Giovedì, 06 Settembre 2018 10:44

Venezia 75. “22 July”, il razzismo dinamite in una mente malata. Recensione

Scritto da

VENEZIA(nostro inviato) Anders Breivik  è nato a Oslo nel 1979, aveva 32 anni quando compì gli attentati di Oslo e Utoya nei quali morirono 77 persone e 200 restarono gravemente ferite. Breivik si sentiva un crociato lanciato contro la multiculturalità, contro l’Islam e contro il marxismo.

Aveva scritto un memoriale di 1518 pagine “2083 – Una dichiarazione europea d’indipendenza” nel quale si era definito “salvatore del cristanesimo” e “il più grande difensore della cultura europea in Europa dal 1950”. In seguito, durante la detenzione, si è identificato come fascista e nazionalsocialista. Inizialmente ritenuto affetto da schizofrenia paranoide, per sua stessa volontà, durante il processo volle essere riconosciuto sano di mente e dunque penalmente responsabile. Ora vive in isolamento. Individuo di pietra, al pari di molti criminali nazisti, Breiviknon ha mai mostrato un solo attimo di pentimento

 Nel concorso ufficiale della mostra di Venezia “22 luglio (22 July)” è un film del 2018 scritto e diretto da Paul Greengrass. Tratto dal libro Uno di noi - La storia di Anders Breivik (One of Us) di  Asne Seierstad. Il film racconta i fatti realmente accaduti negli attacchi terroristici del 22 luglio 2011 . Il film di Greengrass, tecnicamente fatto benissimo, documenta con rigore lo svolgersi delle azioni criminali, la cattura dell’attentatore, il processo, i risvolti di vita di alcuni superstiti, il rapporto tra imputato e avvocato difensore, il legame tra l’assassino e la sua famiglia, il rapporto con la madre che non volle testimoniare  ma in privato chiese all’avvocato difensore se suo figlio non avesse ragione. Indaga le conseguenze politiche, fino ad allargare  il discorso al seme dell’odio dal quale germoglia l’atteggiamento razzista. Se ne deduce vedendo il film sia un veleno che rischia di diventare pericoloso a livello globale se non ne prendiamo coscienza. Sottende la domanda del come arginare il virus distruttivo del razzismo perché, se episodi simili sono e restano casi limiti, è pur vero che è la goccia a far traboccare il vaso. 

Interpretato benissimo, coordinato da un regista rigoroso, reso altamente drammatico negli spazi in assenza di musica, unisce all’indagine psicologica e sociologica la capacità narrativa di farsi seguire. L’opera sarà distribuita via internet da Netflix, canale che sempre più si sta rivelando capace di offrire pellicole di altissima qualità.

22 Luglio è un film di genere drammatico, thriller del 2018, diretto da Paul Greengrass, con Anders Danielsen Lie e Jonas Strand Gravli. Durata 133 minuti. Distribuito da Netflix.

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La riscossa dell'avvenire

Alle donne Che sono le fondamenta della società

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Rosa del deserto

Il muezzin cantilenando va le sue preghiere.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quando l’intimità si fa politica attraverso la pittura. Intervista a Romina Bass…

Parlare di donne e politica in tempi di ritorno femminista significa addentrarsi in un periglioso terreno, col rischio che tutto venga fagocitato da nuovi slogan e propaganda di movimento.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 72. Annunciati dalla Cinéfondation i premi ai corti

CANNES - La giuria dei cortometraggi e della Cinéfondation prresieduta da Claire Denis e composta da Stacy Martin, Eran Kolirin, Panos H. Koutras e Cătălin Mitulescu, ha assegnato i premi...

Redazione - avatar Redazione

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Greta Thunberg, non è impossibile coniugare economia ed ecologia

Greta Thunberg, qualità personali a parte, è l’esempio massimo della coscientizzazione che può sviluppare una buona istruzione, tale da renderla anche capace di comunicare un suo disagio che, non a...

Fabio Massimo Tombolini - avatar Fabio Massimo Tombolini

Sport

Serie A: il punto della situazione sul campionato 2018-2019

Facciamo una piccola considerazione sul campionato di serie A 2018-2019. All’inizio della stagione le famose griglie di partenza avevano molto fatto discutere, specialmente per via del fatto che il Napoli...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]