Martedì, 16 Dicembre 2014 14:33

“Trovajoli racconta”, vita di un Maestro “scorbutico”. Videointerviste

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

Parlano Enrico Montesano, Renato Zero, Pippo Baudo, Iaia Fiastri e molti altri

ROMA - Ad un grande artista come lui, le definizioni sono sempre andate strette. Soprattutto perché le etichette, oltre a soffocarlo, non lo hanno mai descritto fedelmente. Non lo rappresenta adeguatamente la descrizione di musicista, né quella di conoscitore dei grandi compositori classici. Né, tantomeno, la presentazione come jazzista. Perché Armando Trovajoli è tutto questo insieme e, allo stesso tempo, tanto altro. Lo ha chiarito subito Alfredo Gasponi - il musicologo che con il maestro ha scritto a quattro mani la sua biografia, Trovajoli racconta-: Trovajoli è un uomo, più che un semplice artista. Un uomo brusco, ruvido, a tratti scorbutico. Gli aggettivi per descriversi il maestro li ha affidati alla pagina finale del suo libro. Quella che aveva scritto lui stesso prima di spegnersi, il 1° marzo 2013, e in cui, assieme al ringraziamento per la fedele moglie Maria Paola – “Penelope- aveva tratteggiato anche il ritratto di sé. Un ritratto mai fedele come quello offerto, però, dal pentagramma. La musica di un artista nato a Roma, jazzista dei primi tempi, che a trentanni si diploma in pianoforte al conservatorio di Santa Cecilia e, poco tempo dopo il prestigioso riconoscimento, decide di abbandonare la carriera da pianista e le esibizioni in pubblico.

Il motivo? Linconciliabile distanza tra il mondo accademico, la musica dei grandi compositori, le opere dei classici e la libertà, gli svolazzi, i saliscendi del jazz e della sua improvvisazione. Sono questi i due universi che la musica di Trovajoli unisce: da un lato, quel mondo classico che il maestro sottolinea Gasponi sentiva comunque lesigenza di conoscere e con cui voleva confrontarsi. Dallaltro, il mondo della musica nera. Trovajoli laveva incontrata da giovane e laveva rincorsa, recuperando sottobanco spartiti e partiture, ammaliato da un fascino potente e sensibile.

Pianeti spesso in collisione tra loro. Due reagenti che nel mondo formale, impostato e snob della musica accademica, non avevano trovato il loro equilibrio né la giusta accoglienza. A farli integrare perfettamente era stato solo il maestro-chimico Trovajoli, che quegli elementi li aveva miscelati a modo suo, creando quel mix unico tra Bach e Duke Ellington che è la sua musica. In un misto di originalità, fantasia, sorpresa, innovazione, studio e ricerca. Per lui che, alla sperimentazione, aveva dedicato la sua vita di brillante compositore mai contento di sé, dei suoi lavori, dei suoi traguardi, della sua musica. Gasponi parla di continua autocritica e di una tensione fortissima alla perfezione, lui che racconta lo studioso per i primi tre accordi del Don Giovanni di Mozart avrebbe dato qualsiasi cosa.

E lui che, per la musica leggera italiana, il cinema e il teatro di commedia musicale, ha dato tantissimo: più di duecento colonne sonore cinematografiche, molte canzoni e le note dei maggiori musical della storia teatrale italiana. Da Rugantinoa Bravo!, da Ciao Rudyfino ad Aggiungi un posto a tavola, quel musical che, quaranta anni fa, il maestro non voleva musicare perché troppo buonista, troppo parrocchialeSono sicura che in questi anni il maestro abbia cambiato idea e sia contento di aver scritto Aggiungi” – ha commentato Iaia Fiastri, co-autrice del musical.

E poi c’è il cinema, con le grandi colonne sonore pensate per capolavori del calibro di Una giornata particolare di Ettore Scola o de La ciociara di Vittorio De Sica, passando per Casanova 70 di Mario Monicelli e In nome del Papa Re di Luigi Magni. Un pentagramma di musica, emozioni e parole e un ventaglio ricchissimo di collaborazioni: attori, registi, musicisti e soprattutto cantanti, fortunati interpreti di pezzi emozionanti. Come la meravigliosa Il principe delleccentricità”, nata per caso, strimpellata senza volerlo e regalataallamico Renato Zero, che Trovajoli l'ha incontrato agli esordi della carriera, a 16 anni, e da allora lha sempre seguito, maestro di correttezza, semplicità e consapevolezza.

E, al ricordo di Zero, si uniscono la testimonianza carica daffetto del paroliere Giorgio Calabrese, gli aneddoti del Rugantino per eccellenza Enrico Montesano e le parole damore della vedova Maria Paola. Lei, metà di una vita meravigliosa passata tra musica e silenzio, passione e improvvisazione.

Una vita da Armando Trovajoli, condotta per mano dalle sette sorelle-figlie, le note musicali.

Armando Trovajoli: il maestro “scorbutico” tra Mozart e Duck Ellington – Videointerviste 

Titolo

Trovajoli racconta

Autore

Gasponi Alfredo

Prezzo 

25 euro

 

Dati

2014, 226 p., ill., brossura

Editore

Rugginenti   

   

 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]