Sabato, 03 Settembre 2016 08:38

Venezia Classici 73. La mostra omaggia Dino Risi

Scritto da

Sabato 3 settembre giornata  Dino Risi con un suo sensazionale e raro cortometraggio e il celebre Profumo di donna

LIDO DI VENEZIA - Non passa settimana che un film di Dino Risi non venga messo in onda sul piccolo schermo da televisioni  pubbliche o private, grandi o piccole. Pochi giorni fa è stato il turno de I mostri, per dirne uno. Per il pubblico adulto sono ghiotte occasioni per rivedere piccoli capolavori di arguzia, di satira di costume, di grande intelligenza. Per i più giovani può essere la scoperta di un autore fra i più vivi del nostro cinema. Non sembri un paradosso: Dino Risi è morto  nel 2008 alla bella età di 92 anni. Gli ultimi li ha passati da solitario in un residence romano con le finestre che si affacciano sullo zoo. Il richiamo dell’aquila, il rauco abbaiare della foca, il ruggito del leone o della tigre e tutte le voci dei  dirimpettai animali, sono state per anni i soli interlocutori di Risi che in quel residence aveva deciso di fuggire dal mondo degli umani. Lui che, bellissimo,  aveva esordito nel cinema come attore, poi era diventato regista di tanti film di  successo, dalla vita ha avuto tutto: fama, ricchezza, belle donne. Eppure un giorno  ha preferito la voce delle foche. Non perché vittima della depressione che spesso colpisce proprio le persone di successo  avviate sul viale del tramonto (come è accaduto al suo carissimo amico Vittorio Gassman) ma per puro, semplice, sano amore della solitudine. 

Alla mostra di Venezia Dino Risi è stato di casa come pochi altri registi italiani. Oggi viene presentato  il suo primo film, 1848,  un documentario di soli 11 minuti, in bianco e nero, che nel 1949 (Risi aveva 33 anni) gli fu commissionato  dal Comitato milanese per le celebrazioni del centenario delle Cinque Giornate di Milano, la storica rivolta popolare  che fra il 18 e il 22 marzo 1848 portò alla liberazione del Lombardo Veneto  dalla dominazione austriaca. Nel film c’è una debuttante che nel cinema avrebbe fatto fortuna, Lucia Bosè appena diciottenne.

Il cortometraggio di Risi presentato a Venezia è stato restaurato dal Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nazionale che ha lavorato sui materiali filmici ritrovati nell’archivio storico della Veneranda Fabbrica del Duomo, dove erano stati religiosamente conservati: quasi un omaggio della città ad un milanese illustre come Risi  che un buffo caso del destino fece debuttare nel cinema in chiave risorgimentale, lui che in seguito sarebbe rifuggito con i suoi film da ogni forma di retorica celebrazione. E che un giorno avrebbe girato I mostri, appunto.

  

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

Ragazza di vita

Bellissima...  abitava nel suo corpo puro ma in egual tempo ingombrante nella sua sensuale pienezza. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

Romanzi e racconti

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Gioconda guarda il mare. Dietro di sé la porta verde di casa, a sinistra il sentiero che porta al faro e agli orti, a destra la via che va al...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 77. Tutti premi della Cinéfondation

Cannes 77. Tutti premi della Cinéfondation

La giuria dei cortometraggi e della Cinéfondation composta da Damien Bonnard, Rachid Bouchareb, Claire Burger, Charles Gillibert, Dea Kulumbegashvili et Céline Sallette,  ha assegnato sulla scena del Grand Théâtre Lumière...

Redazione - avatar Redazione

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Rapporto Human Rights Watch sul Covid-19: “Chiunque trovi il vaccino deve con…

Rapporto Human Rights Watch sul Covid-19:  “Chiunque trovi il vaccino deve condividerlo"

Trasparenza, cooperazione globale e responsabilità per una cura alla portata di tutti. I governi dovrebbero massimizzare l'accesso al vaccino Covid-19 e garantirlo economicamente alle persone in tutto il mondo, ma altresì...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Lo schermo dell’arte. “Spit earth: who is Jordan Wolfson?”, documentario s…

Lo schermo dell’arte. “Spit earth: who is Jordan Wolfson?”, documentario su uno scultore dalla personalità complessa

Suo grande cruccio è non essere (ancora?) stato inserito alla Biennale di Venezia, ma Jordan Wolfson, è oggi uno degli artisti più controversi e famosi a causa di opere, inquietanti...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Sport

Roma, Lazio e Napoli: il centro-sud alla conquista della Serie A

Roma, Lazio e Napoli: il centro-sud alla conquista della Serie A

Dopo anni di dominio del Nord, quest’anno in Serie A la musica sembra essere cambiata.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]