Venerdì, 15 Luglio 2011 15:41

Santa Cecilia. La JuniOrchestra suona Beethoven, Verdi, Schuman, gratuitamente

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

ROMA - Dopo il grande successo al Festival dei Due Mondi di Spoleto, con il concerto in omaggio al compositore Gian Carlo Menotti di fronte a 2500 spettatori in Piazza del Duomo, la JuniOrchestra Young , l’orchestra dei ragazzi dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, suonerà sabato 16 luglio alle ore 21,30 in Piazza della Pontificia Basilica della Santa Casa di Loreto.


120 giovani strumentisti dai 14 ai 18 anni offriranno al pubblico un’antologia di brani sinfonici sotto la direzione di Simone Genuini: l’Ouverture dell’Egmont e la V Sinfonia di Ludwig van Beethoven, l’Ouverture del Nabucco di Giuseppe Verdi, il primo tempo della Sinfonia n. 4 di Robert Schumann, il Kaiser Walzer di Johann Strauss jr, l’intermezzo della Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni, l’Adagio di Samuel Barber, l’Ouverture del Candide di Leonard Bernstein. L’ingresso al concerto è gratuito.

Il Concerto Sinfonico di gala è promosso dalla Delegazione Pontificia della Santa Casa di Loreto, dal Centro Studi Lauretani, dall’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e dalla Fondazione Pergolesi Spontini (che ne cura anche l’organizzazione), con il patrocinio della Regione Marche e la collaborazione dell’Assessorato alla cultura del Comune di Loreto che lo ha inserito nell’ambito dell’Estate Lauretana. Sostengono il concerto la Fondazione Carilo e le Opere Laiche Lauretane, gli sponsor ufficiali Euromet s.r.l. di Loreto e Claudio Cipolletti di Cipolletti Maria. Si ringrazia per il contributo la Tecno-casa Climatizzazioni di Loreto e la Cassa di Risparmio di Loreto.

L’appuntamento musicale, testimonianza dell’indissolubile rapporto tra musica e spiritualità, è affidato ai giovani talenti dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, una delle più antiche e prestigiose Istituzioni Musicali al mondo. Fondata ufficialmente nel 1585 dal Pontefice Sisto V (il papa marchigiano la cui magnifica statua campeggia sul Sagrato del Santuario della Santa Casa di Loreto), l’Accademia nacque sotto l’invocazione della Beata Vergine e dei due santi musicali per eccellenza, Gregorio e Cecilia. Il concerto si propone quale omaggio dell’Accademia di Santa Cecilia alla sua patrona, la Beata Vergine , nella città che custodisce uno dei più importanti e visitati santuari mariani del mondo cattolico.

“Considero la presenza a Loreto della JuniOrchestra - dichiara Bruno Cagli, Presidente-Sovrintendente di Santa Cecilia - uno degli impegni più importanti e prestigiosi non solo per la giovane compagine ceciliana, ma anche per l’Accademia stessa. Molteplici e altamente significative sono le valenze che caratterizzano il nostro concerto nella città marchigiana. Primo fra tutti il dato storico e culturale: fu proprio Sisto V con la sua bolla denominata Rationi congruit a sancire la nascita della Congregazione dei Musici divenuta successivamente Accademia di Santa Cecilia.
Di assoluto rilievo anche il significato umano che questo concerto ricopre. E’ altamente formativo per i nostri ragazzi prendere contatto con la dimensione spirituale di un luogo come il Santuario di Loreto tra i più importanti al mondo. E per questo ringrazio sentitamente l’Arcivescovo di Loreto, Mons. Giovanni Tonucci, la Fondazione Pergolesi e tutti quegli Enti che hanno reso possibile la realizzazione del concerto nell’augurio, che questo possa essere solo il primo passo verso sempre più importanti collaborazioni future”.

La JuniOrchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia è la prima orchestra di bambini e ragazzi creata nell’ambito delle fondazioni lirico-sinfoniche italiane. Nata nel 2006 per volontà di Bruno Cagli, è attualmente composta da circa 260 strumentisti, suddivisi in quattro gruppi a seconda della fascia d’età. I ragazzi vengono avvicinati al più grande repertorio sinfonico ed eseguono musiche che spaziano da Rossini, a Mozart, Vivaldi, C¡ajkovski, Bartók, Puccini, Beethoven e molti altri. Oltre a ciò i giovani musicisti si cimentano nel repertorio cameristico, seguiti da insegnanti di grande esperienza fra cui spiccano i professori dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. L’esperienza d’orchestra rappresenta una grande occasione per imparare a suonare con gli altri, ad ascoltare e ad ascoltarsi, condividendo il meraviglioso mondo della Musica.
Si è esibita, tra l’altro, al Ravello Festival, nella Stagione dell’Orchestra da Camera di Mantova, alla Filarmonica Romana, al Festival MondoMusica di Cremona, in concerto presso la Camera dei Deputati, nonché per la stagione dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia con solisti di fama internazionale.

Simone Genuini, nato a Roma nel 1972, ha conseguito i diplomi in Pianoforte, in Composizione, in Direzione d’orchestra, in Musica corale e Direzione di Coro, in Strumentazione per Banda. Ha studiato direzione d’Orchestra con i maestri Carlo Maria Giulini, Lu Jia, Marcello Bufalini, Daniele Gatti, Marco Zuccarini. È Direttore della JuniOrchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma.
Ha diretto, in qualità di direttore ospite, l’Orchestra Sinfonica Abruzzese, l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Bucarest, I Solisti Aquilani, l’Orchestra Papillon di Roma l’Orchestra di Stato della Città di Vidin, l’Orchestra Benedetto Marcello di Teramo, l’Orchestra da camera XXI secolo, la John Cabot University Chamber Orchestra, l’Orchestra Sinfonica Roma Sinfonietta, l’Orchestra del Conservatorio di Foggia. In veste di pianista si è esibito presso importanti enti musicali tra cui l’Associazione Filarmonica Umbra, per l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, l’Accademia di Danimarca e i Concerti presso l’Ambasciata d’Austria,; ha inoltre suonato per “Concerti del Quirinale” in diretta radiofonica RAI, per l’A.R.I., per la Rassegna “Città in musica” presso il Teatro delle Muse, per l’ Associazione Musica e Danza, il FIDIA, l’Auditorium del Massimo a Roma, il Centro Universitario Assunzione, e molte altre.
E’ docente di Esercitazioni Orchestrali presso il Conservatorio di Foggia

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Festival di Cannes

Cannes 71. La relatività dei premi

CANNES (nostro inviato) -  Il festival di Cannes è finito, le palme sono state assegnate. Gli autori che si affacciano alla ribalta identificati. Un festival è sempre un momento importante...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Cinema: “Interstellar”, l’amore oltre il tempo e lo spazio

Il film di Christopher Nolan è uno dei classici della fantascienza per l’accuratezza degli effetti speciali, la descrizione di tematiche complesse sui buchi neri e per l’aspetto emotivo della storia

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Opinioni

Un’ora d’aria, anzi di Musica. Il lavoro dei grandi compositori entra in carcere…

Il Coro Gesualdo a Rebibbia: “l’uomo non nasce “stonato” va semplicemente “ri-accordato”, affrancato e confortato” Sono le ore dieci e trenta di un venerdì qualsiasi e alla Casa di Reclusione di...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Speech Art

Quattro voci e una Biennale. Speciale Speech Art Venezia

Quasi alla fine dell’ultima edizione della Biennale di Venezia, raccogliamo le idee e tentiamo di rispondere a un quesito fondamentale che ci sale alla mente, proprio a partire dalle parole...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077