Lunedì, 19 Novembre 2012 16:50

Roma. I vincitori del premio “I maestri dell’artigianato ”

Scritto da

ROMA - La città di Roma anche quest’anno ha premiato il saper fare. Lunedì 19 novembre alle ore 10.30, nei suggestivi spazi dell’Esedra del Marco Aurelio ai Musei Capitolini, si è svolto l’appuntamento annuale del prestigioso Premio “Maestri dell’Artigianato”.


I 30 artigiani premiati e i 3 a cui sono stati conferiti i riconoscimenti speciali portano avanti da decenni la loro attività, operando su tutto il territorio della città, dal centro storico alla periferia fino a raggiungere il litorale romano. Nonostante la difficile congiuntura economica dell’ultimo periodo, le realtà artigiane romane continuano ad essere un settore fondamentale per la produzione e per l’occupazione.
 Vanno segnalate le menzioni speciali di quest’anno:
 ad Osvaldo Carnevale della Fonderia Fratelli Carnevale sarà consegnata la Lupa Capitolina per aver contribuito a promuovere l’immagine della romanità grazie alla produzione, da oltre 60 anni, di elementi in ghisa, tra cui lampioni, gettacarte e, soprattutto, i celebri “Nasoni”  simbolo della città e del Premio “Maestri dell’Artigianato”;
 a Renato Savi Sarto abiti da sposa RS Couture tra i nomi più prestigiosi del Made in Italy;
 a Francesca Di Majo, Claudio Papi e Claudio Valletti, fotografi del Campidoglio di Roma, che hanno saputo mettere l’arte della fotografia al servizio di Roma Capitale, raccontando i cambiamenti che vive la città con un occhio attento e curioso.

Di seguito tutti i vincitori:
1. EDOARDO ANSUINI
Via della Stelletta, 123 / angolo Via della
Scrofa, 33
Panificatore
Erede di una storica famiglia originaria di Norcia e da secoli dedita alla salumeria e alla norcineria, eredita l’attività fondata dal padre negli anni ‘50, specializzata dapprima nella vendita dei noti prodotti umbri e poi nella produzione artigianale di squisiti pani speciali, pizze e pasticceria. Amati dai suoi affezionati clienti, oltre che dai tanti turisti che affollano il negozio di via della Scrofa, sono i biscotti ai pistacchi, mandorle e nocciole, il pane multicereali e il pane caldo sfornato a tarda sera.

2. LUCIANO BELLOTTI
Via Guido De Ruggiero, 25
Barbiere
Intraprende l’attività di famiglia a soli 14 anni per poi iniziare a lavorare, come dipendente, presso uno dei più noti parrucchieri della Roma degli anni ‘70, “Il Selvaggio”, esperienza che gli dà la possibilità di viaggiare per convention in Sud America e gran parte dell'Europa. Oggi, a distanza di 30 anni dal momento in cui quel salone è diventato il suo prendendo il nome di “Caos”, Luciano vanta una fedele clientela di calciatori della Roma, tra cui il Capitano Francesco Totti che - in occasione della vittoria ai Mondiali del 2006 – lo chiamò a Berlino per il famoso taglio di capelli che lo ha reso celebre.

3. VALTER BETTI
Via della Massimilla, 230
Autoriparatore
Romano classe 1944, svolge il suo mestiere di autoriparatore da oltre 40 anni, essendosi specializzato, negli anni, nella riparazione meccanica ed elettronica di auto, nell’installazione di impianti di aria condizionata e in impianti GPL e nel soccorso stradale. Oggi, la sua officina è sede di stage per operatori provenienti da scuole professionali e di avviamento al lavoro e vanta collaborazioni con le più prestigiose aziende automobilistiche internazionali.

4. ALFONSO BONÈ
Via delle Gondole, 115
Sarto creatore di abiti da sposa
Nato a San Paolo del Brasile, conseguito il diploma, entra nel prestigioso atelier di abiti da sposa “Salem Spose”, fondato dai genitori nel 1974. Negli anni ne prende le redini e lo avvia ad un significativo processo di trasformazione sotto il profilo artigianale e commerciale. Oggi, marito e padre di due figli, Alfonso continua a curare, coadiuvato dai migliori esperti del settore, la produzione di abiti da sposa dai tessuti più pregiati e dalle linee più esclusive.

