Giovedì, 07 Settembre 2017 12:13

Venezia 74. Mother! di Darren Aronofsky, il film che ha deluso

Scritto da

VENEZIA – Un autore di chiara fama e in crisi creativa va ad abitare con la moglie in una grande villa, in una zona deserta e circondata da un bosco, per ravvivare l’ispirazione. Inaspettatamente uno sconosciuto bussa alla porta e, benché la giovane signora ne sia infastidita, lo scrittore lo invita a casa loro.

L’ospite si porta dietro tutta la famiglia, che prende possesso degli spazi, mette a soqquadro le stanze, litiga senza ritegno e relega ai margini la moglie dell’artista che, inutilmente, lo supplica di mandare via gli estranei. Lo scrittore, invece, dimostra di non poter fare a meno della gente, anche perché molti sono suoi ammiratori e da loro trae linfa per proseguire il  lavoro. Quando la moglie dell’autore resta incinta, i fan che girano intorno all’uomo distruggono la privacy della coppia e diventano pericolosi per la donna e per il bambino …

Sono molte le interpretazioni attribuite a questo film, zeppo di simbolismi e di allegorie: tutte opinabili perché Darren Aronofsky ha costruito una storia ingarbugliata ed ermetica. Secondo me, balugina metaforicamente lo sforzo della creazione che, a volte, richiede la distruzione di cose fondamentali, dalle cui ceneri l’ispirazione risorge con la purezza del diamante. Mother! non è film dell’orrore perché privo di suspense, non è rivelatore dell’inconscio perché le immagini fanno pensare a un groviglio torbido, non è storia in cui identificarsi in quanto i personaggi sono letterari. Chi ha visto “Il cigno nero”rimarrà molto deluso. Ma, come il regista stesso racconta, ci sono momenti in cui la vena creativa si inaridisce, anche nei grandi.

  • DATA USCITA: 28 settembre 2017
  • GENERE: Thriller
  • ANNO: 2017
  • REGIA: Darren Aronofsky
  • ATTORI: Jennifer Lawrence, Javier Bardem, Domhnall Gleeson, Ed Harris, Michelle Pfeiffer, Brian Gleeson
  • PAESE: USA
  • DISTRIBUZIONE: 20th Century Fox
Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Festival di Cannes

Cannes 71. La relatività dei premi

CANNES (nostro inviato) -  Il festival di Cannes è finito, le palme sono state assegnate. Gli autori che si affacciano alla ribalta identificati. Un festival è sempre un momento importante...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Non solo coaching: Quando guardi ad una situazione a cosa osservi?

Tutti ci siamo trovati in una situazione in cui tutto sembra prendere una direzione chiara a noi stessi, o ad avere una spiegazione per noi logica e ben delineata. In...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Cinema: “Interstellar”, l’amore oltre il tempo e lo spazio

Il film di Christopher Nolan è uno dei classici della fantascienza per l’accuratezza degli effetti speciali, la descrizione di tematiche complesse sui buchi neri e per l’aspetto emotivo della storia

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Opinioni

La Grecia e la sua ammissione tardiva al QE. Due soluzioni possibili

Cominciamo con una precisazione estremamente importante. Il recente annuncio di Mario Draghi riguarda la fine del Quantitative easing da parte della BCE entro la fine di quest’anno. La BCE quindi...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Non solo coaching: Quando guardi ad una situazione a cosa osservi?

Tutti ci siamo trovati in una situazione in cui tutto sembra prendere una direzione chiara a noi stessi, o ad avere una spiegazione per noi logica e ben delineata. In...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Speech Art

Quattro voci e una Biennale. Speciale Speech Art Venezia

Quasi alla fine dell’ultima edizione della Biennale di Venezia, raccogliamo le idee e tentiamo di rispondere a un quesito fondamentale che ci sale alla mente, proprio a partire dalle parole...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077