Giovedì, 24 Settembre 2015 13:08

VENEZIA 72. “La prima luce”. Riccardo Scamarcio, padre a prova d’ostacolo. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA - Marco, giovane e cinico avvocato rampante, vive a Bari con la sua compagna Martina e il loro piccolo Mateo di 8 anni. Martina, latino americana, si è trasferita in Italia dopo averlo conosciuto. La storia inizia quando il rapporto tra i due è ormai alla fine. Martina vuole tornare a vivere nel suo paese con Mateo ma questa scelta escluderebbe Marco e lui non glielo consente, troppo profondo è l’amore e il legame con suo figlio.

Dopo un periodo lacerante, Martina decide di scappare insieme a Mateo e si reca nel suo paese facendo perdere ogni traccia. Il tempo per Marco inizia a scorrere più lento, non ha nessuna notizia di suo figlio e dopo un periodo di angoscia e sbandamento decide di andare a cercarlo. Una volta arrivato in Sud America si ritrova in una metropoli di 6 milioni di persone, indifferente e indecifrabile. In seguito a lunghe e inconcludenti ricerche Martina e Mateo sembrano davvero essere svaniti nel nulla, ma …  

“La Prima Luce racconta quanto può essere straziante una separazione e come l'amore di un padre per suo figlio possa superare ogni confine.”

Il film è caratterizzato da lunghe attese. Primi piani silenti. Assenza di azione e assenza di parole. Assenza volta a comunicare l’impossibilità dei due protagonisti di instaurare un qualsiasi dialogo, con l’altro e con se stessi. Nemmeno quando la moglie rapisce il figlio, Marco si sveglia o si arrabbia. Il suo dolore è interno e tale resta anche quando va in Brasile a cercare Mateo. Il film si snoda su più livelli, ma nessuno sembra essere sviluppato pienamente. C’è n’è uno psicologico che affonda prima nella depressione di lei, incontrollata e indecifrabile, poi c’è un livello giudiziario fatto di aule di tribunale e atti legali, ma anche qui il tutto si ferma, poi sopraggiunge quello dell’azione, Marco dovrebbe organizzare il rapimento del figlio e anche questo viene lasciato in sospeso. Pur trattando con delicatezza il rapporto padre- figlio, legame che supera qualsiasi ostacolo, il film lascia nello spettatore un senso di incompiutezza. Nota appropriata è l’aver descritto con precisione il personaggio di Martina, la madre-sequestratrice: egoista, sprezzante, ingrata, anaffettiva, bugiarda e vendicativa. Esattamente come sono le mamme straniere che compiono questo ignobile atto. E non ne farei una questione sudamericana, come ben sanno i papà rimasti senza i propri figli sparsi equamente in tutto il mondo. Consiglio agli uomini: se state per sposare una donna straniera andate a vedere il film. Tanto per avere anche un’altra versione dell’idillio amoroso che vi ottenebra cuore e ragione.

DATA USCITA:  24 settembre

DISTRIBUZIONE: BIM

GENERE: Drammatico

ANNO: 2015

REGIA: Vincenzo Marra

SCENEGGIATURA: Angelo Carbone e Vincenzo Marra

ATTORI: Riccardo Scamarcio, Daniela Ramirez, Gianni Pezzolla, Luis Gnecco, AlejandroGoic, Paulina Urrutia, Maria Eugenia Barrenechea

FOTOGRAFIA: Maura Morales Bergmann (A.I.C.)

MONTAGGIO: Vincenzo Marra e Sara Pretracca 

MUSICHE: Camila Moreno

PRODUZIONE: Paco Cinematografica

La prima luce – Trailer

Sam Stoner

Scrittore

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

L’Arte può salvare una vita? L’attivismo animalista nella pratica di Tiziana Per…

Abbiamo incontrato Tiziana Pers in occasione della mostra Caput Capitis II a cura di Pietro Gaglianò presso la aA29 Project Room a Caserta.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Sport

Serie A: il punto della situazione sul campionato 2018-2019

Facciamo una piccola considerazione sul campionato di serie A 2018-2019. All’inizio della stagione le famose griglie di partenza avevano molto fatto discutere, specialmente per via del fatto che il Napoli...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]