Martedì, 04 Settembre 2018 10:14

Venezia Classici 75 . “A qualcuno piace caldo” di William Wyler con Marilyn Monroe

Scritto da

“A qualcuno piace caldo” fa parte della rassegna dei migliori restauri cinematografici che la Mostra di Venezia 75 presenta sotto la sigla “Venezia Classici”.

Un’iniziativa che la rassegna al Lido porta avanti con successo da alcuni anni, pescando fra i film restaurati negli ultimi dodici mesi per rendere omaggio ad  un’impresa benemerita e raffinata: il restauro delle pellicole altrimenti destinate a scomparire sotto l’incalzare del tempo. In questo settore l’Italia vanta una specializzazione invidiabile. La sola Cineteca di Bologna sforna di continuo, con la collaborazione del Centro Sperimentale di cinematografia, della Cineteca Nazionale e di Cinecittà, restauri che riportano al primitivo splendore (come in genere si dice di opere d’arte danneggiate) film che possono tornare in proiezione a beneficio dei cinefili più esigenti. 

  A qualcuno piace caldo, protagonisti Marilyn Monroe, Jack Lemmon e Tony Curtis, è stato girato in bianco e nero. In proposito le opinioni divergono:  Wyler  ha rinunciato al colore per contenere la spesa della pellicola? O non era sicuro del risultato, sui colori, del pesante trucco al quale dovettero sottoporsi  Lemmon e  Curtis vestiti da donna? Una cosa è certa: a dolersi  della scelta del bianco e nero fu soprattutto Marylin che temeva si appannasse  il suo fascino. Ma il film fu un successo strepitoso  che travalica i decenni: un esempio di sophisticated comedy hollywoodiana come ce ne sono pochi e giustamente fa parte dell’elenco dei cento film da salvare che la Library del  Congresso americano ha stilato con rigore.

“Nessuno è perfetto”  si sente rispondere un  Jack Lemmon assurdamente vestito da donna dall’anziano miliardario che lo vuole sposare ad ogni costo. E’ una delle frasi celebri del cinema americano di A qualcuno piace caldo, che William Wyler diresse nel 1959. Al Lido, il pubblico per Monroe-Lemmon-Curtis  non mancherà di certo: per i giovani il film di Wyler sarà una scoperta eccezionale, per i meno giovani un’occasione per un ritorno nostalgico al cinema degli anni d’oro, quando i film riempivano le sale e le sale riempivano le città ( e Netflix non era stato ancora inventato). Il  destino del film è dunque il supporto elettronico? Ormai pare certo: del resto, “nessuno è perfetto”. 

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]