5. ASSUNTA CAVALLETTI
Via Nemorense, 181
Pasticcera
Regina incontrastata della pasticceria che per tutti i romani è sinonimo di millefoglie, Assunta si dedica da oltre 30 anni con passione al suo negozio di via Nemorense aperto, dal marito Sergio, in quel lontano 23 gennaio del 1951. Bottega Storica dal 2009, Cavalletti è da anni annoverata tra le 5 migliori pasticcerie d’Italia e vanta blasonati clienti ai quali offre - oltre che il celebre millefoglie con chantilly di zabaione – un vasto assortimento di prodotti che Assunta e i suoi artigiani collaboratori eseguono ogni giorno rigorosamente a mano e con le migliori materie prime, seguendo le più antiche ricette e tradizioni culinarie regionali: dal babà alla pastiera, dal panettone alle pizze umbre al formaggio.

6. DINO DUCA
Via di Vigna Stelluti, 151
Orologiaio
Romano del 1932, si appassiona all’orologeria a soli 10 anni iniziando a smontare le sveglie di casa. Solo due anni dopo inizia il suo praticantato presso la Scuola di Meccanica Fine e Orologeria di Roma, frequentando nello stesso tempo lezioni private da un docente di Oreficeria dell’Accademia di Belle Arti e collaborando in un laboratorio orafo di via Leone IV. La sua attività tecnica e artigianale prosegue, negli anni, presso vari laboratori della Capitale, fino al 1962, anno in cui apre il proprio negozio di via di Vigna Stelluti. Dino è iscritto da allora all'Associazione Regionale Romana Orafi, all’interno della quale ha svolto per 25 anni l’attività di consigliere e dalla quale ha ricevuto il riconoscimento "Bulino d'Oro".
7. SILVA ERNESTI
Viale di Castel Porziano, 481
Sarta creatrice di abiti da sposa e da cerimonia
Saldamente a capo da quasi 50 anni dell’attività avviata, nel 1964, insieme al marito Franco, Silva è famosa per le sue creazioni dalla confezione accurata e dalla grande vestibilità. Intenta nella ricerca di sempre nuove tendenze di stile, unite ad una minuziosa ricerca dei materiali e dei decori che impreziosiscono i suoi celebri abiti da sposa, Silva dedica inoltre una speciale attenzione anche agli abiti da cerimonia, che produce nella sua sartoria oltre che con la prestigiosa griffe “Silva Ernesti”, anche con i marchi “Paola Blu” e “PBKey”.

8. FABIO FECCHI
Via Nicola Zabaglia, 35
Autoriparatore
Romano del 1955, è a capo dell’officina di famiglia, fondata, nel lontano 1965, a pochi passi dalla Piramide Cestia, e specializzata oggi in un servizio altamente professionale di verniciatura e riparazione auto grazie alla collaborazione di 9 operai sempre aggiornati e all’avanguardia sulle nuove procedure.
Con i suoi 850 mq e grazie alla lunga collaborazione con marchi quali FIAT e Alfa Romeo, l’officina di Fabio ha ottenuto il riconoscimento “Five Star Service Dupont”, a conferma dell’elevatissima qualità del servizio offerto.

9. AMERICO FERRERA
Piazzale della Stazione del Lido, 12
Sarto
Originario della provincia de L’Aquila, inizia a lavorare a soli 15 anni presso un sarto del suo paese e, dopo la leva militare, decide di tentare la fortuna a Roma, dove si trasferisce nel 1968. Frequentando per tre anni una scuola serale di taglio e preparazione di modelli apre, nel 1970, il suo laboratorio nel cuore di Ostia, nel quale avvia una produzione di abiti su misura fino a quando, nel 1980, inizia a collaborare con la compagnia aerea ATI e poi con Alitalia per la fornitura di divise da pilota e da assistente di volo, occasione che gli consente di aumentare notevolmente il flusso di lavoro e di entrare in contatto con aziende straniere.
Oggi settantenne, Americo pensa alla pensione e, guardandosi indietro, non può che ritenersi soddisfatto della sua lunga carriera.

