasi in un prolungamento manouche del suo arto propulsore, l’artista si fa osservatore della microscopica attualità, tralasciando il generalismo della notizia per un’analisi introspettiva testuale del cambiamento storico che contestualizza la nevrosi del singolo e le sue degenerate attitudini, sia umane che professionali. Ma alla fine il nostro imperterrito sembra sviolinare ammiccamenti della serie “non pensiamoci” e alle strizzatine d’occhio riparatrici di testi forse fin troppo diretti, alterna una presenza scenica importante e fuorviante, ma essenziale per la caratterizzazione della sua unicità. Piji sorride sotto i baffi mentre canta “Swing Politik” ma langue quando intona “Welcome to Italy”: per fortuna, per lui come per noi, c’è una musica consolatrice in soccorso, amplificata dagli entusiasmanti virtuosismi del clarinetto di Lo Piccolo, dalle corde old-fashioned style di Crena, dai tecno-campionamenti di Omino Stanco (che invece non si stanca mai di far dialogare il suo PC con i suoni retrò del gipsy jazz). E per fortuna di Piji, radiofonicamente dissertando, c’è anche un nuovo brano che si adegua al sound del momento e all’attualità dei temi in corso: confidiamo allora che i programmatori artistici dei principali network italiani non lascino fuggire questo cervello, anche solo perché ci continua, senza pretese ma con uno stile inconfondibile (e non è poco!), a far partecipare goduriosamente ad un pezzo di contemporaneo pop-swing autoriale che prima non c’era.

Maggiori info su Piji:

 HYPERLINK "http://www.piji.it" www.piji.it

Fb e Twitter

Elisabetta Castiglioni

Giornalista e Promoter Culturale

www.dazebaonews.it

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

Poesia

L'autunno del cuore

Veloce muta il tempo  giornate di pioggia foriere di freddo si avvicinano. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

Romanzi e racconti

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Gioconda guarda il mare. Dietro di sé la porta verde di casa, a sinistra il sentiero che porta al faro e agli orti, a destra la via che va al...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. La giovane selezione della Cinéfondation

Cannes 73. La giovane selezione della Cinéfondation

CANNES - Lo sfortunato Festival del cinema di Cannes, una delle manifestazioni internazionali più importanti che ha pagato duramente le interferenze del coronavirus,  presenta la selezione Cinéfondation del 2020, ovvero...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Arpa Puglia potenzia la sede di Taranto. Inaugurati i nuovi laboratori

Arpa Puglia potenzia la sede di Taranto. Inaugurati i nuovi laboratori

L’edificio sarà anche sede del Polo di Specializzazione Microinquinanti di Arpa Puglia, eccellenza nella determinazione dei composti organici persistenti (POP), e in particolar modo di PCB, diossine e IPA, in...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Da Cardito nella Terra dei Fuochi un'artista unica che utilizza intense dinamiche cromatiche per intraprendere un profondo scavo psicologico

Alessandro Spadoni - avatar Alessandro Spadoni

Sport

L'Inter di Conte può ritornare a vincere: i motivi per crederci

L'Inter di Conte può ritornare a vincere: i motivi per crederci

È stata una delle grandi protagoniste della scorsa stagione, arrivando ad un solo punto dalla Juventus e sfiorando la vittoria dell’Europa League, persa in finale contro il Siviglia.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]