Domenica, 05 Luglio 2015 12:03

MAXXI. Domenica 5 luglio, ore 20.30 secondo appuntamento con #LIGHT ON

Scritto da

ROMA - Esposto al MAXXI, nella mostra Food dal cucchiaio al mondo, c’è un singolare chiosco mobile bianco, lungo 10 metri, con un lungo tavolo da pranzo sormontato da una tettoia. E’ la White Limousine, il ristorante mobile dello studio giapponese di architettura Atelier Bow-Wow, ispirato ai tipici stand per lo street food, i cosidetti yatai, molto diffusi nelle città giapponesi.

E proprio Yoshiharu Tsukamoto, fondatore con Momoyo Kajima di Atelier Bow-Wow, sarà il protagonsita del secondo incontro del ciclo a cura del MAXXI Architettura e iGuzzini, che si svolgerà al MAXXI domenica 5 luglio, alle ore 20.30 (Piazza del MAXXI | Ingresso libero) e lunedì 6 luglio alle ore 16.00 all’Auditorium iGuzzini a Recanati (ingresso libero)

#Light On prevede incontri con noti architetti e professionisti della progettazione che sperimentano con sguardo contemporaneo e visionario il rapporto tra forma, tecnologia e luce. Dopo quello con Snøhetta, ora sarà la ricerca e il lavoro di Atelier Bow-Wow – che appartiene a una generazione di progettisti famosi pur non essendo “archistar” – ad essere approfondito.

Atelier Bow-Wow è uno studio di architettura con sede a Tokyo, fondato nel 1992 da Yoshiharu Tsukamoto e Momoyo Kajima.

Yoshiharu Tsukamoto è nato nel 1965, ha studiato architettura presso il Tokyo Institute of Technology, e a Parigi presso L'Ecole d'Architecture de Belleville (UP 8). Dal 2000 Tsukamoto è Professore Associato presso il Tokyo Institute of Technology. Momoyo Kaijima è nata a Tokyo nel 1969, ha studiato presso la Facoltà di Scienze dell'Università nazionale delle donne del Giappone e presso l’Eidgenössische Technische Hochschule Zürich (ETH). Dal 2009 è professore associato, presso l'Art and Design School dell'Università di Tsukuba.

Atelier Bow-Wow è stato uno degli studi invitati da Kazuyo Sejima alla Biennale dell’architettura di Venezia.

A distinguerlo dai più prestigiosi studi giapponesi è il profondo lavoro di investigazione che il duo conduce, soprattutto sul paesaggio urbano. una investigazione sulle micro-architetture vernacolari che cerca di dare una logica alla complessità urbana delle metropoli moderne.

Lo studio ha pubblicato le sue indagini nei trattati che compongono Made in Tokyo e Pet Architecture.

Nelle loro architetture, i Bow-Wow cercano di mettere in pratica principi tratti da esempi esistenti, alterandoli in modo da creare una nuova realtà.

Grande importanza assume l’uso dello spazio e la sua condivisione e occupazione. Nell’edilizia privata , le proposte prevedono una abolizione di tutte le partizioni per creare uno spazio continuo ma organizzato e le scale e i pianerottoli vengono usati per enfatizzare questa continuità:

“Instead of making a strong partition between rooms we use the sense of occupancy to give a subtle articulation in the continuous space. So as you walk around you encounter different types of occupancy. This is interesting, because it means we need the help of the users to achieve our intentions.”

Lectures internazionali di architettura tra Roma e Recanati

a cura di MAXXI Architettura e iGuzzini

Incontro con Yoshiharu Tsukamoto / Atelier Bow-Wow

introducono Margherita Guccione | Direttore MAXXI Architettura e Pippo Ciorra | Senior curator MAXXI Architettura

Piazza del MAXXI | INGRESSO LIBERO FINO A ESAURIMENTO POSTI

www.fondazionemaxxi.it | www.iGuzzini.it

Sono previsti crediti formativi e professionali. Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Festival di Cannes

Cannes 70. A sorpresa vince “The square”. Tutti i premiati

CANNES -  La giuria del  Festival Internazionale del Film di Cannes  presieduta da Pedro Almodovar e composta da Maren Ade, Jessica Chastain, Fan Bingbing, Agnès Jaoui, Park Chan-wood, Will Smith, Paolo Sorrentino, Gabriel...

Redazione - avatar Redazione

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Speech Art

Quattro voci e una Biennale. Speciale Speech Art Venezia

Quasi alla fine dell’ultima edizione della Biennale di Venezia, raccogliamo le idee e tentiamo di rispondere a un quesito fondamentale che ci sale alla mente, proprio a partire dalle parole...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077