Venerdì, 01 Aprile 2016 19:51

Giorgio Calabrese: domani si vedrà Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Domani si vedrà, caro Giorgio: cosa accadrà domani? Come sarà il nostro futuro, adesso che la musica leggera ha perso un altro dei suoi punti di riferimento, figlio di quella magnifica scuola genovese cui dobbiamo alcuni dei più grandi artisti della nostra storia? 

Mina, Aznavour, Ornella Vanoni: nessuno di loro avrebbe avuto tanta fama e tanti riconoscimenti se non avesse avuto la fortuna di incontrare questo poeta ligure, emblema di sobrietà e mitezza ma anche volto solare e geniale di una musica che, pur non essendo "impegnata", secondo la definizione canonica, induce comunque a riflettere.

A Calabrese dobbiamo capolavori come "Arrivederci", "Domani è un altro giorno", "Il nostro concerto" ed "E se domani": canzoni in cui il testo e la musica formano un connubio esemplare, una perfezione stilistica che equivale a quei matrimoni destinati a durare in eterno, oltre la morte, persino oltre i ricordi, a diventare il simbolo di un'epoca, di una stagione, di un mondo ma anche un messaggio per le nuove generazioni, un invito a non accantonare mai la bellezza, a non lasciarsi mai sfuggire la meraviglia, a non lasciar cadere nel vuoto quei sentimenti autentici che arrivano dritti al cuore e, nella loro semplicità, finiscono con l'essere assai più veri di mille riflessioni artefatte.

Calabrese: paroliere e autore televisivo, capace di risultare serissimo senza prendersi mai sul serio, di essere un grande senza sentirsi nessuno, di regalare l'immortalità a chi ha avuto l'onore di fare la sua conoscenza e di intrecciare con lui il proprio cammino artistico e, al tempo stesso, di vivere sempre lontano dalle luci della ribalta, con il distacco tipico dei giganti che non è mai indifferenza ma soltanto sguardo critico sulla società e sulla vita.

Il suo era un incanto disincantato, uno stupore che si scontrava con le rughe del tempo e diveniva via via più maturo, senza per questo annacquarsi o, peggio ancora, svanire, una gioia interiore che amava condividere con gli altri, senza mai ergersi a giudice, senza mai mettersi in mostra, senza mai porsi su alcun piedistallo, umile fino alla fine come tutti coloro che hanno davvero cambiato, nel loro piccolo, il corso della storia.

Perché questo è stato Giorgio Calabrese: un intellettuale straordinario, un autore televisivo di buon gusto, un rivoluzionario della parola, un cantore della nostalgia con lo sguardo costantemente rivolto al futuro, una compiuta miscela di passione civile, spensieratezza e sapida ironia, scanzonata come il suo modo di intendere i rapporti umani e di condurre i suoi giorni, in armonia con se stesso e con il prossimo.

Un allegro gentiluomo: questa è la definizione che mi viene in mente parlando di Calabrese e della sua poetica.

E mi vengono in mente i suoi versi, di una forza e di un'intensità senza pari: "È uno di quei giorni che / tu non hai conosciuto mai, / beato te, sì, beato te! / Io di tutta un'esistenza / senza dare, dare, dare / non ho salvato niente, / neanche te! / Ma nonostante tutto io, / non rinuncio a credere / che tu potresti ritornare qui! / Ma come tanto tempo fa / io ricordo chi lo sa / domani è un altro giorno, / si vedrà!".

Non so quale musica ascolteranno gli uomini fra trecento anni, ma questa canzone credo che arriverà anche a loro perché, al pari di certi capolavori della letteratura, è candidata all'eternità, assumendo significati diversi a seconda delle generazioni ma senza mai perdere la sua freschezza, il suo garbo e la sua capacità di prenderci per mano e di trasportarci, per qualche istante, nel regno dello splendore senza fine.

Last modified on Domenica, 03 Aprile 2016 08:32

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Il passato è nei sogni

Il passato non passa ci si inciampa sempre.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

La cultura dentro e fuori l’Accademia. Intervista a Julia Draganović

Abbiamo incontrato la neodirettrice di Villa Massimo, Accademia tedesca a Roma. Con lei abbiamo parlato di promozione culturale, del senso della Istituzione che guida e di come la cultura sia...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]