Giovedì, 01 Settembre 2016 14:56

Venezia classici 73. Break Up - L’uomo dei cinque palloni

Scritto da

Break Up - L’uomo dei cinque palloni  (1965) . Sala Giardino venerdì 2 settembre ore 15,00

LIDO DI VENEZIA - Nessun film italiano (con la sola eccezione di Nuovo Cinema Paradiso di Tornatore) ha subìto tante traversie per mano del produttore come questo di Marco Ferreri, regista sulfureo  che non si fatica a credere quanto ne diffidasse appunto  Carlo Ponti, uomo d’affari più interessato ai soldi che all’arte. Se nel film di Tornatore il produttore  Goffredo Lombardo si “limitò” a tagliare una mezz’ora, qui il futuro “Signor Loren” cambiò tutto, a cominciare dal titolo. 

Marco Ferreri (quello de La donna scimmia del 1963, Marcia nuziale del ’66, Dillinger è morto del ’69, La grande abbuffata del ‘73) nel 1965  aveva diretto L’uomo dei cinque palloni, una storia surreale tipica del suo stile narrativo.  Così  sintetizzò efficacemente Morando Morandini, uno dei nostri migliori critici cinematografici: ”Alla vigilia delle nozze un industriale del cioccolato è ossessionato fino a morirne  dall’esigenza di verificare  scientificamente quale sia il punto di rottura dei palloncini pubblicitari. Sarcastico apologo  sulla solitudine e l’alienazione  nella società moderna”. Che a Ponti non piacque affatto.Cambiato il titolo in Break-up, il produttore ridusse il lavoro di Ferreri ad un episodio di mezz’ora  del film Oggi, domani e dopodomani, messo insieme conaltri due mediocri episodi, uno tratto da un atto unico di Eduardo De Filippo l’altro da un soggetto di Goffredo Parise. Il film uscì solo in Francia quattro anni dopo: ”Un’indecente operazione mercantile di Carlo Ponti - scrisse Morandini -  che giudicava il film di  Ferreri invendibile”.  Solo più tardi  al regista  milanese fu consentito di riprendere in mano il suo Uomo dei cinque palloni: girò tre nuove sequenze, una delle quali  a colori, lo rimontò,   lo fece ridoppiare. Con il titolo definitivo di Break-Up, il film fu presentato alle  Giornate del Cinema (democratico) italiano che nel 1973 a Venezia presero il posto della Mostra travolta dalla contestazione.

A  differenza di quanto toccò  a Nuovo Cinema Paradiso, che dopo la ghigliottina di Lombardo vinse l’Oscar nel 1989 per il film straniero,  dal massacro di Ponti lo sfortunato  film di Ferreri non si è più ripreso:  sugli schermi italiani è uscito sporadicamente solo nel 1979. Eppure ha validi interpreti: Marcello Mastroianni, Catherine Spaak e Ugo Tognazzi nei ruoli principali. Meritevole dunque la presentazione ai giovani di oggi che ne fa Venezia classici, a ricordo di un autore (morto a Parigi nel 1997) in forte credito con il cinema non solo italiano.

L'uomo dei cinque palloni, Marcello Mastroianni - Clip

 

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

Ragazza di vita

Bellissima...  abitava nel suo corpo puro ma in egual tempo ingombrante nella sua sensuale pienezza. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

Romanzi e racconti

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Gioconda guarda il mare. Dietro di sé la porta verde di casa, a sinistra il sentiero che porta al faro e agli orti, a destra la via che va al...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 77. Tutti premi della Cinéfondation

Cannes 77. Tutti premi della Cinéfondation

La giuria dei cortometraggi e della Cinéfondation composta da Damien Bonnard, Rachid Bouchareb, Claire Burger, Charles Gillibert, Dea Kulumbegashvili et Céline Sallette,  ha assegnato sulla scena del Grand Théâtre Lumière...

Redazione - avatar Redazione

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Rapporto Human Rights Watch sul Covid-19: “Chiunque trovi il vaccino deve con…

Rapporto Human Rights Watch sul Covid-19:  “Chiunque trovi il vaccino deve condividerlo"

Trasparenza, cooperazione globale e responsabilità per una cura alla portata di tutti. I governi dovrebbero massimizzare l'accesso al vaccino Covid-19 e garantirlo economicamente alle persone in tutto il mondo, ma altresì...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Lo schermo dell’arte. “Spit earth: who is Jordan Wolfson?”, documentario s…

Lo schermo dell’arte. “Spit earth: who is Jordan Wolfson?”, documentario su uno scultore dalla personalità complessa

Suo grande cruccio è non essere (ancora?) stato inserito alla Biennale di Venezia, ma Jordan Wolfson, è oggi uno degli artisti più controversi e famosi a causa di opere, inquietanti...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Sport

Roma, Lazio e Napoli: il centro-sud alla conquista della Serie A

Roma, Lazio e Napoli: il centro-sud alla conquista della Serie A

Dopo anni di dominio del Nord, quest’anno in Serie A la musica sembra essere cambiata.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]