Mercoledì, 16 Novembre 2016 15:50

Milano, Bookcity: la poesia ci fa volare su una Milano accogliente e multietnica

Scritto da

La letteratura e più in generale la cultura possono dare un contributo efficace all’integrazione?

Molte, fra cui numerosi politici, pensano di no e si affannano a diffondere disinformazione e calunnie per ottenere consensi, consapevoli che la paura è un sentimento irrazionale che spinge le persone meno avvedute verso modelli di “forza”, convinte di ottenere così protezione e sicurezza. Secondo questa formula, che promuove odio e intolleranza, il migrante, il profugo, il diverso sono spauracchi che attentano alla felicità della “brava gente”, con le loro singolari tradizioni e abitudini. Chi è povero, poi, e magari senzatetto, è trasformato nel baubau delle favole, “uomo nero” che si cela nell’ombra, in perenne agguato, in attesa di colpire. 

Sabato 19 novembre dalle 11 presso il Museo delle Culture (MUDEC) di Milano (MM Porta Genova) si terrà un evento che esprime la verità su questo delicato argomento: una città multietnica non è una città detinata al caos, ma è invece un luogo pieno di fermenti culturali e sociali, un punto di incontro e sinergia fra culture diverse, che possono arricchirsi l’una con l’altra. L’incontro, che fa parte dell’iniziativa Bookcity 2016, ha un tema accattivante e interessante: “Storia e storie di Milano, città multietnica”. E’ promosso e patrocinato dal Comune di Milano e dalle Fondazioni Corriere della Sera, Giangiacomo Feltrinelli, Umberto ed Elisabella Mauri, Arnoldo e Umberto Mondadori. Gli autori Donatella Ferrario e Fabrizio Pesoli presenteranno il loro recente libro “Milano multietnica” (Meravigli Edizioni), mentre interverranno, con loro, María Gabriela Vera Basurto, Paolo Branca, Alessandro Cheung, Diana De Marchi, Davide Demichelis, Steed Gamero, Elienor Llanes Castillo, Violeta Popescu, il Coro Multietnico Mediolanum diretto da Carlos Verduga Rivera e Anna Scavuzzo. 

Durante la mattinata il giovane poeta e difensore dei dritti umani italoperuviano Steed Gamero leggerà, accompagnato dal violino del maestro Giampaolo Verga, alcune poesie dal suo libro “I ragazzi della Casa del Sole”, un’opera in italiano e spagnolo che ha ricevuto oltre dieci premi letterari nazionali e internazionali. Il poeta rappresenta perfettamente i valori e i caratteri della nuova cultura multietnica: alla sua vicenda è dedicato un capitolo del libro di Donatella Ferrario e Fabrizio Pesoli, un’opera che parla di Milano e delle culture che interagiscono nel capoluogo lombardo, consentendo al lettore di incontare e conoscere i nuovi milanesi: gli immigrati che, ormai da diverse generazioni, hanno intrecciato la loro cultura di origine con quella della società che li ha accolti. 

“Sono partito da Lima verso Milano all’età di undici anni, nel mese di maggio del 1999,” ricorda Steed Gamero. “ alendo sulla scala dell’aereo sentivo il magone: mi rendevo conto che l’infanzia in Perù, nella grande casa dei nonni, terminava. Andavo a raggiungere i miei genitori, che si erano trasferiti in Italia nel 1994. Papà e mamma, che in cinque anni erano potuti venire a trovarmi in Perù in una sola occasione, per un breve periodo, ma che sentivo spesso al telefono, mi avevano parlato tanto di Milano, la città del Duomo, la grande chiesa dalle cento e più guglie. Desideravo riabbracciarli e vedere la mia famiglia ancora unita, ma a bordo del grande jet avevo gli occhi pieni di lacrime, perché abbandonavo il nido in cui ero cresciuto e il mio primo volo mi conduceva verso l'ignoto. Ero partito in una giornata nuvolosa e atterravo sotto un cielo di un azzurro così intenso che non avevo mai visto. Quando ho iniziato a frequentare le medie, ho notato sùbito una differenza rispetto alla scuola peruviana. A Lima gli studenti indossano divise che li rendono simili uno all'altro, mentre in Italia i ragazzi vestono secondo le loro possibilità e il loro gusto. Nei primi anni ho fatto amicizia con coetanei di diverse nazionalità. Ho amato fin dai primi giorni a Milano la lingua italiana, che ha un bel ritmo, una musicalità armoniosa”. 

Successivamente il ragazzo è cresciuto e ha fatto proprio il ritmo della lingua italiana, con cui ha scritto le poesie che ottengono tanti riconoscimenti e risuonano nei consolati e nel corso dei numerosi festival internazionali cui l’autore è invitato. Sono poesie che raccontano le difficoltà di tanti giovani attraverso le vicende di un gruppo di adolescenti che non si arrendono mai e di fronte alla durezza della vita sognano di avere quei “superpoteri” che possano consentire loro di assorbire senza danni gli effetti dell’emarginazione e di volare sempre più i alto, verso un cielo che si chiama speranza.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]