Sabato, 23 Dicembre 2017 13:08

Elisa, Gigliola Cinquetti e Mia Martini: quando la musica è davvero arte

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

Quanta magia, quanta meraviglia, quanta gioia e quanti sorrisi nell'arte di Elisa e di Gigliola Cinquetti, rispettivamente giunte al traguardo dei quaranta e dei settant'anni e più che mai desiderose di continuare a conoscere e scoprire il mondo! 

Una musica, la loro, intensa, potente, colta e popolare; un leggero accompagnare le diverse generazioni, prendendo per mano padri e figli, speranze ed emozioni, sogni e aspettative, nostalgie e sguardi al futuro, senza mai scadere nei toni urlati e nello squallore che caratterizza i tempi moderni. 

Elisa e la sua voce penetrante, Gigliola ed i suoi messaggi pacati e dolcissimi, entrambe vincitrici di Sanremo ed entrambe in grado di restare protagoniste e di confermarsi nel corso dei decenni, grazie alla spontaneità, alla gentilezza e alla gioia di vivere che emana dalle loro canzoni. 

La musica come felicità, come riflessione, come passione, come amore per il prossimo e come splendore dell'anima che si riversa sugli altri e compone un quadro di bellezza e di crescita collettiva. La musica come obiettivo, come orizzonte, come destino. La musica ma non solo, almeno nel caso della Cinquetti, a dimostrazione di una personalità poliedrica e sempre pronta ad esplorare nuovi universi, rendendo l'artista veneta una delle personalità più gradevoli da ascoltare in un panorama nazionale oggettivamente avaro di talenti e drammaticamente invaso da stucchevoli primedonne di entrambi i sessi. 

Il caso di Mia Martini, morta ventidue anni fa a causa di un fibroma all'utero non operato per la paura che attanagliava l'artista calabrese di veder mutare il proprio timbro di voce e che quest'anno avrebbe compiuto, a sua volta, settant'anni, è diverso ma non meno degno di attenzione rispetto ai precedenti. 

Tre storie di donne, dunque, di cantanti, di pittrice dell'anima e di sognatrici indomite. Tre storie che è bello raccontare sotto Natale per sentirsi, se non più buoni, quanto meno più sensibili e aperti nei confronti del prossimo. Di questi tempi, non è poco. 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

Festival di Cannes

Cannes 71. Il cinema italiano a Cannes

CANNES - Cinque lungometraggi, due corti e diverse coproduzioni rappresenteranno quest’anno l’Italia sulla Croisette. In squadra due registe, Alice Rorhwacher in Concorso con Lazzaro Felice e Valeria Golino in Un Certain Regard con Euforia, a testimoniare che il...

Redazione - avatar Redazione

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Speech Art

Quattro voci e una Biennale. Speciale Speech Art Venezia

Quasi alla fine dell’ultima edizione della Biennale di Venezia, raccogliamo le idee e tentiamo di rispondere a un quesito fondamentale che ci sale alla mente, proprio a partire dalle parole...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077