10. ANNA GATTI
Via Nemorense, 211
Pastaia
A capo, insieme a Maurizio Antonelli, di quello che per i romani è il tempio della pasta fresca, Anna ha il merito di offrire alla sua vastissima clientela, che ormai ha valicato i confini non solo della città ma anche nazionali, il vero sapore della pasta artigianale. Riconosciuto Bottega Storica e sito dal 1953 nel cuore del quartiere Trieste, oggi “Gatti” è presente nelle guide più esclusive, da Gambero Rosso a Guida Routard, grazie alle sue prelibate ricette, come i famosi ravioli ripieni di ricotta, i tortellini, gli agnolotti, preparati con le migliori materie prime da Anna, Maurizio e un prezioso staff di artigiani specializzati.

11. SABRINA GENTILESCHI
Via Baccina, 38b
Orafa
Conclusi gli studi, entra subito nello storico laboratorio fondato dalla sua famiglia negli anni ‘60, nel cuore del Rione Monti e – dopo anni - grazie anche al diploma conseguito allo IED in Design del Gioiello e alla pluriennale esperienza maturata fin da ragazza nella bottega, Sabrina gestisce ancora oggi con successo l’attività, con la collaborazione di due soci e di un dipendente. Sabrina ha inoltre partecipato, nel tempo, a numerosi concorsi del settore, come il “Diamonds International Award”, indetto dal Centro Informazione Diamanti, che la classifica - nel 1993 - tra i 100 migliori designer europei.

12. ROBERTO GIACINTI
Via dei Bragozzi, 16
Panificatore
Rimane affascinato dall’arte bianca all’età di 6 anni, quando osserva papà Ennio sfornare le prime prelibatezze nella bottega che ha appena aperto nel cuore di Ostia: è il 1961 e Ennio e il suo forno diventano ben presto un punto di riferimento per il quartiere, grazie ai prodotti genuini e alle famose specialità.
Lasciati gli studi - a soli 14 anni – Roberto decide quindi di affiancare definitivamente il papà in negozio e oggi, a sua volta aiutato dai figli, perpetua il successo del “Forno Giacinti” ad oltre 50 anni dalla sua fondazione.

13. ANTONIO GRANERI
Via S. Andrea delle Fratte, 36
Sarto
Originario di Gerace, in provincia di Reggio Calabria, inizia a lavorare in sartoria quando è ancora un bambino alle scuole elementari. Trasferitosi a Roma nel 1961, a soli 18 anni, Antonio perfeziona la sua tecnica con grandi maestri fino a che apre un proprio laboratorio - dapprima in via Rasella e poi nella sede attuale di via S. Andrea delle Fratte - a due passi da Piazza di Spagna. Negli anni acquisisce una numerosa ed eletta clientela e partecipa con successo a manifestazioni conquistando, nel 1979, il premio “Due Mondi”, nell’ambito del noto Festival omonimo di Spoleto. Dal 1992 Antonio è anche membro dell’Accademia Nazionale dei Sartori.

14. LILIANA LAURINI
Viale Carlo Tommaso Odescalchi, 39/41
Pastaia
Si appassiona all’arte della lavorazione della pasta quando ancora bambina si incantava a guardare la mamma in cucina stendere l’impasto per ravioli e tortellini per poi, a soli 14 anni, iniziare a lavorare in un laboratorio mettendo così in pratica gli insegnamenti familiari. A 20 anni incontra quello che sarà il suo futuro marito, Cleto, con il quale decide, di lì a poco, di aprire un proprio negozio dove Liliana, a distanza di oltre 30 anni, vizia ogni giorno una clientela di buongustai, annoverando tra gli affezionati estimatori personaggi del mondo dello spettacolo come Michele Placido e Amanda Sandrelli.

