Martedì, 23 Novembre 2010 00:55

Gli ospiti inattesi di Nazim Hikmet

Scritto da

È in libreria l’ultima opera di Nazim Hikmet, il romanzo Gran bella cosa è vivere miei cari, mai pubblicato il Italia 

ROMA - “Ho degli ospiti: Anuška, Ahmet, Neriman, Marusa, Ziya, SI-YA-U. (…) I miei ospiti non sono invecchiati. Hanno la stessa età di quando li ho visti l’ultima volta. SI-YA-U è ancora innamorato di Anuška. Ahmet è ancora geloso di SI-YA-U”.


Sul finire della sua intensa vita Nazim Hikmet incontra, nella sua dimora poetica, ospiti inattesi. Non sono i “personaggi in cerca d’autore” di Pirandello, quei “fantasmi” cupi e tragici che la sua servetta “Fantasia” ha fatto accomodare nelle studio del poeta siciliano. Gli ospiti di Hikmet sono giovani e solari; sono come la sua memoria inconscia ha trasformato donne e uomini incontrati, forse, nella sua intensa vita. Gli ospiti di Hikmet non portano con sé il dramma  di un fato incontrovertibile: essi sono, le nostalgie delle separazioni, il ricordo di un mare limpido, il sapore di un cibo caldo, mangiato insieme.
Altri ospiti egli aveva incontrato nel ’46, nel carcere di Bursa, in Turchia, quando pensava che la morte potesse venirlo a ghermire, da un momento all’altro: “Entrate, amici miei, accomodatevi/siate i benvenuti/mi date molta gioia./Lo so, siete entrati per la finestra della mia cella/mentre dormivo./Non avete rovesciato la brocca/né la scatola rossa delle medicine./I visi nella luce delle stelle/state mano in mano al mio capezzale. // Com'è strano/vi credevo morti/e siccome non credo né in Dio né all'aldilà/mi rammaricavo di non aver potuto/offrirvi ancora un pizzico di tabacco.”


Gli ospiti di Hikmet si siedono ora di fronte al lettore di questa romanzo/autobiografia poetico dove, con la sapienza di un cesellatore di immagini, egli li evoca per noi, per raccontarci, non il vissuto, ma le sensazioni di quel vissuto, e di come ha attraversato le loro carni con il suo sangue pulsante di amore infinito. Negli occhi degli ospiti passa la vera storia, fatta in silenzio, da chi non è entrato mai nella storia che troviamo nei libri: la nascita dell’Unione sovietica, il dramma del genocidio armeno, la storia della nascita della Turchia moderna attraverso l’assassinio, la tortura e il sangue dei suoi figli migliori. Tutto questo esce dal libro attraverso il dolore per un amico torturato, la rabbia per un padre giustiziato, lo sgomento per la morte improvvisa di una madre durante il colloquio nel carcere.
Nessuno come Nazim Hikmet ha saputo esprimere una fusione totale tra l’amore incondizionato per le donne e per l’umanità intera tranne, come scrive nel libro, per i nemici dell’umanità. “ Non sono nemico di nessuno. Tranne chi ha fatto uccidere Mustafa Suphi. A parte le classi sfruttatrici; a parte l’ufficiale biondo che ha ucciso il padre di Anuška, …” . L’amore per gli esseri umani in Hikmet che sia eros, o amicizia, è sempre impeto e passione, non è un scialbo agàpe cristiano che è, in primo luogo, amore per la divinità, e poi, se ne avanza, per gli esseri umani.


Nazim lo troviamo nelle pagine del libro, ventenne, stordito, accanto al feretro di Lenin, e dopo pochi giorni lo sentiamo infuriarsi e perdere la testa geloso fino all’ossessione per una ragazza, come egli scrive anche nella poesia, Autobiografia, del ‘62 : “ero di guardia davanti alla bara di Lenin nel '24/e il mausoleo che visito sono i suoi libri (…) matto di gelosia delle donne ch'ho amato”.
Gli ospiti di Hikmet sono la nostalgia di non aver dato loro e al mondo abbastanza di sé; sono coloro con cui ha diviso odio e complicità contro i carnefici, amore, speranza, uguaglianza, … desiderio; sono la sua nostalgia perché egli sente che potrebbe dare loro ancora il suo cuore che pulsa per il mondo degli umani.”I miei ospiti non sono invecchiati, ma io sono sulla sessantina. Potessi vivere cinque anni ancora”. Non vivrà ancora cinque anni, vivrà all’infinito nei pensieri di chi non ha perso la speranza di una umanità possibile.


Gli ospiti di Hikmet emergono dalla sua “fantasia ricordo” puri e gioiosi nella loro umanità per dire “Gran bella cosa è vivere miei cari” e sono così struggenti nella loro semplicità che divampa nelle pagine bianche del libro per raccontare perché un uomo semplice diventa un poeta.
Poi “il cuore si sfa” come scriveva Montale, e ci sussurra che nessun boia, nessun aguzzino, nessun carceriere potrà mai domare l’amore per gli esseri umani che nasce all’alba della vita, alle prime sue luci. “Un proletario io sono,/ fino al  midollo amore./Amore: vista, pensiero, intelligenza./Amore: il bimbo che nasce, la luce che avanza …”.

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

Buonanotte Mondo

Allontanare i pensieri 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

Romanzi e racconti

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Gioconda guarda il mare. Dietro di sé la porta verde di casa, a sinistra il sentiero che porta al faro e agli orti, a destra la via che va al...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. La giovane selezione della Cinéfondation

Cannes 73. La giovane selezione della Cinéfondation

CANNES - Lo sfortunato Festival del cinema di Cannes, una delle manifestazioni internazionali più importanti che ha pagato duramente le interferenze del coronavirus,  presenta la selezione Cinéfondation del 2020, ovvero...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Da Cardito nella Terra dei Fuochi un'artista unica che utilizza intense dinamiche cromatiche per intraprendere un profondo scavo psicologico

Alessandro Spadoni - avatar Alessandro Spadoni

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Intervista a Serlio Selli, direttore del laboratorio di Cromatos, l'azienda che colora il nostro vivere quotidiano 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Sport

Serie A: si riparte tra tamponi, contagi e la massima imprevedibilità

Serie A: si riparte tra tamponi, contagi e la massima imprevedibilità

Quarantotto giorni: è questo l’arco temporale che è passato dalla fine della scorsa stagione e l’inizio della prossima, ormai praticamente alle porte.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]