Domenica, 04 Settembre 2016 08:52

Venezia classici 73. “La battaglia di Algeri” di Gillo Pontecorvo

Scritto da

La battaglia di Algeri (1966) non ha perso nulla del fascino che il regista seppe dargli esattamente mezzo secolo fa. Sala Giardino domenica 4 settembre ore 15,00

LIDO DI VENEZIA - Gillo Pontecorvo torna idealmente al Lido dove  si può dire che  è stato sempre di casa. Pisano, fratello del celebre scienziato, è morto esattamente dieci anni fa, all’età di 86 anni.  Pochi film ma tanti documentari portano la sua firma: cominciò giovanissimo acquistando una cinepresa a 16 millimetri per girare un cortometraggio sui minatori marchigiani. I temi sociali sono sempre stati la sua cifra. Dal primo, Giovanna,  episodio del film La rosa dei venti sull’occupazione delle fabbriche tessili di Prato a La grande strada azzurra su un pescatore di frodo che pesca con le bombe, da Kapò ambientato in un campo di sterminio nazista, a  Queimada, storia in costume sull’opposizione al dominio portoghese, fino  all’ultimo  Ogro, sul terrorismo basco. 

In mezzo,  del 1966, c’è La battaglia d’Algeri, per molti anni proibito in Francia per la crudezza con la quale descrive la guerra di indipendenza dell’Algeria. Un film forte, premiato in tutto il mondo, candidato all’Oscar come miglior film straniero. A Venezia ebbe il Leone d’oro, che lo additò ai mercati. In proposito. c‘è un buffo episodio  riferito su Repubblica dall’inviato al Lido  Orazio Gavioli. Nel 1992  Pontecorvo era direttore della Mostra  e in tale veste doveva consegnare il Leone d’oro alla carriera a Steven Spielberg, che quell’anno usciva sugli schermi con Jurassic Park. Nel ricevere la statuetta dalle mani di Pontecorvo il regista americano  se ne uscì dicendo: ”Questo Leone è tuo. Riprenditelo”, e spiegò che si trattava del Leone d’oro che Pontecorvo aveva ricevuto ventisei anni prima  proprio per La battaglia di Algeri e che in seguito aveva messo all’asta per contribuire  all’iniziativa di Spielberg di restaurare i grandi film del passato. Concluse il regista americano “Tu non lo hai mai saputo, ma sono stato io a comprare a quell’asta questo Leone, e ora te lo restituisco”. Questo accadeva nel settembre del 1992 sul palco della Sala Grande che al Lido ospita le serate di gala.

Gillo  Pontecorvo è stato un direttore della Mostra che credeva nel proprio ruolo. A tutte le ore del giorno e fino a notte fonda lo incontravi davanti al Palazzo del Cinema a seguire  di persona l’andamento delle file che si snodavano all’ora delle proiezioni, e si  indignava quando vedeva respingere soprattutto i giovani perché i posti in sala erano finiti. Talvolta, d’autorità, forzava la mano agli inflessibili controllori e rendeva felice chi sarebbe rimasto fuori. A Venezia Pontecorvo è tornato nel 97 per presentare il suo ultimo lavoro, il cortometraggio Nostalgia di protezione, parte del film a episodi I corti italiani. 

E oggi, nella sezione “Venezia classici”, torna al Lido la sua vittoriosa “Battaglia” che non ha perso nulla del fascino che il regista seppe dargli esattamente mezzo secolo fa.

La battaglia di Algeri – di Gillo Pontecorvo - Clip 

 

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

Ragazza di vita

Bellissima...  abitava nel suo corpo puro ma in egual tempo ingombrante nella sua sensuale pienezza. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

Romanzi e racconti

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Gioconda guarda il mare. Dietro di sé la porta verde di casa, a sinistra il sentiero che porta al faro e agli orti, a destra la via che va al...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 77. Tutti premi della Cinéfondation

Cannes 77. Tutti premi della Cinéfondation

La giuria dei cortometraggi e della Cinéfondation composta da Damien Bonnard, Rachid Bouchareb, Claire Burger, Charles Gillibert, Dea Kulumbegashvili et Céline Sallette,  ha assegnato sulla scena del Grand Théâtre Lumière...

Redazione - avatar Redazione

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Rapporto Human Rights Watch sul Covid-19: “Chiunque trovi il vaccino deve con…

Rapporto Human Rights Watch sul Covid-19:  “Chiunque trovi il vaccino deve condividerlo"

Trasparenza, cooperazione globale e responsabilità per una cura alla portata di tutti. I governi dovrebbero massimizzare l'accesso al vaccino Covid-19 e garantirlo economicamente alle persone in tutto il mondo, ma altresì...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Lo schermo dell’arte. “Spit earth: who is Jordan Wolfson?”, documentario s…

Lo schermo dell’arte. “Spit earth: who is Jordan Wolfson?”, documentario su uno scultore dalla personalità complessa

Suo grande cruccio è non essere (ancora?) stato inserito alla Biennale di Venezia, ma Jordan Wolfson, è oggi uno degli artisti più controversi e famosi a causa di opere, inquietanti...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Sport

Roma, Lazio e Napoli: il centro-sud alla conquista della Serie A

Roma, Lazio e Napoli: il centro-sud alla conquista della Serie A

Dopo anni di dominio del Nord, quest’anno in Serie A la musica sembra essere cambiata.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]