15. ADOLFO LEFEVRE
Via del Pellegrino, 99
Orafo
A capo dello storico laboratorio, fondato, nel lontano 1897, in via del Pellegrino dal suo omonimo capostipite, Adolfo apprende ancora bambino i segreti e le tecniche della lavorazione dei metalli preziosi che la famiglia Lefevre si tramanda di padre in figlio da ormai  4 generazioni. Attento a preservare la dimensione squisitamente artigianale dei suoi  manufatti, Adolfo è, inoltre, da anni impegnato nell’associazionismo del settore, figurando tra i soci fondatori di organi quali la Camera del Gioiello, il Consorzio Orafo Romano e il Collegio dei Periti Italiani.

16. ALFONSO MARCHI
Via della Cellulosa, 14
Autoriparatore
Romano classe 1958, Alfonso prende il diploma di elettrauto nel 1972 alla scuola professionale Don Orione divenendo poi perito meccanico due anni dopo. Dopo aver svolto il lavoro di apprendista presso alcune importanti aziende, nel 1980, apre la propria officina in via della Cellulosa, nel quartiere Casalotti. Da allora si specializza, negli anni, nella riparazione di auto d’epoca, collaborando con marchi prestigiosi e instaurando un rapporto di fiducia con realtà istituzionali come Polizia di Stato, Guardia di Finanza e l’Amministrazione di Città del Vaticano.

17. FABIO ROMANO MONTICO
Via delle Gondole, 110
Fotografo
Nato a Johannesburg nel 1961, Fabio coltiva fin da giovane l’arte della fotografia, frequentando numerosi corsi grazie ai quali acquisisce ben presto professionalità e competenza. Si specializza più tardi nella fotografia di scena e teatrale, collaborando con artisti di fama internazionale e instaurando, nello stesso tempo, rapporti con aziende del calibro di Eni, Nokia e Nero Giardini. Già Presidente di Confartigianato Fotografi, Fabio sostiene da sempre l’importanza dell’aspetto artigianale della fotografia, senza però dimenticare il continuo aggiornamento nello studio delle tecniche più avanzate.

18. TEODORO MOTTOLESE
Piazza Giuliano della Rovere, 16
Parrucchiere
Figlio d’arte, eredita dal padre la maestria e l’impegno nel portare avanti il salone di famiglia, fondato nel centro storico di Ostia nel 1969. Collabora da sempre con le più grandi case dell’Alta Moda romana quali Fendi e Biagiotti e realizza, negli anni, inoltre, numerosi servizi fotografici per testate di moda del calibro di Vogue e Harper’s Bazaar, nelle edizioni sia italiane che internazionali. Negli ultimi tempi Teodoro si dedica con assiduità all’attività di insegnante, trasmettendo le sue tecniche agli allievi di “Accademia Romana Acconciatura”.

19. CRISTIANA PERALI
Via dei Banchi Vecchi, 60
Orafa
Rappresentante della terza generazione della storica Ditta Perali, fondata da nonno Carlo nel lontano 1907, Cristiana prosegue la tradizione di famiglia nel suo laboratorio di via dei Banchi Vecchi, specializzato nella realizzazione delle più originali creazioni di alta gioielleria famose in tutto il mondo.
Cristiana, da sempre sensibile al tema della salvaguardia del decoro del Rione Ponte, è Presidente dell’Associazione Banchi Vecchi e Strade Adiacenti.

20. ANTONIO PETRONE
Via Giovanni Battista Bodoni, 22
Falegname Restauratore
Inizia a lavorare nella bottega di un falegname nei pomeriggi dopo la scuola elementare, per la gioia dei genitori che desideravano per lui un mestiere serio fatto di passione e dedizione. Così è stato infatti per Antonio che subito si appassiona all’arte del legno fino a quando, all’età di 21 anni, si mette in proprio iniziando così a realizzare importanti manufatti per illustri personaggi, dal Principe Torlonia al grande Alberto Sordi. Oggi Antonio – conosciuto nel quartiere Testaccio come “il Pomacciolo d’Oro” - continua la sua attività artigianale coadiuvato dai due figli Andrea e Massimo.

