Martedì, 21 Febbraio 2012 07:45

Una fine irreversibile. “La fine del mondo storto" di Mauro Corona

Scritto da

ROMA - “La fine del mondo storto” (Mondadori 2010, p. 168, euro 18) racconta l’apocalisse secondo Mauro Corona.

Il mondo si sveglia, in un freddo inverno e si accorge che il petrolio è finito. Così quelle case costruite senza canne fumarie si trasformano in una  trappola. Muoiono migliaia di persone; improvvisamente ci si rende conto che il superfluo ha dominato per anni la vita. “Vivere” afferma Corona “ è come scolpire, bisogna togliere per vivere veramente”, dunque gli uomini in questo tramonto del mondo storto si rendono conto che possono fare a meno di moltissime cose; si può mangiare senza tavolo e senza sedie, i soldi e l’oro non servono a nulla senza il cibo. Quelle cose che avevano un’enorme valore, davanti alla morte, non sono nulla. La storia, cruda e spietata, ma tuttavia anche piena di speranza, ha avuto una genesi lunga eppure semplice. "Ero stufo di foreste, cuculi e fiorellini, avevo sentito quei professionisti che giudicano questo libro è bello quell’altro no, dire che mi ripetevo. Allora ho pensato di scrivere un libro planetario, in cui ci sono dentro i critici letterari, i critici d’arte e quelli gastronomici. Tutto il mondo è nel mio libro compreso i giornalisti e gli ambientalisti". 

I ricchi sopravvissuti si accorgono di non poter comprare nulla. L’unica soluzione per salvarsi è recuperare quel passato chiuso nei musei, quel passato fatto di lavori manuali che ormai si stanno estinguendo. Non è casuale che a salvarsi sono i contadini, pastori e boscaioli gli unici che non hanno perso la manualità. Finalmente gli uomini trovano il tempo per vivere, non hanno più bisogno di nulla per essere felici, ma Mauro Corona non ci dà una ricetta della felicità  "La felicità è proprio non averla, c’è chi la trova in una Ferrari nuova, c’è chi la trova in un litro di vino, ma la vita deve essere difficoltosa per apprezzare le piccole cose. Se non hai un soldo per comprarti le scarpe le apprezzi di più. C’è gente sempre insoddisfatta. Stare bene mi dà fastidio, quando sto bene devo ubriacarmi per ripartire da zero. Vedo la vita che scappa via, vedo i miei errori, vedo il rapporto con mia madre e mio padre. Quell’abbandono che ci fu da bambino. Mi viene questa ribellione di buttarmi via e dico no, devo resistere".

Mauro Corona (Erto, Pordenone 1950) ha seguito fin da bambino il nonno paterno (intagliatore) in giro per i boschi. Nello stesso tempo, il padre lo portava a conoscere tutte le montagne della valle. Dal primo ha ereditato la passione per il legno, diventando uno degli scultori lignei più apprezzati d'Europa. Dal padre gli deriva l'amore per la montagna. Alpinista e arrampicatore fortissimo, Mauro Corona ha aperto trecento nuovi itinerari di roccia sulle Dolomiti d'Oltre-Piave. È autore di Il volo della martora, Le voci del bosco (entrambi tradotti in Germania), Finché il cuculo canta, Gocce di resina, La montagna, Nel legno e nella pietra, Aspro e dolce, L'ombra del bastone, Vajont: quelli del dopo, I fantasmi di pietra, Cani, camosci cuculi (e un corvo), Storia di Neve, Il canto delle manére e della raccolta di fiabe per ragazzi Storie del bosco antico.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

La cultura dentro e fuori l’Accademia. Intervista a Julia Draganović

Abbiamo incontrato la neodirettrice di Villa Massimo, Accademia tedesca a Roma. Con lei abbiamo parlato di promozione culturale, del senso della Istituzione che guida e di come la cultura sia...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]