Mercoledì, 16 Settembre 2015 21:20

Venezia 72. “Pecore in erba”, esilarante esordio di Alberto Caviglia. Recensione

Scritto da

ROMA – Luglio 2006. Il giovane genio della comunicazione Leonardo Zuliani è scomparso ormai da sei mei e a Roma è in corso una grande manifestazione di solidarietà che affolla Trastevere, il quartiere dove l’attivista viveva.

Tutte le televisioni ne parlano e il telegiornale trasmette un documentario che racconta la sua vita avventurosa, con le numerose testimonianze delle persone che lo conoscevano: la mamma, la sorella, gli amici e tanti personaggi, più o meno noti, che negli anni si sono confrontati con lui e con le sue invenzioni innovative e stravaganti. Tutti si fanno la stessa domanda: che fine avrà fatto davvero Leonardo Zuliani? Fumettista di successo, stilista visionario, scrittore di talento e attivista dei diritti civili: possibile che questa improvvisa sparizione sia un’altra delle sue trovate?

“Pecore in erba” è il primo film di Alberto Caviglia, che ne ha curato interamente la regia e la sceneggiatura, partecipando al Festival del Cinema di Venezia appena concluso. La struttura sotto forma di documentario è innovativa e interessante, soprattutto perché affronta, in modo decisamente diverso dal solito, un tema storicamente complesso: l’antisemitismo. Leonardo Zuliani, infatti, sembra essere il portatore sano del gene dell’antisemitismo, ma, nonostante ciò, è considerato da tutti un genio incompreso e la sua improvvisa sparizione lascia un vuoto inspiegabilmente incolmabile nell’opinione pubblica, assuefatta a qualsiasi cosa.

Ironico, brillante e pungente: la sua costruzione originale rende questo film molto attuale e esalta la capacità del regista di giocare col grottesco spirito della nostra società attraverso una nuova forma di satira. Il gioco tra personaggi immaginari, come Leonardo, e reali, come i giornalisti e i politici che hanno prestato il loro volto, tutti inseriti in contesti realistici, avvicina lo spettatore, rendendo ancor più verosimile la storia, seppure iperbolica. Tuttavia resta qualche punto oscuro, lento, farraginoso, che la cornice documentaristica della pellicola rende più ostico di quel che potrebbe essere. È un film che va guardato con attenzione, non lasciandosi catturare solo dalla freschezza dei dialoghi, sotto forma di intervista. Va analizzato con cura e bisogna dare atto al regista, Alberto Caviglia, che la sua abilità di cogliere il ridicolo anche in temi tanto profondi ci permette di fare molte riflessioni sul nostro stravagante Paese, al di là delle ideologie e dei pregiudizi: l’ironia è una cosa seria!

REGIA: ALBERTO CAVIGLIA

SOGGETTO: ALBERTO CAVIGLIA

SCENEGGIATURA: ALBERTO CAVIGLIA e BENEDETTA GRASSO con la collaborazione di PAOLO COSSEDDU

FOTOGRAFIA: ANDREA LOCATELLI

SCENOGRAFIA: ANDREA CASTORINA

MONTAGGIO: GIANNI VEZZOSI

COSTUMI: SARA FANELLI

MUSICHE: PASQUALE CATALANO

SUONO: ALESSANDRO BIANCHI

CASTING: STEFANIA RODA’

DISTRIBUZIONE: BOLERO FILM

PRODUZIONE: LUIGI MUSINI E OLIVIA MUSINI per ON MY OWN con RENATO RAGOSTA in associazione con PAOLA e RICKY LEVI

IN USCITA: 24 SETTEMBRE 2015

Pecore in erba - clip

 

Alessandra Rinaldi

Giornalista, blogger e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Notte taciturna

Ricordo quella luna incantata e il dolce languore di una confidenza bisbigliata nel confessionale del cuore.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

L’Arte può salvare una vita? L’attivismo animalista nella pratica di Tiziana Per…

Abbiamo incontrato Tiziana Pers in occasione della mostra Caput Capitis II a cura di Pietro Gaglianò presso la aA29 Project Room a Caserta.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Sport

Serie A: il punto della situazione sul campionato 2018-2019

Facciamo una piccola considerazione sul campionato di serie A 2018-2019. All’inizio della stagione le famose griglie di partenza avevano molto fatto discutere, specialmente per via del fatto che il Napoli...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]