21. GIORGIO PROIETTI
Via Giovanni Branca, 41
Tappezziere
Inizia a lavorare giovanissimo nel lontano 1950 per poi aprire, nel 1962, la sua una bottega di tappezziere. Oggi, a distanza di più di 50 anni, Giorgio gestisce ancora con immutata passione, e grazie all’aiuto della sua famiglia, il suo negozio nel cuore di Testaccio, un luogo d’altri tempi che lo ha reso una vera istituzione nel quartiere.

22. FABIO QUAGLIANI
Via di Cervara, 186
Artigiano esperto nella lavorazione della gomma
Romano del 1955, Fabio inizia a lavorare come apprendista stampatore nel 1981, attività che negli anni ha perfezionato divenendo oggi un apprezzato artigiano, specializzato nella stampa e nella lavorazione della gomma, mestiere che esercita da sempre con passione nella stessa storica ditta nel cuore del quartiere Tor Cervara.

23. GIUSEPPE RAMUNDO
Via Careggine, 209b
Falegname
Nativo di Cerchiara di Calabria nel 1938, Giuseppe si trasferisce a Roma negli anni ’60 dove fonda una falegnameria che, da piccola bottega artigiana, diventa ben presto una realtà imprenditoriale affermata. Mantenendo tecniche di lavorazione artigianali, il suo laboratorio si è inserito a pieno titolo nel panorama delle imprese che fanno della creatività e dell’affidabilità i propri punti di eccellenza. L’elevata professionalità delle maestranze, l’innovazione tecnologica e soprattutto l’amore per il legno, l’arredamento e l’architettura, sono gli elementi che da sempre caratterizzano la falegnameria di Giuseppe che annovera tra i suoi clienti Ministeri, Ambasciate, Università, banche, grandi alberghi e palazzi storici romani.

24. VINCENZO ROMANELLI
Via Eratostene, 8
Carrozziere
Inizia a lavorare nel 1960, quando, poco più che ragazzino, entra in carrozzeria come dipendente, per poi diventarne - nel 1974 - proprietario, dopo anni di duro lavoro e sacrifici. Da allora è passato mezzo secolo e
Vincenzo gestisce ancora con il suo solito sorriso e grazie all’aiuto di un dipendente, la carrozzeria di via Eratostene, vero punto di riferimento nel quartiere di Torpignattara.

25. LUIGI ROMANO
Via Elvia Recina, 15/17
Calzolaio
Nato nel 1940 a Paternopoli, un paesino nella provincia di Avellino, si trasferisce, nel 1955, a Roma dove inizia come operaio, in una bottega di via Pompei, la sua attività di ciabattino. Nel 1960 apre, in via Elvia Recina, nel cuore del IX municipio il suo negozio “la Rapida”, nome che la dice lunga sul carattere di colui che manda avanti l'attività da oltre cinquant’anni: veloce, bravo ed instancabile sono le caratteristiche del grande "Gino", che nella sua bottega ha visto passare clienti affezionati e celebrità di cui conserva il ricordo nelle numerose foto e dediche attaccate alle pareti.

26. STEFANO SIMMI
Via dei Soldati, 20/27
Corniciao
Nato nel 1954, diplomatosi geometra, apre, nel 1978, la sua bottega in via dei Soldati, specializzata nella realizzazione e riparazione di cornici. Negli anni, Stefano ha allestito e diretto numerose mostre personali e collettive di artisti nazionali ed internazionali, curando il mercato di artisti della “vecchia” e “nuova” “scuola Romana”, e partecipato con successo a prestigiose fiere del settore.

27. DANTE SMARCHI
Via della Tolda, 24
Panificatore
È alle redini dell’attività di famiglia, fondata dal capostipite - il suo omonimo nonno Dante - che, negli anni ‘20, partì dalle Marche e si stabilì con i suoi 7 figli ad Ostia aprendo una prima rivendita di “pane, pasta e pizzicheria”. Il negozio, che ha resistito non senza difficoltà ai duri anni del II conflitto mondiale, è dal 1956 sito nella storica sede di via della Tolda gestito prima da papà Daniele e dai suoi fratelli Mario e Alvaro e oggi da Dante e dalle sue sorelle Onorina e Silvia, anche loro dedite all’arte della panificazione e della pasticceria, tanto da deliziare, giorno dopo giorno, generazioni di studenti e avventori della vicina spiaggia, con la specialità di famiglia: la celebre pizza bianca.

28. EMANUELE SPATARO
Via delle Gondole, 63/65
Autolavatore
Originario di Raffadali, in provincia di Agrigento, dopo cinque anni trascorsi in Germania a lavorare come operaio nel settore delle costruzioni stradali, si trasferisce nella Capitale dove apre, insieme al fratello Giuseppe Salvatore, l’autolavaggio che ancora oggi gestisce con dedizione e serietà mantenendo inalterato un successo che dura da 32 anni.

29. SALVATORE TOTINO
Via Lucullo, 11
Parrucchiere
Calabrese del 1932, inizia a lavorare nel 1957 come apprendista per poi diventare, nel 1963, proprietario del suo primo salone di parrucchiere. Attività che gestisce, oggi come allora, all’età di 80 anni, con immutato successo, grazie alla collaborazione di 4 dipendenti e alla passione che da sempre lo lega al suo mestiere.

30. ALBERTO VALENTINI
Via Angelo Brunetti, 30
Bronzista
È il rappresentante della terza generazione di una famiglia da sempre dedita all’artigianato, che vede iniziare la sua storia quando il nonno, nella sua bottega di via delle Fornaci, restaurava mosaici per il Vaticano. Ma è dal papà, specializzatosi in argenteria, cesello e sbalzo presso la scuola dall’arte “San Giacomo”, che Alberto eredita la passione ed il talento per l’argenteria, iniziando a lavorare, a soli 16 anni, come garzone in una bottega del centro, per poi trasferirsi nell’attuale sede in via Angelo Brunetti, a due passi da via di Ripetta. La passione per un mestiere tanto particolare quanto difficile dilaga in famiglia e “colpisce” il fratello Maurizio e il giovane nipote Alessandro, oggi “i Bronzisti” – come amano definirsi - squadra vincente specializzata nel restauro e nella ricostruzione di oggetti in bronzo, rame e ottone di epoca ‘500 - ‘800 e che vanta oggi una clientela di antiquari e collezionisti italiani ed internazionali. Alberto gestisce inoltre con successo un secondo laboratorio in via Leonina, dove realizza gioielli decorativi per le grandi case dell’Haute Couture parigina.

PREMIO SPECIALE
FRANCESCA DI MAJO / CLAUDIO PAPI / CLAUDIO VALLETTI
UFFICIO FOTOGRAFICO DI ROMA CAPITALE
Piazza del Campidoglio, 1
Francesca Di Majo, Claudio Papi e Claudio Valletti sono i fotografi del Sindaco di Roma. Ma il loro lavoro non si limita a seguire tutti gli eventi a cui partecipa il Primo Cittadino, è piuttosto una forte passione che li spinge a raccontare ciò cha accade all'interno del Campidoglio e i cambiamenti che vive la città con un occhio attento e curioso. Autorità, Istituzioni, Capi di Stato, personaggi della cultura, dello spettacolo, persone comuni, ma anche inaugurazioni, eventi e cerimonie: in tanti anni i tre fotografi hanno immortalato i momenti salienti dell'attività del Sindaco e hanno testimoniato, con i loro scatti, la capacità di rinnovamento della Capitale. Di Majo, Papi e Valletti sono professionisti che hanno a che fare con la fotografia sin da giovani e che hanno coltivato la loro arte di riprodurre la realtà attraverso una lente con molta dedizione. Avere la possibilità di mettere a servizio del Comune di Roma, ora Roma Capitale, la loro capacità continua a dare forti stimoli nel lavoro quotidiano e il riconoscimento di tanto impegno da parte dell'Amministrazione, rappresenta una motivazione in più per proseguire il cammino professionale intrapreso con tanto entusiasmo.

RENATO SAVI
RS COUTURE ROMA
Via di Porta Pertusa, 4
Il suo successo nell’Alta Moda Sposa ha inizio nel 1980, anno del suo esordio sulle passerelle che lo consacra  in breve tempo tra i nomi più prestigiosi del Made in Italy. Amato dalla stampa e dalle celebrità, Renato Savi, dopo anni di collaborazioni con altre grandi case di moda, concentra oggi la sua attenzione sulla sua RS Couture Roma, atelier fondato con Ruggiero Suppa nel cuore della Capitale con sedi anche a Lecce e Milano,  per cui disegna in esclusiva le sue inimitabili creazioni. Coadiuvato da una schiera di sarte, modelliste e tagliatrici che lavorano secondo le più pregevoli tecniche della tradizione sartoriale, Renato realizza con meticolosità ogni singolo esemplare, curando il minimo dettaglio e dedicandosi con amore alle sue esigenti spose: ingredienti, questi, che rendono ogni suo abito un capolavoro di stile ed artigianalità.

LUPA CAPITOLINA

OSVALDO CARNEVALE
FONDERIA FRATELLI CARNEVALE
Via Terelle, 5
Nato a Roma nel 1933, secondogenito dei quattro figli maschi di papà Luigi e mamma Rita, Osvaldo cresce tra le difficoltà del II conflitto mondiale che di lì a poco sarebbe esploso anche a Roma in tutta la sua violenza. La famiglia Carnevale vive allora nel quartiere di San Lorenzo, scenario di un terribile bombardamento, ma è proprio dalle macerie che ha inizio la storia della famosa Fonderia. Infatti, è papà Luigi, nel 1946, ad iniziare, con un ridotto gruppo di operai, l’attività in un piccolo locale di via dei Sabelli, avviando poi al duro lavoro di fonditore i suoi due figli, Aldo e Osvaldo, ai quali poco più tardi si aggiungeranno anche i fratelli Alvaro e Mario.
Il tredicenne Osvaldo inizia quindi a scoprire i segreti del mestiere e collabora attivamente ai lavori della Fonderia affascinato dallo spettacolo della fusione e dal materializzarsi dei manufatti estratti dagli stampi di terra nei quali viene colato il metallo. Da allora molti anni sono passati e degli storici Fratelli Carnevale è rimasto solo Osvaldo a perpetrare con tenacia e coraggio l’attività di famiglia e ancora oggi, alla soglia degli  80 anni, si dedica alla sua amata Fonderia, trasmettendo giornalmente ai suoi figli, Elisabetta, Massimiliano ed Andrea la sua immensa esperienza. Oggi la Fonderia Fratelli Carnevale, specializzata nella produzione di elementi in ghisa, è leader nella fornitura di arredi esterni per numerosi Comuni italiani e realizza per la Città di Roma, oltre che lampioni in stile e gettacarte, i celebri “Nasoni”, elemento imprescindibile della romanità e simbolo del Premio “Maestri dell’Artigianato”.

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

Poesia

L'anima oziosa

Nell’anima mia infingarda si annida insaziabile l’orda sfrenata dei desideri.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Isabella, in una mattina d'estate confina di tempesta

Ad Isabella Viola morta di fatica a dicembre 2012 nella stazione Termini di Roma

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

La vittoria sulla paura: vincere contro il cancro si può

Sul mare di Bari  al  2° Trofeo Nazionale “LILT di Dragon Boat tenutosi  il 22 e 23 settembre vince l’equipaggio in rosa delle  Pink Butterfly dell’associazione Pagaie Rosa dragon boat...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Donna: sinonimo di genio e creatività

Non solo Rita Levi di Montalcini o Frida Kahlo, scienziate di fama o celebri artiste:ci sono donne altrettanto geniali ma meno conosciute alle quali dobbiamo comunque  grazie, a cominciare da...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Speech Art

Quattro voci e una Biennale. Speciale Speech Art Venezia

Quasi alla fine dell’ultima edizione della Biennale di Venezia, raccogliamo le idee e tentiamo di rispondere a un quesito fondamentale che ci sale alla mente, proprio a partire dalle parole...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077